Festa di Trivio a New York

Il?giorno 13 settembre 2009 negli Stati Uniti d’America e precisamente a New york presso il ristorante Carosello di Howard Beach si e’ celebrato il quinto ballo annuale dei Triviesi d’America.
Hanno partecipato con amicizia e fraternita’ tutti i triviesi residenti in alcuni stati locali di cui il New Jersey,?Massachusetts e New York.
La festa si e’ svolta in allegria mangiando deliziose e tradizionali pietanze Italiane , inoltre si e’ ballato al suono del Dj Angelo.
Il Presidente Pasquale Guglielmo ringrazia tutti per la partecipazione a questa festa annuale sperando che l’anno prossimo?12 settembre 2010 saremo di nuovo tutti insieme a celebrare questa bellissima festa paesana.
Vi abbraccio tutti Pasquale Guglielmo.

GLIU STRUMMEGLI

?



GLIU? STRUMMEGLIO


Scritta e diretta da. Antonio Forte?????????????????????? foto degli attori
Personaggi????? ed???????????????????????? interpreti:
Scarparo?????????? Bruno Marricco
Falegname????????????????? Antonio Fantasia)
Gennarino????.???????????? Gino De Meo
Maria?????????????? Monica Lupo
Giovanni il macellaio?????? Arturo Grimaldi
Marisa la zitella ????? .? Anna Maria Riforgiato
Il Bidello?????..??????? Giuseppe Balsano
La contadina?????????? Anna Forte)-
La madre di Gennarino??? Maria Lombardi
Il Ragazzo ????????? ..??? Michelino Guglielmo
Le clienti????.?????????? Immacolata Di Nucci
Velia Ciccolella
Il Contadino????.? Francesco Capodiferro
I suonatori????? Angelo De Meo-Benedetto Bardaro
SCENE ? Renzo Lupo ?Francesco Capodiferro ?
Luci & Audio ?Gino Gaudenzi ?Giuseppe Forte
Assistente? di Scena :Teresa De Santis ? Giulia Izzo

Aiuto Regia???????? Antonio Fantasia
Regia???????? Antonio? Forte

I? ATTO? -? PROLOGO -? LA? SERENATA????????? ?
SCENA I? -ANGELO – MAST?ERRICO? – GIOVANNI
Angelo = (entra nella scena in penombra con l?organetto si guarda intorno e poi sedendosi sulla panchina incomincia? a suonare? guardando l?orologio preso dal taschino)
Mast?Errico = ( entra con la chitarra) U? Ngiugl? e tustai gi? c??
Angelo = Mo proprio so venuto, ma a che ora era l?appuntamento?
Mast?Errico = Alle diece me sembra.
Angelo = E so le diece e nu quarto e gliu chianchero ancora nun se vede, se la piglia cu commuto.
Mast?Errico = Gliu macellaio star? ancora a sfasci? gliu porco c?ha acciso ieri sera.
Angelo = Ma se se fa troppo tarde po? agliu primo sogno nisciuno ce sente.
Mast?Errico= La serenata abbasta che la sente? la? uagliona ?nteressata.
Angelo = Ma gli genituri so d?accordo? A me me sembra na cosa nu po? troppo ndecente. Uno spusato che se mette a ? appresso a na givenella.
Mast?Errico = I? sacce che gliu pate ? d?accordo, ma me sembra che la mamme e la uagliona nun ne vonno sap?.
Angelo = Ma po?, a nuie che ce ?mporta? Basta che alla fine gliu macellaio sgancia.
Mast?Errico = Per?, ? nun ce vedo tanto chiaro! Speriamo che nun ce tirono caccosa appresso!
Angelo =E ma nuie ce mettemo nu poco scansato, ?? isso che s?hadda fa ved?, gliu faccio mette proprio sotto la finesta.(accenna ancora a suonare)
Mast?Errico = Ma che pezzo ama sun??
Angelo = E mo che v? vedemo chello che v? sun?.
Mast?Errico = Ma nun te s? accurdato cu isso, hai ditto che ivi apposta alla putea.
Angelo = E so iuto duie vote alla macelleria, ma ce steva? gente e pure la? mugliera e nun aggio pututo cumbin? niente.
Giovanni = ( avvolto in un mantello) Ah, e vui stai gi? c??!
Angelo = Ah,Giu?,finalmente, c?hai fatto ntesech? pe lu friddo! Nun vulivi ven? chi??
Giovanni = E ? v?aspettavo alla putea.Aggio acciso gliu porco e so stato a sistemarglio.
Mast?Errico=che te dicevo? M? che se fa tarde. Che vulemo f? n?assolo de musica amma? pure cant??
Giovanni=? Facemo come semo rimasti gl?ato jorno:Vuie fate l?intruduzione e po? attacco ? a cant?.
Angelo = S? va bono, facemo come semo rimasti:
Eccome bellamia ca so?? venuto!
Mast?Errico = Ma la canzone? me sembra nu poco difficele,tu Giu? ce riisci?
Giovanni = E che ce vo?! E che ? la prima vota che la canto? Chesta ? proprio la canzone ?? ? appropriata.
Mast?Errico = Giu?, ma semo sicuri che nun ce succede caccosa?
Giovanni = Ma? che ci hadda succede?
Angelo = V?? dice,? la serenata ? benaccetta?
Giovanni= E come no? Aggio parlato cu gliu pate e m?ha assicurato che se po? fa.Anze m?ha ditto che po? isso scegne,dopo la serenata,ce v? a rapr? e magare ce scappa pure cacche bicchierino.
Mast?Errico = Ma cu la mamma nun ci hai parlato?
Angelo = Quanti fatti vu sap?.Nuie amma solo sun?. Chello ce? ?nmporta.
Mast?Errico = No a me me mporta che nun m?arriva caccosa ncapo!
Giovanni = Mast?Err? e come la fai? fraceta! Mai chi? scuro della mezzanotte ce po? ven?.Su? ?ncuminciamo che se fa tarde e se gli piglia gliu sogno calecato sprecamo? tempo.
Angelo = S?,s?, so pronto?Tu si pronto?
Giovanni = Prontissimo!
Mast?Errico = Giu?, tu per? mettete sotto la finesta,v? cc?,accuss? se sente meglio. ( lo spinge sotto l?arco )
Angelo = Allora Giu?,quanne ? rallento tu parti.
Giovanni = (dopo? l?introduzione si attacca? a cantare)
Eccome bella mia ca so venuto;
i gran suspiri toi m?hanno chiamato;
nun aggio n? magnato e n? bevuto;
solo pensanno a te me so campato?!
Voce di donna = U??h! Giuagno de porcosicco, si nun hai magnato vattenne a magn? ?Che nuie hamma durm?,T?!
( una mano dalla finestra butta gi? del liquido
addosso a Giovanni da un vaso da notte)
Mast?Errico = Te l?avevo ditto che nun feniva bono?!
Angelo =? Eh meno male ce semo scanzati!
Giovanni = (scollandosi) Porcaccia miseria, m?hanno ittato lu pisciato ?ncoglio ?Pss..e come puzza! Gli pigliasse nu colera !
Mast?Errico = E chesso pecch? steva d?accordo cu gliu pate!
Angelo = Meno male ch? ? solo liquido,che si ce steva? pure lu solido ci ammorbava!
Giovanni = Sicuramente ? stata chella screanzata de la mamma che nun v? e me sta a ustacul? in ogni modo!
Angelo = Pure cu la benedizione mprufumata! (gesti e ride)
Mast?Errico = Pe furtuna che so stato? previdente, senn? la benedizione mprufumata? tuccava pure a nuie.
Giovanni= (minaccioso verso la finestra) Eh, ma nun finisce c?! Gli faccio ved? ? chi ? Giuagno porcosicco!
Angelo = Te conviene prima convince la mamma e po?..la figlia.
Giovanni = Eh, ma chella ? tosta!
Angelo = E tu cerca d?ammullarla, magare cu gliu sanguinaccio!
Giovanni = Eh, s??!
Mast?Errico = Eh, s?, s?! Masto Giu?, po? quanne hai convinto mamma e figlia me chiami n?ata vota! Pe m? reguliamo le pendenze!
Giovanni = Come sarebbe a dice? Che ce sta che penne?
Angelo = V? dice, dacce chello che m? c?haia d? e buonanotte!
Giovanni = Eh che t?aggia d?? Tu la serenata mica l?hai completata ?
Mast?Errico = E che significa? Semo stati a disposizione l?intera serata.
Giovanni = Ma ? nun aggio concluso niente.Solo nu bagno puzzolente!
Angelo = Eh si nun hai concluso niente nun ? certo colpa nosta. Pirci? damme chello che hammo pattuito e jammucenne a durm? che m? fa jorno!
Giovanni = E allora si ve vulete veramente guadagn? la paga, la serenata la purtamo a questo spettabile pubblico, speranno che nun ci tira appresso cacche cosa pure isso!
Angelo = E si ? per questa gente amata, la serenata ? gi? preparata!Tenete pronto? Giu?! ( fa segno )
Giovanni =? (dopo l?intreoduzione? attacca a cantare)
Buonasera, signuri e signore,
semo venuti cu canti e cu soni;
semo venuti cu soni e cu canti,
pe salutare a tutti quanti ;
pe salutare a sta brava gente,
che ci ha ascultato cu santa pacenza;
E se v?avemo divetiti, dopo un inchino,
vuie ci applaudite!
( finisce il canto, arretrano inchino, la luce si spegne)

?

SCENA? I? – FRANCHINO ? MASTO RAFFAELE – .
Franco = (entra guarda la bottega e siede sulla panchina)
Raffaele = (entra e va alla porta della bottega per aprirla)
Franco = (si avvicina) Bon giorno, Masto Rafele.
Raffaele = U?,buongiorno Francesch?. Te serve? caccosa?
Franco = (mostrando la cavezza) M?avissa aggiust? sta capezza de la mula mia..
Raffaele = Aspetta? che? rapro. Aiutame a cacci? gliu bancareglio? fore.
Franco = Ecco? subbeto.
Raffaele = (aiutato da Franco? mette fuori il desco ecc. mette il grembiule) Allora, che ce sta da fa a sta? capezza?
Franco = Ecco vidi, s?? rotta cc?. (mostrando il punto)
Raffaele = (la prende) Ah, a c? ce basta nu ribattino.
Franco = Masto Raf?, pecch? nun ci mitti pure dui punti cu lo spago impeciato?
Raffaele = Francesch?, e tu mo me vulisse mpar? gliu mestiere? Tu sai fa? gliu contadino e ? saccio fa? gliu scaparo, va bono?
Franco = No, no, ? che la mula mia,t? na forza? che ? gi? la seconda vota che rompe la capezza.Stammatina so iuto dento la stalla e aveva rotto la capezza e m?ha combinato pure n?ato uaio. M?ha sfunnato nu sacco? cu le sullecchele che steva sotto la magnatora e se l?? magnate quase tutte.
Raffaele = Francesch?, ma tu la sera alla mula tia, gli mitti da magn? pe la notte dento la magnatora?
Franco = La notte da magn?? E nun gli abbasata l?erva che se magna a pasce mente ?? zappo la terra?
Raffaele = Francesch?? tu fai come a Puritano che steva abbitu? gl?aseno a nun magn?, ma po?, vidi, che gl?aseno? quante s?era abituato s?? morto.
Franco = E chi era chisso, ? nun gliu conosco?
Raffaele = Va bono, lassemela c? sta capezza che stasera te la faccio truv? pronta.
Franco = MastuRaf?, so venuto apposta a prima matina acc? pe farmela aggiust? subbeto? che nun tengo n?ata capezza e la mula nun p? sc?. Sa stongo a cav? le patane
a Strammito e prima che le tasciole se le feniscono voglio ved? de levarle.
Raffaele = E va bono, per?, ce metto gliu ribattino.
Franco = Mettecene duie allora.
Raffaele = Va bono, ma tu m?avissa fa pru? le patane de Strammito, che m?hanno ditto che so tanto bone pe fa la nzalata.
Franco = Te ne porto nu beglio panaro.Ma le patane de strammito so doce come allo zucchero nun so proprio adatte? pe? la nzalata ,l? ce vulessero chelle de gliu monte che so nu poco aspre e cu gli pummadori, duie avrive, nu poco de reghena nun hai che magn?.
Raffaele = E i ce metto pure nu poco de marzuglino e cacche ovo uglito a tucchetti.
Franco = E puro chesso ma pe chi po?.
Raffaele = Ma tu patane agli monte? nun ne fai?
Franco = Addoll?? Mo pe gliu monte se? so arrazzati gli cinghiali e chello che punni punni, nun te fanno truv?? chi? niente. Chiuttosto tu che s? cacciatore, pecch?? nun vi cacche notte cu mico, ci appustamo, agliu Vate Gegno e vedrai che ce facemo la sauciccia pe tutto gl?agno.
Raffaele = Ma si pazzo? Lu sai che la caccia agli cinghiali ? vietata? Se t?acchiappano gli guardiacaccia? te fanno na multa che nun ci abbasta n?agno de fatica pe pagarla.T?, la capezza ? aggiustata e ci aggio misso duie ribattini e pure duie punti co lo spago impeciato,va bono?
Franco = Grazie, grazie, allora scuntamo a patane?
Raffaele = E va bono scuntamo a patane, ma degliu monte.
Franco = Se le trovo. Statte bone, gliu masto.(esce)
Raffaele = E statte bono, Francesch?.

SCENA II? RAFFAELE? – CICCIO
Raffaele = (entra in scena e va ad aprire la bottega di ? scarparo?. Musica d?occasione ? intanto mette fuori il deschetto per iniziare il lavoro)
Ciccio = (si avvicina? con una scarpa di dietro) Bongiorno Masturaffel? !
Raffaele= U?,Cicciglio,Buongiorno.E ch?? mammeta t?ha jttato dagliu letto a prima? matina?
Ciccio = Eh no, da? mama stammatina nun m?aggio fatto manco ved?!
Raffaele= E pecch? te ne s? scappato de casa?
Ciccio = So venuto c? lesto pe me fa aggiust? sta scarpa che s?? rotta, prima che mama se n?accurgeva .
Raffaele= Eh?pecch? mammeta nun ha da sap? che te s?? rotta la scarpa?
Ciccio = E no. Essa le scarpe nun me le vuleva accatt?,diceva che gli zucculetti che m?hai fatto tu tre agni fa so ancora boni.Ma ? aggio nsistito a farme fa le scarpe nove, pecch? gli tempi so cagnati, mo le scarpe ,chelle nere, ce vonno, pe qualsiasi vinienza, na cerimonia, n?occasione mpurtante? e gli zucculetti nun me vanno chi? e so so pure fruati. Allora essa dopo tante nzistenze me l?ha accattate ma m? ha proibito de ce? sc??
Raffaele = Tu invece de ubbedisce a mammeta te ne si juto a juc? a pallone e hai rotto la scarpa e m? ti paura che mammeta t?alliscia ? accuss??
Ciccio = S?, ma ? nun ci aggio juto a juc? cu le scarpe nove. M?? successo pe disgrazia.Ecco iere mente passavo pe gliu commento,l? ce stevono a juc? certe uagliuni.I? me so femato nu mumento pe guard? come jucavono, sa a me me piace assai gliu joco de pallone, ma patemo, me porta sempe fore e me pruibbisce de ce juc?, pecch? diceve che se struieno le scarpe?iere sera po?, mente guardavo sti uagliuni, m?? venuto verso de me gliu pallone.Ci aggio juto pe tirarci nu caucio e invece de gliu pallole aggio pigliato a na preta pe terra?
Raffaele = Hai lisciato?
Ciccio = No, nun ci aggio pigliato? e la scarpa s?? rotta.
Raffaele= E hai combinato stu uaio.? Chesse so le scarpe moderne che accattate gi? belle e fatte. Cu gli zucculetti che faccio ? nvece se ce cresciono? intere? generazione.Ma ? uso sola e pelle vera, e non finta come a m?.E po? le coso cu spago impeciato, le scarpe mie so ndistruttibbele.Va bone lasseme la scarpa c? p? oggi te la faccio truv? pronta.
Ciccio = Oggi, no, no, me l?? fa mo stesso, che mama nun se n?hadda accorge .
Raffaele = E mo stesso nun ? pussibbele pecch? tengo da aggiust? ste scarpe pe Franchino gliu lattaro che da na settimana l?aspetta.
Ciccio = E ha aspettato na settimana e aspetta n?ato poco che fa?
Raffaele = Come fai le cose facele tu eh? (cerca di grattarsi la gobba ma non gli riesce ) Cicc? famme nu piacere, ratteme nu poco sta spalla, che ? ?ncoppa a tutto nun ci
arrivo. Da stammatina me s?? misso nu prurito che nun me fa repus?.
Ciccio = Subito, add? aggia ratt?? (gli va dietro le spalle)
Raffaele = Ecco c?, vidi?
Ciccio = (esegue) Accuss? va bono?
Raffaele = No,? chi?? ?ncoppa, a destra, no a sinistra. Cicci? ma la canusce la destra cu la? sinistra? Ecco si l?? proprio l? me sento pogne?come se ce stesse na spina.
Ciccio? = (gratta ancora pi? forte trova uno spillo) Ma? a c? ce sta proprio na spina. Ecco? vidi? E chesta ? na spingola.(va davanti e gli mostra lo spillo)
Raffaele = Ah, vulevo dice che me pugneva accuss? forte?
Ciccio = E come t?? fenuta ?ncoglio sta spingula?
Raffaele = Ah, te lu dico ? come c?? fenuta.Iere m?aggio misurata na cammisa nova. Mo agliu culletto ce mettono tanti spilli. E uno m?? rimasto attaccato l?.
Ciccio? = Ma a vuie cu sta..spalla accuss?? che ce v? na cammisa speciale?
Raffaele = Eh s?, me l?aggia pigli? cacche numero chi? grossa.Damme sta scarpa che te la faccio,su?.
Ciccio = Ecco, ecco.Subbeto. Mastu Raf? scusate, ma ve pozzo fa na dumanda che da tanto tempo ve vulevo fa ?
Raffaele = De che se tratta? Sentemo?
Ciccio = Ecco, de? gliu?scarteglio che tenete.Accuss? gliu chiamava nanonna.
Raffaele. = Ah e che vu sap??!
Ciccio = E? vero chello che se dice che da piccoglio t?ha scuncicato dento la connela? na? janara ?
Raffaele = Ah, e chi t?ha ditto ste cose?
Ciccio = L?aggio sentuto dice da nanonna che lu diceva a mama e che ce l?aveva ditto?? ?Santina la mammana.
Raffaele = Cicciglio, ma tu ce cride alle janare?
Ciccio = Mb? nun lu saccio.Ma sento dice che le janare se riuniscuno tutte sotto na grande cerqua dela fossa juanna e l? decidono a chi hanna ? a fa male.
Raffaele = Cicc? !? Chesse so tutte credenze de superstizione, chiacchiere de povera gente ngnurante e maldicente, che sparlono de? tutti pe cattiveria:Chisto scarteglio, o gobba, protuberanza, come la chiamono gli medici, ? solo na malformazione delle ossa, delle scapole,come se chiamano? le spalle.
Ciccio = Ma da che dipende?
Raffaele =? Ce stanno tante cause. Pe me ? credo che sar? stato che quanne ero piccoglio mama me nfasciava da cape a piedi, e me lassava dento la connela. Allora stanno strette l?ossele? so cresciute accuss?.
Ciccio = Ma pecch? agli piccirigli gli nfasciavano, se puteva fargli male?
Raffaele = E allora le mamme se aizzavono la matina lesto pe ? ncampagna e pe paora che gli figli cadessero e se facessero male, gli nfasciavano e gli attaccavano pure.
Ciccio = Mamma mia! E nun piagnevono?
Raffaele = Eccome. Quanne se svegliavono piagnevono eccome. Ma nun potevono cad?.Se ce abbituavono a piagne.
Ciccio = I? nun m?arricordo se mama a me me ?nfasciava..E ma m? gli piccirigli nun gli ?nfasciano chi?!
Raffaele = Eh s?, mo gli tempi so cagnati! Ecco qua. La scarpa ? riparata. Me raccomando Cicciglio, nun ce ? chi? a pazzi? a pallone, sen? cheste te duruno da Marzo a Quaraesema.(da Natale a S.Stefano)
Ciccio = No,no, se n?avessa cad? nu pete,come diceva mama, e chi ci tira chi? nu? cauce agliu pallone cu ste scarpe. Mastu Raf?,diteme quante v?aggia d?, ma ?
mo soldi a presso nun ne tengo, mo che? vene Natale me fanno la inferta e ,ve porto gli scommuti?
Raffaele = Ma che scommuti! Nun fa niente, te l?aggio aggiustata a gratis la scarpa.Pure pecch? m?hai levata chella spina , che da stammatina nun me faceva repus?.
Ciccio = E allora sempe a disposizione, Mastu Raf?, quanne ve serve na rattata ? sto sempe pronto. E m? aggia corre a casa che m?aggia prepar? pe la scola. speriamo che mama nun s?? accorta de niente.Statte bono gliu masto.(Via)
Raffaele = Statte bono Cicciglio, e? lassa perde le prete pe la strada!

?

SCENA III ? RAFFAELE E MARGHERITA
Margherita = (porta sulla testa un cesto che mete sul desco
facendo arrabbiare Raffaele) Bon giorno Mast? Raf?!
Raffaele = U?, Margar?, bon giorno.E leva stu cofono da? ncoppa gliu? bancareglio. Che gl?hai pigliato pe pusaturo?
Margherita = Agge pacenza, ma add? gl?aveva mette nterra? Dento ce tengo lu caso marzuglino che aggia ? a venne a Mola !
Raffaele = Ah! Se sente. Tenisse pure nu poco de scasato? So nun paio de jorni che nun vaio de corpo?
Margherita = No, c? nun lo porto, ma se lu v? dimane te lo manno da maritemo. Ma a pruposito. I? so passata da c?, proprio pe ritir? le scarpe de maritemo, ce l?hai fatte?
Raffaele= Ecco, le sto? a fen? , in giornata saranno pronte.
Margherita = Ma come, m?avivi ditto che erono pronte pe ieri sera. Lu sai che maritemo gira regni e campagne pe purt? lu latte cu nu pare de scarpuni fruati che gli stanno a seg? gli peti.
Raffaele = S?,s?, ci hai ragione, Margar?, ma aggio avuto n?imprevisto. Passa oggi pomeriggio, magari quanne turni da Mola e le scarpe nmancabbelmente le truvi aggiustate.
Margherita =Oggi nun pozzo. Aggia pass? alle Penteme che ce stanno le fiche da coglie.
Raffaele = E va bone dopo che hai cote le fiche, passi da cc? e me ne lassi ne poche, magari scuntamo.
Margherita = E si t?aggio purt? lu scasato e pure le fiche, po? si tu che haia d? a me.
Raffaele = E va bono, po? facemo tutto nu cunto. Me? leva sta cufenella e sbrighete senn? le scarpe nun le fenisco manco pe dimani.
Margherita = S?,s?, ecco. Ah, mo me stevo a scurd? na cosa ?mpurtante che t?aveva dici. Te pozzo dimand? na cosa, diciamo nu poco particolare.
Raffaele = Sentemo de ch? se tratta. Ma sbrigate?
Margherita= Ecco, se tratta de nu sogno che aggio fatto stanotte. E m?hanno ditto che tu, pe gli sogni te ne ntinti.
Raffaele = Mb? conosco nun po? la smorfia.
Margherita = E chi ? che? fa sta smorfia, cacche smorfiosa?
Raffaele = Margar?, la Smorfia ? nu glibbero napoletano add? ce stanno scritti gli significati dele cose con gli numeri de riferimento.
Margherita = Allora tu cu stu glibbero, si v?, p?!?
Raffaele = Margar?, ma che stai a dice? Si voglio che cosa?
Margherita=? Si pu?? ?nterven??
Raffaele= Interven?, come?
Margherita. = Ecco si tu pu? ?nterven? pe fa caccosa, pecch? m?? successo nu fatto strano.?? ?Stanotte ? verso le tre me so resbegliata tutta? ?mpressionata, pecch? le crape
mie, ciu? de maritemo, stevono a ? a fa? dagne dento la terra de gliu barone.Allora aggio svegliato maritemo e ce l?aggio ditto:? Francisch?, che brutto sogno stevo a f?! Vidi che me stevo a sunn? che le crape noste, jevono f? dagne dento la terra de gliu barone. E chiglio de beglio a bono m?ha risposto: -?Margar? tu te lo s? sunnato m?, ma chelle ieri le crape? so scappate veramente da gliu barone?.- Tu vidi la con..coin..come se dice che le crape so iute e ? me lo so sunnato!
Raffaele = Coincidenza, se dice. E po? pure succede chesso.
Margherita = Allora, che pu? fa? ?
Raffaele = Te pozzo d? gli numeri e se vinci gliu terno ce pu? pag? gliu danno fatto dalle crape tie.
Margherita = De maritemo. E va bono, damme sti numeri.
Raffaele = Allora :Te s? svegliata ?mpaurita?
Margherita.= S? assai.
Raffaele = allora la paora, fa 90! Le crape quante erono?
Margherita = E nuie in tutto fra crape, crapitti e zappi?epo tenemo pure chelle a manten?..
Raffaele = No,? chelle che? so jute a f? danno?
Margherita = E saccio ??mitti na cinquantina?
Raffaele = Allora? 50. Gliu Barone che nobile che fa 26?
Margherita =Ma qua nobbele, chiglio gliu chiamano accuss?,ma ? chi? disperato de nui.
Raffaele = Allora se mettemo povero fa 32. Decidi, o ? nobile e fa 26 o ? povero e fa 32.
Margherita = E allora pecch? nun gli jucamo tutti e duie?
Raffaele = Va bone. Te fai na quaterna su tutte le ruote: 26-32-50 e 90 .T??(glieli scrivee glieli consegna)
Margherita = E quante avessa pag? pe sti numeri?
Raffaele = E chi? ce mitti e chi? vinci.
Margherita = E ? me gioco tutto chello che faccio vennenno lu caso. Ma ? sicuro che vencio, me lu garantisci?
Raffaele = Margar?, ma che t?aggia garant?? Acc? niente ? sicuro e tutto po? succede!
Margherita = Per?, m?hanno ditto che si chisti numeri,gli facemo strufin?..?ncoppa.(gesti)
Raffaele = Ncoppa add??!
Margherita = ( si alza e e strofina il bigliettino sulla? gobba) Acc?, solo n?allisciata, ncoppa agliu scartteglio?
Raffaele = Margar?, ma lassa sta, cammina vavattenne, nun sta a sent? ste stupitaggene?
Margherita = Tutto po? esse, mastu Raf??Stateve bono. E si vincemo, lu scasato te lo porto a gratis.
Raffaele = E fai stu sforzo! Attenta che vai ?nfaglimento. Cammina v?. Pigliate sta cufenella che m?hai fatto perde n?ora de fatica, v?!
Margherita = Statte bono gliu masto! ( andando via gli tocca ancora la gobba)
Raffaele = Ancora? Ma vide che s?hadda pass? ncoppa a sta terra!

?

SCENA? -? IV- RAFFAELE? E? GENNARINO
Gennarino = (? va dal falegname poi fischietta in attesa)
Raffaele = Uagli?, ch? aspitti a Mast?Errico?
Gennarino = S?, s?, Mastu Raffel?, bon giorno?
Raffaele = Bon giorno. Chiglio se non se fanno l?otto nun v?. Se la prende comoda lui! Che? gli? ? fa n?ammbasciata? Lu p? lass? ditto a me, che io p? riferisco.
Gennarino = No, grazie. E? che oggi? piglio a fati?? da isso.
Raffaele = Ah! Incominci a fati? ? E? la scola ?
Gennarino =Nun ci vaio chi? alla scola. Aggio fatto? gli anni e pap? m?ha mannato a ?? ?fati?.
Raffaele = E? giusto. E? ora! Hai cumpletato l?istruzione obbligatoria, almeno ?
Gennarino = Avoglia. Quella arriva fino alla terza media, ma pap? m? ha fatto fare pure il professionale, non l?aggio completato, completamente, ma l?aggio fatto.
Raffaele. = Hai fatto bone, perch? oggi un titolo di studio ci v?. E? migliore?assai.Qua intorno gli? uagliuni vanno a fati? pure senza scola.
Gennarino = Pap?? ci teneva che continuasse a studi?. Isso fa gliu uaro, nun ha studiato,s?? mparato a? leggere e a scrivere nu poco alle lezioni delle scole serali.
Rafffaele? = Ma ormai a che gli serve chi? la scola a isso ?
Gennarino = No, gli serve pe pigli? cacche fatia agliu comune, pecch? la terra cu gli ovi nun se la fa raur? chi? nisciuno, mo cu se zappatrice che so sciute, ognuno
s?arrangia da s?. E perci? ha deciso de se venne le vacche e v? fa nu concorso agliu Comune. Ma? pe pass?? ?affettivo?, come dice? isso, ce v? almeno la licenza de quinta. E hadda? pass?? pure? n?esame, parla solo dialetto e tene soggezione dell? italiano, perci?? ha voluto che i? continuavo a studi?.
Raffaele = E ha fatto bone. Perch? quando uno parla? taliano si difende meglio. Ma tu lo cunosci l?italiano?
Gennarino = Mb? s?, lo cunosco perch? leggo i libri della biblioteca, dela Parrocchia, ma non lo parlo tanto bone. Invece a scriverlo mi ci arrangio, perch? l?italiano ?
quieto?, mente lu dialetto? ? chi? sfacciato, come diceva gliu maestro mio.
Raffaele = E? vero.?! Ma? il diploma l?hai pigliato ?
Gennarino = Il diploma? nun me l?aggio pigliato. Ma m?hanno ditto che non ? mai troppo tardi e io po?? faccio come a pap? e ci vaio la sera alla scola, come dopolavoro
Raffaele = Eh ,ma potevi approfittare mo ca ce stivi?completavi gli studi.
Gennarino = Non ci volevo st? chi? alla scola, perch? ero troppo cresciuto pe gli?? banchi.
Raffaele = Eri chi? grosso de tutti?
Gennarino = S?, pecch? io ripetevo sempe le classe pe via delle freve de la malaria, p? me s? passate e non ce volevo? st? chi? alla scola.Volevo lavor?.
Raffaele = E ce putivi resta,pecch?,alla scola te repusavi cacche poco ancora!
Gennarino = E ce stevene troppe particularit? di differenze:
incumincianno dalla scola? elementare me ricordo bono, che
all?ora dela ricreazione certi? tiravano fore dalla borsa pane e salame, prosciutto, frittata, a noi scritti all?assistenza il bidello ci obbligava a beve nu cucchiaro de olio de merluzzo, pecch? eravamo ?deperiti? come diceva gliu medeco sanitario ogni mese,quanne ce veneva a visit?. Quanne faceva? caudo po?, nui bambini poveri avevamo ? alla scola co gli capigli tagliati a melone, perch? potevano schiude gli? peducchi. Invece gli auti bambini sempre pettinati,cu na riga da na parte. Po agliu? Prufessionakle? nun ne parlamo?A me me basta gliu studio ch?aggio fatto, m?arrangio co? l?italiano?
Raffaele = S?, s? l?italiano come dici tu, ? una lingua quieta, che se ne sta bona dento gli ?? ? glibbri.(? guarda i sandali del giovane) Uagli? e cu sti sandali te presenti al primo giorno de lavoro? Dammeli che te gl?aggiusto, lesto lesto.
Gennarino = Ma fa lo stesso?i l? dento nun aggia fati? cu? gli? peti, ma cu le mane?
Raffaele = Si ma non ci fai na bella figura cu Mast?errico! Dammi sti sandali e nun te preoccup? che te li aggiusto? gratis?il buon augurio del primo lavoro?
Gennarino = E va bene?tante grazie, allora.
Raffaele = Uagli? nun ringrazi?, che chi ringrazia esce fore obbligo. Poi quando avrai fatto soldi se ne parla. Mo si ome, ? purt?? solde a casa.
Gennarino = S? aggia purt? la paga al sabato, pecch? s?hadda spus? sorema e ce vonno de solde. Per? pe essere ome ce ne manca.
Raffaele = Come tieni pure gli cauzzuni longhi?Si vede robba buona.
Gennarino = Si me li ha comprati mamma al mercato di Mola, robba americana, sono duri,me gl?aggio missi oggi pecch? ? gliu primo jorno, per? qua tengo i panni? de la fatia. Chisti ci voglio fa? bella figura, quanne esco, pe la Piazza.Voglio farci fare pure la piega ?Si chiamono gginz?(sono dei jeens)
Raffaele =? E s? robba che s?accattono ?ncoppa le bancarelle. Allora me le? dai sti sandali?
Gennarino = S?, si?, se proprio ci tenete?? (Per togliersi i sandali mette sul tavolo anche Gliu strummeglio )
Raffaele = Uagli? e ch?? chisto pezzo? de legno, lo porti come dote a mast?Errico?
Gennarino = No, chisto me gl? ha regalato pap? al? compleanno mio.Sto pezzo de legno ?? nu ?strummeglio?. Pap?? m?ha ditto che si lancia luntano e chiglio torna arreto. E gira, gira finch? t? forza.
Raffaele = Lu saccio.Lu saccio. Ma add? l??? aus?? Dento la putea de Mast?Errico, nun ce sta pazzio manco pe sput? pe terra. L? nun ce sta spazio manco pe te vut?.
Gennarino = Va bone, nun? lo pozzo lanci?,per? posso prov? a f? la mossa di tirarglio.
Raffaele = (Prendendo in mano la trottola) Ma ce la fai, chist?? pesante. Pare de ferro.Ma na pazziella chi? semplice pateto nun te la puteva regal?? Chisto ? un arnese pericoloso. Se nun lo sai tir? bone, te po scapp? de mano e po? fin? nfaccia a cacchetuno e gliu p? ruvin?. Na vota quann?ero piccoglio pure a me me ne regalarono uno, ma chi? piccoglio, e pe poco nun cacciavo n?occhio a fratemo? che s?era avvasciato pe ved? come rullava. Meno male che mo sti strummegli nun vanno? chi? di moda.
Gennarino = E pap? dice che la moda ritorna. I me ce stongo attento a tirarglio.
Raffaele = Ma add? gl?ha pigliato pateto? In cummercio nun ce ne stanno chi?!
Gennarino= Isso? gl?avuto da n?amico? sio che gl?ha truvato dento a na soffitta du nu palazzo antico.Vidi c? ce sta pure segnato nu stemma ?ncoppa.
Raffaele = (aggiustando i sandali a Gennarino) Allora? nun ? na pazziella , ? un arnese, antico? di valore !?
Gennarino = Magari.
Raf.= Uagli? e si era di valore, l?amico de? pateto se lo teneva pe isso.
Gennarino = E ce l? ha dato pecch? isso nun t?ne figli mascheri, ma solo femmene. Ne t? ?? ?quatto.
Raffaele = Cu na bona salute, avoglia a scunt? cambiale!
Gennarino = E che significa, mastu Raffel??
Raffaele = Eh nun lo sai che le femmene so solo debbete? Allora il cimelio tenatiglio? caro e cunto?Nun gliu sciup?.
Gennarino = Eh ?! E ch?? stu cimmerio m??
Raffaele = Gennar? e dici che cunusci l?italiano? Cimelio ?oggetto antico di valore? chesto significa nella lingua? taliana. Attento a nun? rovinarlo.
Gennarino = Ma no, voglio ?mpar? a farlo gir? , cos? quanne pap? al pascone me porta a Santu Rocco, me lo metto a tirare nel parco denanze alla chiesa.
Raffaele = E va bone. Ma statte attento. Che gliu strummeglio po? divent? na scuppetta. Ecco qua, con una lucitatina i sandali tuoi ritornano belli come nuovi.Ti? .
(gli d? i sandali che Gennarino mette ai piedi)
Gennarino = Grazie don Raffel?, poi quanne m?imparo cu gliu strummeglio, ve ce faccio Pazzi? pure? a vuie?
Raffaele =? Uagli?, chesse nun so chi? cose pe me?.

SCENA V ? Mast?Errico ? Gennarino- Raffaele
Raffaele = Mast?Err?, Bon giorno, gliu uarzone tio s??? stancato de t?aspett? .
Errico = Si sapevo che era cos? mattiniero mettevo la sveglia ?sta matina.Jamme uagli?, che la jurnata se ne vola, ? corta, diamoci da fare.
Gennarino = Ai vostri comandi mast?Err?. (lo segue )
Raffaele = Mast?Err?,v? , na cosa (chiama a s? il falegname)
Errico = Ch??, quacche novit??
Raffaele = La novit? ? che gliu uarzon e che te stai? pigli? alla putea, me sembra aposto, ?ntillegente. Tienetiglio caro e cunto. Nun te gliu fa scapp?.
Errico = Raffel?, gliu uaglione gl?aggia mette prima alla prova e si va bone me gliu manteno e se no?(gesti)
Raffaele = Me gliu passi a me, pecch? ci aggio parlato e aggio visto che se po? ten?.
Errico = A te? E che s?hadda mpar? cu te? Jamme? uagli? . ( entra nella sua bottega)
Raffaele =? Mast?Errico ? nu bravu falegname, ma da quanne gli ? successa la disgrazia de la mugliera, nun ce sta chi? cu la capa. Speriamo che cu stu uaglione se raddrizza nu poco.
Errico? = ( sull?uscio) Gennar? ? capito bono? Prima d? na scupata a tutta la putea e po? mitti fore duie? sgabbelli? e ci mitti ?ncoppa chella porta che s?hadda scartavetr?. I? esco nu mumento che so finiti gli chiovi e gli voglio accatt?.
Raffaele = Ric?, ma pecch? nun ci manni gliu uaglione a pigli? gli chiovi?
Errico = Raffel?, ma pecch? nun te fai gli caspiti toi? (esce)

SCENA? VI ?RAFFAELE? E GENNARINO
Raffaele = E ci ha ragione. M?aggia fa gli fatti mei e nun me gli faccio mai. Chiglio m? nun ? che va a pigli? gli chiovi, ma se ne va alla cantina e a prima matina se
fa nu quartino. E accuss? ogni tanto mo na scusa e mo n?ata, a mezzo jorno ? beglio che stunato!
Gennarino = (uscendo di corsa dalla bottega) Gli puci, gli puci! La putea ? pena de puci! M?hanno attaccato le cosse e le mane, me stanno arriv? fino nfaccia! Mastu Raffel?, chisti puce me se magnano!
Raffaele = Vicc?, v?. Tengo la medicina che fa pe chissi.
(prende una bomboletta)? Te?, fai? na bona pompata e gli puci se morono all?istante! Per? chiudi gl?occhi che chesto ? DTT ed ? pericoloso.T??(glielo consegna)
Gennarino = (tenta di usarlo ma non ci riesce) Ma come se fa? A c? nun esce niente.
Raffaele = V? c?, lassa fa a me! Ecco, accuss? se fa,vidi? Se sente esce mo?
Gennarino = S?, s?, ma chesto ?ngegne. E come puzza!
Raffaele = Nun te preoccup?, basta che nun te lo manni dento gl?occhi! Uagli? si v? accidi gli puci, ? suppurt? la puzza!
Gennarino = E ma m? all? dento nun ci entro. L? ? pino de? puci. Chigli? me se magnano sano sano!
Faffaele = Ncuminci a pump? da fore e po mano mano intri. Pompa da pe tutto, ce spruzzi nu poco d?acqua e po? scupi.
Gennarino = Ma a mast?Errico gli puci nun gli fanno niente? Come fa a st?? l? dento?
Raffaele = Eh, chiglio ? parecchio tempo che la putea nun la rapre proprio. S?affaccia la matina, caccia fore cacche lavoretto e po dopo nu poco se stanca e se ne va
alla cantina? T? v? e po? esse che m? s?aggiusta la capa!
Gennarino = Speriamo?che gli puci nun me se magnano prima.
Raffaele = Gennar? nun gli dice niente che t?aggio dato lu DTT che chiglio ? pure urguglioso e nun vo. Fa subbeto e riportame la bumbuletta.
Gennarino = Va bone?Grazie tante. ( si avvia)
Raffaele= Uagli? t?aggio ditto che nun ? ringrazia troppo che po? te disubblighi e nun sta bono!
Gennarino =Aggio capito: masto Raffel?, nun ve ringrazio chi?, ma ve rimango ubbligato che quanne ?gliu Signore ve se chiama?.vengo a f? na bella allisciata agliu tauto cu la cera!
Raffaele = Uagli?, t?! ( fa le corna) Me gl?allisci cu la cera? Ma che me ne mporta de? gliu tauto allisciato?! Quanno uno ? morto,? morto.Allisciato o non allisciato sempe sotto sette palme? de? terra s?hadda ? a fen?.
Gennarino = ( sulla porta della bottega spruzza il dtt) Perdunateme, mastu Rafel?, i? nun ve vulevo offende. Allora me disobbligo prima che murete.Va bone?(entra)
Raffaele = Uagli? recordete che quanne v? Pasca alla chianga? ce vanno prima gli crapitti. Perci? ?ncoppa a sta terra ci hamma aiut? mente semo vivi, che po? chi ha avuto ha avuto e chi? ha dato ha dato.
Gennarino = (esce di corsa spaventato) Aiuto, aiuto! Nu sorecio, nu sorecio!
Raffaele = Uagli?, ma stammatina stai a resbegli? tutta la fatturia ?!
Gennarino = E chesta chittosto che na putea de falegname, me sembra proprio la fatturia degli? animali.
Raffaele = Gennar? nun te preoccup?, gli sureci nun se so magnati mai nisciuno.Chigli l? dento se magnano la segatura.
Gennarino = S?, ma a me me fanno mbressione.Pussibbele che mast?Errico nun se accorge de niente?
Raffaele = Te l?aggio ditto che chiglio ha bbandonato,robba e debbete, da quanne la bonanema de la mugliera?pace all?anema sia.
Gennarino =Ma la mugliera ? chi? de n?agno? ch?? morta e isso ancora nun se mette l?anema ?npace?
Raffaele = Macch? ha abbandonato tutto. Teneva nu sacco de clienti, lavoro arretrato?ma po?,nu poco alla vota gliu stanno a lass? tutti quanti.
Gennarino = E nun se po? fa niente?
Raffaele = E nun v? esse aiutato da nisciuno, si gli dai nu consiglio se la piglia a male. Mo ce stai tu che putissi, senza fartene accorge, cerc? de raddrizz? la baracca!
Gennarino = Ma ? come faccio? So inesperto, nun saccio manco da do aggia cuminci?.
Raffaele = Tu gli ? d? solo coraggio, pecch? a lavor? ce penza isso. Chiglio ? bravo.E? nu masto rifinito assai. Sapisse come gl?apprezzono nun solo c?, ma pure negli auti paisi vicini. Chisso v? da na Napogli?.
Gennarino = Si lu saccio, pap? gliu conosce bono, perci? me ci ha mannato da isso. M?ha ditto :?Se te piace gliu mestiere de falegname e te vu veramente mpar?, ? ? agliu meglio che ce sta: Mast?Errico?!
Raffaele = Ed ha ditto bono, perci? tu t?? fa benvol?, che Mast?Errico sembra nu poco scurbuteco, per? po? in fondo ? bono. Statte? attento e ubbidisci a tutto chello che vo e vedrai che te troverai bono. M? sistemagli a dovere la putea che chiglio da quanne ? morta la mugliera che non la puglizza chi?.
Gennarino = Ma l? dento ce stanno pure gli sureci, chigli me fanno ?mbressione.
Raffaele = Aspetta che mo te piglio gli mastruccio.(,prende una trappola) Ecco vidi, chisto ? gliu mastruccio, nel tuo taliano se chiama trappola. Se mette l?esca dento, gliu sorece entra, scatta la molla e? rimane ?ntrappulato.
Gennarino = E pecch? gliu sorece avessa intr? l? dento?
Raffaele= Pecch? se mette come esca nu? pezzo de caso, chiglio sente gl?addore, va pe magn? e rimane? futtuto.
Gennarino = Ah, s? e va bone. E add? l?aggia mette?
Raffaele = Mettiglio sotto? lu legname.
Gennarino = E lu caso ? nun lu tengo? Che ce metto?
Raffaele =Uagli? nun ci vidi? E chesto che ??
Gennarino = E chesta ? na scorcia .
Raffaele = E mo ce mettevo lu caso bono?Chesta ? na scorcia de parmigiano, che m?aggio fatto d? alla putiara donna Palma.
Gennarino = E chiglio gliu sorece cu la scorcia ce va lo stesso?
Raffaele = Ma s? basta che sente gl?addore. V? e me raccumanno se la scopre gliu masto nun dice che te l?aggio data ?.
Gennarino = E pecch? nun ce l?aggia dice?
Raffaele = Pecch? nun vo esse obbligato cu nisciuno. E? fatto accuss?.
Gennarino = Va bone facemo st?esperimento.( rientra )
Raffaele = Batti e ribatti san Crispino, dalla sera al mattino, dal mattino alla sera pe scumbatte sta sciorte nera! (rientra )

SCENA? VII ? IMMA E VELIA
Velia = ( incontra l?amica proveniente dalla parte opposta) U? cumm?, buongiorno e add? vai accuss? de pressa?
Imma = Ah, cumma?, ecco vaio da Masto Rafele a purt? sti scarpini de maritemo che gl?hadda? aggiust?.(gli mostra le scarpe nere che ha in mano)
Velia = Ah, e chesse so ancora nove ste scarpe?
Imma = Eh sembrono nove, ma vidi c? se so? fru?ti? gli tacchi. Maritemo t? na camminata scuncicata?nun saccio? pecch? consuma sempe gli tacchi.
Velia = E mariteto ? troppo gravacciato e allora poggia gliu piso tutto coppa agli tacchi. A me invece consuma prime le punte.
Imma = E pe forza chiglio mariteto ? siccu e longo.
Velia = E che c?entra chesso?
Imma = C?enta, c?entra? come pe me che ? come ? ditto ?
Velia = Aggravacciato?nu poco? rasso?mica te s? offesa?
Imma = Ah, no, no e peccch?? Maritemo t?? la sustanza!
Velia = E manco a maritemo? gli manca.
Imama = Meglio accuss??E tu add? ? ? ?
Velia = Da gliu falegname, mast?Errico, so quindici jorni che gl?aggio purtato aggiust? gliu setaccio e so diverse vote che vengo e nun gliu trovo mai.
Imma = E? pure ? gl?aggio purtato aggiust? gliu manuco de na fauce che s?? rotta e nun vedo la via de farmela fa?.
Velia = E la fauce?a me gliu setaccio me serve che aggia cerne la farina che dimane aggia fa na furnata de pane? che l?aggio quasi finato, m?? rimasto solo? nu roteglio.
Imma = E gl? ? st? appresso, da quanne gli ? morta la mugliera povereglio la capa nun gl?accumpagna chi? tanto.
Velia = E si lu saccio ma a me gliu setaccio me serve e se nun me gl?ha fatto, mo me gliu faccio d? e me gliu porto. M?arrangio alla meglio?Mo vedo se ce sta. (entra nella bottega del falegname)
Imma = ( a Raffaele che intanto ? rientrato) Masto Raf?, bongiorno. So venuto a purtarte ste scarpe de maritemo da farme aggiust?.
Raffaele = Famme ved? che ce sta da fa??
Imma = Solo gli tacchi.
Raffaele = ( prende le scarpe e le controlla) Eh s?, solo gli tacchi!? Acc? s?avessara pure risul??senn? cheste dopo che ci ha camminato n?ato poco se bucheno e? c?entra l?acqua e mariteto sta punto e da capo.
Imma = Ah, pure le mezze sole?E va bono pe quanne so pronte?
Raffaele = E v? la settimana prossima?luned??marted?.
Imma = Mastu Raf? m?? fa? gliu piacere de farmele pe sabato che domenica maritemo se l?hadda mette che amma ? alla messa pe vatti? gliu picciriglio ch?? nato a nepotema?Giuseppina.
Raffaele = Va bono v? sabbato a sera.
Imma =? Ce manno maritemo e quante t?avessa mann??
Raffaele = Se l?aggia risul? e ci aggia mette pure gli tacchi.
Imma = Ma scusa nu poco, me sai dice pecch? maritemo consuma de chi? gli tacchi?
Raffaele = E che t?aggia dice, te? nu tipo de camminata che poggia de chi? gliu peso su gli tacchi pe terra.
Imma = Nun ? che ? diciamo pecch? troppo aggravacciato?
Raffaele = Eh aggravacciato? Vu dice? troppo grasso? pesante?? Po? esse.
Imma = Ah, s?, e allora gliu metto? nu puco a stecchetto?
Allora quant?? la spesa?
Raffaele = Ci vonno cinchemila lire.
Imma = E accuss? tanto? E ce metto gliu resto e agliu mercato ce l?accatto nove.
Raffaele = Si agliu mercato?E po? fanno sta fine. Facemo 4 e 500 e ve ce faccio pure na bona lucitata cu la cromatina.
Velia = (Esce dalla bottega ) Cumm? ? fatto, te ne v?.
Imma = S?, s? cumm? aspetta?Mastu Raf? facemo come hai ditto tu ma me raccomando gli tacchi facetecegli chiu? resistenti?statte bono.
Raffaele = Si ce metto le centrelle?Statte bona Macul?!
Velia = Cumm?, dagliu falegname ce sta nu beglio uaglione e m?ha ditto che gliu setaccio me gliu fa? fa? subbeto.
Imma = Speriamo che mo me fa pure la fauce mia?Ma chi ? stu uaglione?
Velia = E? gliu figlio de Beniamino gliu uaro.
Imma = Ah e chiglio nun ieva alla scola? ( escono)

?

SCENA VIII? RAFFAELE? E MARIA
Maria =? Masto Rafan?, bon? giorno! Ha ditto la signora mia che gl?aggiusti stu scarpino!
Raffaele = (offeso ) Uagli?, abbada a chello che dici: I? me chiamo Raffaele e non Rafanieglio !
Maria = Oh, scusate, la signora m?ha ditto:?Porta ste scarpe aggiust? a masto Rafaneglio? I? perci? v?aggio chiamato ?Masto Rafaniello?.
Raffaele = Allora ancora insisti? Pecch? alla tua padrona tu la chiami Ngiuglina la ?scupinetta?
Maria = Macch? nun sia mai. Chella me tira subbeto na cosa appresso.
Raffaele = Per? a me ha ditto Masto Rafaneglio.
Maria = Mb? s?, accuss? m?ha ditto.
Raffaele = (butta la scarpa ) E allora sai che c??, dici
alla tua signora donna Ngiuglina, la scupinetta , che la sua scarpina nun tengo tempo de l?aggiust?!
Maria = (riprendendo la scarpa) No, no, pe carit? , fatelo pe me, ? ve chiamo come volete vuie, pure don? Rafele, abbaste che m?aggiustata sta scarpina che chella la signora stamattina s?? agnauzzata cu la gliuna storta.
Raffaele = Uagli? nun cerc? de t?arruffian?. Gliu don se d? agli preuti e agli signori e ? nun so n? gl?uno e n? gl?auto. E si la signora tia s?? svegliata storta s?addirizzasse, che a me nun me mporta proprio niente!
Maria =Eh mastu Raffel? e come fate brutto! Nun v?aggio mai visto accuss??! Pecch?? ve la pigliate cu mico? I? nun tengo colpa. E mo che vaio ce lo dico alla signora che vuie tenite nu beglio nome: Mastu Raffaele.Tenete gliu n?ome de n?Mast?Errico. E nun s?hadda permette chi? de chiamarve?
Rafa?de n?ata manera. I?, fatelo pe me, aggiustateme sta scarpina. (moine, lo accarezza)
Raffaele = Va bone, lo faccio pe te che comunque si na bona guagliona. Che ce sta da fa a sta scarpa ?
Maria = Ecco,vidi? S?? rotta la fibbia.
Raffaele = S?? rotta la fibbia??? E salute a z? Fabbio, dicette chiglio! Mitti loco e po? vedo si la posso aggiust?!
Maria =No,no, ma quante po??! Mastu Raffel?, m?avissa fa gliu piacere de farmela m?, che la signora…Angela?
Raffaele = Ngiuglina, la?.!
Maria = Eh?se l?hadda mette pe ce sc?, dice? che t?? n?appuntamento urgente.
Raffaele = E gli saccio gl?appuntamenti de la signora Ngiuglina!? Ma mo proprio nun pozzo pecch? , stongo aggiust? ste scarpe agliu lattaro che va giranno scauzo.
Maria = E lasseglio gir? scauzo agliu lattaro, tanto chiglio ce sta abituato. Ma la signora mia no, chella si nun gli porto la scarpina aggiustata ? capace de tirarmela appresso. Gl?ato jorno nun n?aggio juta subbeto appena m?ha chiamato, pecch? steva a scup?, nun m?ha tirato appresso na forchetta e pe poco nun me pigliava nfaccia,pecch? m?aggio scanzata.
Raffaele = Ma a te chi te lo fa f?, a rest? cu sta signora antepateca e manesca? Pecch? nun te ne vai? Si tu v? pozzo parl? ? cu donna Erminia che? m?ha ditto che cerca na uagliona pe se fa accud?. Ce metto na bona parola.
Maria = No, no, nun ce pozzo ?, nun pozzo lass? la signora Angela, nun sia mai.
Raffaele = Ma pecch??! Cu donna Erminia te troverai bona, chella ? na vera signora, ? discendete nobbele, e po? ? vecchia e si te fai ben vul?, quante gli scappa nu pete, chis? te po? lass? pure caccosa.
Maria = Magari ce putesse ?! Ma non ? pussibbele. E? patemo che nun me ce manna.Nuie stamo abbit? dento? chelle duie camerelle de la signora , a ncppa agliu Casteglio e gl?amma d? nu sacco de pesone arretrato, e ? ce vaio pe scunt?.Eh senno da quanne me ne saria juta da n?ata parte .
Raffaele = Ah se ? accuss?, allora povera a te!
Maria = S? povera a me! Pecch? chella me maltratta continuamente. Da quanne po?gli ? morto gliu marito, nun ragiona chi? affatto, s?? stunata, esce a tutte l?ore,
e ogni cosa che nun va se la piglia cu mico. Perci? fatemela subbeto sta scarpa senn? chella e chi la sente?
Faffaele =E va bono, lo faccio solo pe te, eh! Pecch? donna Ngiuglina? nun se merita niente! Aspetta, mo vedo se dento tengo na fibbia uguale. (rientra in bottega)

SCENA IX? MARIA E GENNARINO
Gennarino = (esce di corsa dalla bottega con la trappola in mano) Eccoglio, eccoglio,ha abboccato? Mastu Raffel?!
Maria = Gennar? e che t?? successo?
Gennarino = Gliu sorece, gliu sorece ha abboccato!
Maria = Ha abboccato? E ch?? nu pesce? ( guarda la gabbietta? ammirata) Oh, che beglio sureciglio! La signora mia, dice sempe ?Managgia sureciglio e pezza nfosa?
Gennarino = E che significa?
Maria = E chi lo sa?! Ch?? beglio per? eh? Vidi come ? simpatico!
Gennarino = Ma no, a me me fa ?mpressione !
Maria = Come te fa ?mpressione? Chisto ? nu sureciglio taragnoglio. Nun fanno male ?? ?alle perzone. Solo che so capace de rusecarse pure saccone e matarazzo cu tutte
le spoglie. N?avata a casa se n?era arrazzato uno. Patemo ha scoperto gliu buco de la tana, e ci mettette nu tezzone dento e gli ha fatto mur? arrostito isso cu tutti gli sorecigli. Ah!Ah! Ma chisto add? gli?? pigliato?
Gennarino = L? dento la putea de Mast?Errico.
Maria = E che ce fai l? tu?
Gennarino = Me stongo a ?mpar? gliu mestiere.
Maria = E alla scola nun ce vai chi??
Gennarino = No, de scola n?aggio fatta abbastanza.
Maria = Allora mo po? esse che nun te dai chi? tante arie de studenteglio.
Gennarino = I? me dongo le arie? E quanne mai?!
Maria = S?,s?, quanne? me scuntavi e stivi cu gl?ati studentegli comme a te, vutavi sempe la faccia dall?ataparte.
Gennarino = E tu quanne ? passavo si stivi ?mponta alla porta, me la sbattivi nfaccia.
Maria = Era pe l?arie che te divi tu. (vedendo che rigira la trottola fra le mani) E chisso che ??
Gennarino = Nun vidi? E? nu strummeglio.
Maria = Nu strummeglio accuss? grosso? E che ce fai?
Gennarino = Me stongo allen? pe gliu lanci?. Chisto nun ? nu strummeglio qualsiasi. Chisto ? de valore. Vidi c?, leggi chello che ce sta scritto?
Maria = E che ce sta scritto? I? nun capisco niente?
Gennarino = Eh si tu! Ce sta disignato nu stemma e na scritta? ?ntorno. Certamente ? de cacche nobbele antico!
Maria = Di chi?? Nu barone, nu conte, o nu Re?
Gennarino = Nun pazzi?. Che si scopro de chi ? stu stemma, stu strummeglio acquister? nu valore…estimabile!
Maria = E che significa? Te gliu vinne e ce fai soldi assai?
Gennarino = Ma che soldi. Nun gliu vennerei mai. N?oggetto accuss? ? beglio tenerlo.Come ci..meglio.
Maria = Meglio de che?. Mo che nun vai chi? alla scola cerca de parl? meno disficele.Senn? me divinti n?ata vota antipatico. Mo che stai a fati? c?, putemo parl??
Gennarino = (gesti con la trottola) Mb? s?, ca si tutto va bono, cu mast?Errico, ? c? ce?? ?resto finch? nun me so ?mparato bono. E po? metto na putea pe conto mio.
Maria = E dopo te truvi la nammurata e te spusi?
Gennarino = Piano, piano, e come curri tu! Me n?aggia magn? de pane ancora!
Maria = Ce lo magnano nzeme ?
Gennarino = (sempre gesti con la trottola) E chi lo sa?
Raffaele = (? uscito ed ? stato a guardare i due) Uagli?, nun penz? a magn? pane a tradimento. Mar?, t?, dice alla tua signora,Ngiulglina ? Angela ? che la fibbia proprio uguale a chella nun la tengo, ecco ce sta chesta che ? leggermente chi? chiara,va da essa e faccella ved?? se va bona lo stesso.Ca chella ? ?nfettosa.
Maria = S?, vaio subbeto. Ciao Gennar?, ce vedemo dopo?
Gennarino = S?, s?, quanne me v?, ? c? sto.
Maria = E me ?mpar? pure a me a us? gliu strummeglio.
Gennarino = E po? vedemo. Me gl?aggia ?mpar? prima ?!
Maria = E va bone?arrivederci?Arrivederci? don?Mastu Reffeluccio?
Raffaele = Arrivederci! Uagli?, la piccerella te piace eh?! Statte attente che chella ? na pezza fina.
Gennarino = E ? c? me stongo affinanne ! Mastu Raffel? avete visto gliu sorece?
Raffaele = Gliu sorece e add? sta?(si volta in giro)
Gennarino = A c? sta, vidi? Dento gliu mastruccio che m?avete dato.
Raffaele = Hai visto che lu parmigiano ha fatto effetto!
Gennarino = La? scorcia! E m? che ce facemo cu stu sorece?
Raffaele = Lassemoglio c? che gliu jatto de donna Erminia ce fa nu beglio spuntino! Tu hai sistemato tutto l??
Gennarino = Tutto apposto. Mo caccio fore pure la porta che s?hadda tratt??
Raffaele = Ah, s?, ? meglio che me? restituisci pure la bumbuletta? che se torna? chiglio e la trova l? fa storie.
Gennarino = S?, s?, ve la piglio subbeto. ( rientra e porta la bomboletta) Pure gli puci so scumparsi. ..Ma gliu masto ancora non se vede?
Raffaele = Chiglio dopo gliu primo quartino, arriva pure agliu secondo?
Gennarino = (rientra e mette fuori sgabelli con una tavola sopra) Pure chesto ? fatto!
Raffaele = (canticchia) Fior di limone, l?omo solo ? come a nu piantone, che cresce solitario agliu cantone. (rientra)

SCENA? X? GENNARINO? E? ASSUNTA
Assunta? = ( porta? il pranzo , in una ?mappatella? e per mano una vecchia sedia ) Gennari?,Gennar???
Gennarino = (si affaccia dalla bottega) U?, m?, si tu? E che si venuta a f??!
Assunta =? T?aggio purtato la marenna?pe oggi.
(intanto mostra la sedia)
Gennarino = E che aggia fa ammarenne pure cu la seggia, zoppa ?
Assunta? = Veramente chesta l?ha mannata nanonneta, ? nun la vulevo purt?, ma essa m?ha ditto:? Porta sa seggia a figlieto? e vide de farla aggiust?, che ? da tanto che sta sempe ?nmezzo la casa, e chi? de na vota chi se c?? assettato ha rischiato de cad??
Gennarino = Ma come? Gliu primo jorno de fatica e chella nanonna gi? me manna da? aggiust? ste cose de casa? I? ancora nun so pratico.
Assunta = E le fai aggiust? dagliu masto! Ma a proposito, mast?Errico nun ce sta? (guarda dentro la bottega) Eh ,nun ce sta? E add? ? iuto gliu masto?
Gennarino = No, nun ce sta, ma a te che te ne ?mporta add? ? iuto?
Assunta? = No, nun ? che me ne ?mporta tanto, ? che me meraviglio che gi? t?ha misso nmano la putea. Vol dire che t? gi? fiducia de te, che gli hai fatto na bona?mpressiona allora!
Gennarino = Ma che bona mpressione! Chiglio m?ha ditto che me tene na sittimana in prova e po se ne parla?
Assunta? = Eh ma si t?ha? affidato suglio la putea, vol dire gi? caccosa? o no?
Gennarino = Nun lu saccio! M?, ma che m?hai purtato da magn??
Assunta? =? ( mette tutto sulla tavola dove Gennarino sta lavorando) Ecco: c? dento gliu tianeglio ce sta la pasta e fasugli avanzata ieri sera. E? fredda,? la vulevo scaut?, ma nanonneta m? ha ditto che a te te piace meglio fredda.
Gennarino =? S?,s?, fredda ? meglio pecch? scautata? puzza de fumo.
Assunta? = Po? t?aggio purtato la frittata de ove e patane.
Gennarino = Chella avanzate dall?anzalata de ieri sera.
Assunta = Eh, s?, le patane uglite..ma la frittata l?aggio appena fatta. E? ancora cauta, sinti? ( gli prende la mano)
Gennarino = (infastidito) S?,s?, va bone.
Assunta = E po?, ecco, pure na purtuaglia.
Gennarino = Eh, ha fatto pranzo completo.Ma nun te sembra che ce manca caccosa?
Assunta = Mb? si lu dolce? Ecco tengo nu confetto,si t?accuntinti?
Gennarino = Ma che ci aggia f?!Ce manca da beve.Che fa magno senza beve?
Assunta = Ah, ci hai ragione. Ma? lu vino era fenuto.Se l?? bevuto tutto pap? ieri sera.Te po? accuntent? dell?acqua dela funtana de la piazza.
Gennarino = Eh, ma l? ce stanno gli verme rusci dento!
Assunta = Mama dice che gli vermi rusci, purifecheno l?acqua.
Gennarino = Si, va bone! Ma mo mitti dento tutta sta robba e levale da ?ncoppa a sta tavola, che l?hai pigliata pe nu tavuglino pe magn??
Assunta = E che fa? Nun ce p? magn? c?? ?ncoppa?
Gennarino = Ma che si scema ? Leva sta robba, che si se macchia lu legno d?oglio po?? ce ne v? pe la pul? . E po? gliu masto chi gliu sente?
Assunta = S?, va bone.( rimette tutto dentro) Ma mo magnatella sta robba, che so quasi le dieci. La frittata che ? ancora cauta e s?arrefredda.Nun t? fame?
Gennarino = E tu nun hai ditto che a me la robba me piace fredda? Me la magno chi? tarde che mo nun tengo fame.
(prende l?involucro e lo mette via) E mo v?.
Assunta = Gennar? bon?appetito. Si la fritta te piace dimane te ne faccio n?auta cu le cipolle?
Gennarino? = S?, accuss? me se mettono ?ncoppa gliu stommoco. A me le cipolle nun me piaceno. E portate sta seggia t?aggio ditto.Nun la fa truv? c? dagliu masto!
Assunta = Me l?aggia purt? arreto e pecch??
Gennarino = Pecch? mo nun ? pussibbele aggiustarla che ce sta tanta robba arretrata.
Assunta = E ma mo tu te ?mpari lesto lesto e aggiusti tutto?pure la seggia nosta!
Gennarino = Eh, m?? pigliato pe supermen!M?, pigliate sta seggia e portatella, capito?
Assunta? =U?, e come fai brutto?! Nonneta l?ha mannata c? pecch? nun la v? ved? chi? pe casa.? Allora la mettemo c? dento e quanne t? tempo la fai, va bono? (la mette dentro)
Gennarino = Chesta me vo fa mann? da cc? prima de gliu tempo!
Assunta = (uscendo) Allora Gennar?, te serve chi? niente?
Gennarino = No, no, basta che te ne vai. Che me stai solo facenno perde la pacenza.
Assunta = Calma, calma. Pe stu mestiere che te stai a ?mpar? ce v? calma e? pricisione.
Gennarino =? E si tu continui a rompeme le..scatole, i? perdo calma e? pricisione.Vattenne ?nun te fa truv? c? dagliu mastu !
Assunta = E pecch?, che ce sta de male?Vulesse ved? mo che na mamma nun po? Purt? da magn? a nu figlio ?ncoppa alla fatia!
Gennarino = Nun ce sta niente de male, ma mo ? meglio che te ne vai che da stammatina nun aggio ancora combinato niente, prima cu gli sureci, po cu gli puci l? dento!
Assunta = Come come? Si stato a combatte cu gli puci? E allora stammo frischi!?? ?Stasera che turni ce gli mischi pure a nuie a casa. Aggio? fatto tanto pe nun gli fa arrazz?!? Nato uaio .E? mo quanne vaio che? gli dico a nonneta !?
Gennarino = Ma che haia dice a Nonna?!Nun haia dice proprio niente. Gli puci gli aggio sterminati tutti cu lu DDT che ci aggio ittato l? dento!
Assunta = Ah,lu DDT!? Vulevo dice che sentivo la puzza strana! E m? come fai a magn? l? dento, te conviene a magn? c? fore. L? cu chella puzza a me me venesse gliu ommeco!
Gennarino? = A me gliu ommeco me v? veramente si nun te ne vai tu! Su vattenne!Cammina, lasseme fati? npace! (la sospinge fuorie ritorna al lavoro)
Assunta = ( si riaffaccia) Gennar?, nonneta m?ha? tanto raccomandato de te dice? de starte attento a us? la sega e la pialla che te p? tagli? cacche dito!
Gennarino = (fa gesti) T?, e che me vulete itt? secce! Me vulete purt? scarogna!
Assunta = (ritorna) Anzi me stevo a scurd? gliu fatto chi? mpurtante. Ecco? t?ha mannato gl?abbetino. Mettetiglio ncoglio ( gli mette al collo un pezzo di stoffa)
Gennarino = Gl?abbeitino?! E che ci aggia fa?! (sorpreso cerca di toglierserlo)
Assunta?? = Come, chisto serve proprio pe nun te fa succede cacche cosa de malamente mente fatii. E? la prutezione dela Madonna dela Ciuta.Mama gl?ha fatto pure benedice dagli moneci agliu santuario de Itri.
Gennarino = (togliendoselo dal collo) Ma mettetiglio tu, che ? a ste cose nun ce credo.
Assunta = Nun ce cridi?! Ma come pap? porta ?ncoglio chiglio de Sant?Antonio e da quanne lavora nun gli ? successo mai niente!
Gennarino = E gl?incidente che ha fatto cu l?ape?
Assunta = Ma che c?entra,chisto prutegge solo ?ncoppa agliu lavoro e no pe la via.
Gennarino =? Aggio capito ? n?assicurazione a parte! Cammina vavattenne cu ste scemenze!
Assunta = Ancora ?nsisti? M? nun pazzi?, mettatiglio, pure pe fa contenta a mama,e pure a me!
Gennarino = Ancora? Famme contento tu a me, su, famme nu piacere, vattenne che s?? ?fatto tarde.Va,v?! (la sospinge)
Assunta = Eh, piano, piano, me ne vaio. Ma gl?abbitino te gliu lasso c?, se te gliu vu mette te gliu mitti, senn? fa come te pare?(esce)
Gennarino = (riprende il lavoro, poi prende in mano l?abbitino) E va bo??me gliu metto, che m?avessa fa veramente male e po? le femmene? e chi le sente?

?

FINE? I? ATTO
GLIU STRUMMEGLIO??? II? ATTO
Stessa? scena del? I? Atto ?

SCENA? I? -GENNARINO ? MICHELE ( bidello)
Michele = U?, Gennar? e che fai c?? Alla scola nun ce vi??
Gennarino = No, ? cu la scola aggio chiuso.
Michele = Ma come chella la scola m? s?? raperta!
Gennarino = S?? raperta pe te, ma non pe me.
Michele =? Ma come, allora gliu diploma nun te gliu pigli ?!
Gennarino =? Ma che c?aggia fa cu gliu diploma? Fratemo cucino Tunino, s?ha pigliato gliu diploma de cungegnatore meccanico, e mo sai che sta a fa??
Michele = Si lu saccio gliu Cameriere? agliu Ristorante da ?Z? Anna?.
Gennarino = Perci? gliu diploma nun serve.
Michele = Che c?entra chiglio Tunino si vuleva fa gliu cungegnatore aveva ? a fati? a Milano. Nun c?? vuluto ? e mo s?hadda accuntent? de ?Z? Anna a mare?.
Gennarino = Isso ce vuleva ? a Milano, ? la mamma che nun ce gl?ha vuluto mann?.
Michele = E? figlio suglio e la mamma t? paora che se perde pe Milano. Ma tu che fai c? da mast?Errico?
Gennarino = Acc? da Mast?Errico me ?mparo a fa gliu falegname.
Michele = E che ce fai cu gliu falegname? Mo porte, fineste e mobbili gli fanno tutti in fabbrica cu le macchine. Era meglio che te pigliavi gliu diploma, sinti a me!
Gennarino = Ma che diploma. Gliu studio che aggio fatto m?abbasta e m?avvanza.C? quanne m?aggio ?mparato, che chisto Mast?Errico ? nu masto bono, patemo m?ha ditto che me rapra na putea pe cunto mio.
Michele =? E perci? gliu diploma te puteva serv?, pure pe cultura? generale.
Gennarino = Ma che cultura generale. A chella scola add? lavori pure tu, nun te danno manco na cultura de suldato.Ate che generale! L? se perde solo tempo.E chesto tu nun lu p? neg?, che pure tu lu vidi: gli professuri se ne venno in classe solo a legge gliu giornale. Pensono? agliu stipendio e basta! Gliu preside che gl?avessa richiam? nun ce sta mai.
Michele = Ma che dici? Se la matina se piazza vicino agliu purtone e chi arriva cu nu minuto de ritardo glio fa entr? alla seconda ora dopo na cazziata de mezz?ora.
Gennarino = E chiglio? fa? solo? gliu pignolo pe l?orario. Po? pe gliu resto chi s?? visto s?? visto.A me chella scola m?? diventata propeto nzuppurtabble, perci? m?? venuta la nausea e nun ce so vuluto ven? chi?.
Michele = E va b?, tu te facivi sempe cacci?. Ogni jorno fore dalla porta?
Gennarino = E pe forza. I? nun putevoved? le cose storte. Te pare che ? come me muvevo, basta che dicevo mezza parola subbeto na nota ?ncoppa agliu registro. Invece po? gliu figlio degl?assessore puteva fa chello che vuleva.
Michele = Eh, chesso ? vero. Ma chiglio nun lu sai che era raccomandato, pecch? gliu pate comanda tutte le scole e qualsiasi cosa chiedono gli professori gl?assessore ? sempe pronto gl?accuntenta.
Gennarino = Emb? ? ste particolarit? nun le pozzo ved?. E po? all?interrogazione? Se ? cacche vota? nun vulevo ? all?interrogazizone, subbeto n?impreparato ?ncoppa agliu registro. Chiglio invece basta che purtava dui righi scritti dagliu pate e passava ?ngalleria. E tutti gli pecoroni de gli studenti l?accettavano, ma ? no.
Michele = E ma tu na vota durante la ricreazione agliu figlio degl?assessore, gl?? misso? cu la capa dento agliu cesso. E chiglio po? t?ha fatto sospende pe na settimana.
Gennarino = Pe forza. Chiglio nun solo era raccomandato, ma era pure prepotente. Vuleva sempe ? pe primo dento agliu bagno, pecch? aveva spippi?. Na vota l?aggio ditto agliu professore e chiglio m?ha risposto che nun aveva f? la spia.? Capito? Gliu raggiunamento de gli professori ? Perci?, i? a chella scola venivo solo? a perde? tempo!
Michele = Eh, ma tu aviva esse chi? accondiscendente, come fanno tutti gl?auti. Almeno te pigliavi la qualifica? d?elettricista e po?? cu cacche cunuscenza all?ENEL? te putive fa assume e te sistemavi pe sempe.
Gennarino = E patemo che cunusceva a mast?Errico, m?ha fatto assume come apprendista falegname! Alla scola m?aveva? pigli? ancora gliu diploma, ma cc? si me va
bono? arrivo prima.
Michele = E io te lo auguro.Ma nun te crede che sar? accuss? facele.
Gennarino = Intanto me so libberato de? glibbri, prufessure, presede e?bidelli.
Michele = U?, e mo te la pigli pure cu gli bidelli e io? che c?entro? Quante vote ?, specie cu te, aggiu chiuso n?occhio.Specie chella vota che hai sunato la campanella? cinche minuti prima de gliu tempo?E ? me so? stato zitto.
Gennarino = Eh, tu no, a te tutti te rispettono l? dento?ma ce sta chiglio assistente de scienze che se crede nu Pataterno, che ? gliu chi? antipatico de la scola?
Michele = Chi, lo Cascio? Gliu siciliano? Ci hai ragione chiglio ? nu poco?autoritario.
Gennarino = Eh, nu poco s?. Nu poco troppo! I? lu sai come gliu chiamavo?
Michele = Come, come?
Gennarino = (quasi sottovoce) Minghia , signor professore!
Michele? = Ah,ah! Aggio capito! E isso nun se? n?? mai accorto,nun diceva niente?
Gennarino = Veramente siccome chiglio ? nu poco surdo, ? minghia lu dicevo piano piano in modo che gli compagni capivono ma isso no: Ma po? vedendo che tutti ridevono na vota l?ha dimandato a na uagliona, secchiona de gliu primo banco e chella gli ha ripetuto la parola e allora. Via ?dagliu preside e po 5 jorni a casa!
Michele = Eh, si forte tu eh! Ma mo me n?aggia ? che s?? fatto tarde. Statte bono Gennar?. Me raccomando nun pigli? ngiro gliu masto c?? po? te caccia pure isso?
Gennarino = No, mo c? me trovo bono, gliu masto ?? bravo e so sicuro che me mparo?
Michele = E meglio pe te?Statte bono. T?aggia salut? nisciuno alla scola?
Gennarino = No, lass? st?, anzi sai che v? fa, quanne ncuntri lo Ca?scio digli che? da parte mia?gli manno chesta?(fa una pernacchia)
Michele = Ma che si pazzo?E? ? avessa dice a o Locascio?
Gennarino te manna chesta (altra pernacchia) No,no nun pozzo?I? m?aggia fa benvul?, che mancono ancora pochi anni e pe ? ?npensione!
Gennarino =? Aggio capito, Pure tu attacchi gl?aseno add? vo gliu padrone.Come dice patemo.? Statte bono Mich??
Michele =? E statte bono pure tu, Gennar??(esce)

?

?

SCENA?? I I ? MARISA ? Mastt?Errico -Gennarino
Marisa = ( signora in lutto) Giovin?, mast?Errico gliu
cugino mio ce sta?
Gennarino = No signur?, ? sciuto nu mumento ? juto? accatt? certe sementelle?
Marisa? = E quanne v??
Gennarino = E quanne ha fatto. Avessa ven? subbeto per?.
Marisa? = E allora gl?aspetto.
Gennarino = E aspettateglio. Ma che ve serve?
Marisa?? = Che me serve?! E? morta mama ?
Gennarino = E salute a nuie e che ce vu fa?
Marisa = E che? aggia fa? Gliu ta?to. Mica la putemo abbel? senza ta?to?
Raffaele = (ha sentito ed interviene) Ah,? Marisa, ? morta z? Ceutella? Ma steva malata? I? l?ata settimana l?aggio vista pass? che jeva alla chiesa?
Marisa = ( si avvicina al desco di Raffaele) Malata proprio no. L?ata sera mente steva bella e bona a cen?, gli ? venuto nu votaceglio ed ? caduta dalla seggia. I?subbeto aggio chiamato gliu medeco.E chiglio appena venuto, nun l?ha manco visitata bona, m?ha ditto che nun era niente de grave, ma pe sta sicuri s?aveva ricuver? agliu spitale pe accertamenti. Ha chiamato l? ambulanza e l?hanno ricuverata.
Raffaele = E allora ? morta agliu spitale ?
Marisa = Mb? s?. Ma che mbressione a mur? agliu spitale, ? na cosa proprio brutta.
Raffaele = Mb? ci hai ragione. Aggio avuto pur?? la stessa mbressione quanne m?? morta mama mia, gl?agno passato, pace all?anema sia (si segna).
Marisa = Eh ma a me? m?? rimasto na pena agliu stommoco pecch? nun l?aggio vista manco spir?. Povera mamma mia! Tutti gli jorni ievo a trovarla,nmancabbilmente matine e sera, come se rapreva gl?uspitale ? stevo l?. E iere matina invece de ? alla solita ora d?apertura, aggio penzato de ? alla putea de Pascale Farina, che sta poco lontano dagliu spitale, pe gl?accatt? na mucchera nova ca, che chella che teneva s?era nu poco fruata. Agliu spitale la mucchera veramente nun ce la facevano mette, ma ? aggiu penzato, pe quanne sceva nun era beglio, farle mette ancora chella mucchera mezza sculurita. E allora aggio accattato sta mucchera e so juta subbeto agliu spitale cu cacche quarto d?ora scarso de ritardo. E mb?? Quanne so arrivata alla cammerata add? steva mama, guardo agl?ultemo letto vicino alla finesta add? steva essa, e nun la vedo. Nun vedo, manco gliu letto vedo, che denanze ce avevano misso nu paravento niro. Me credevo che m?ero sbagliata de stanza, sa come succede che le camere degliu spitate so tutte uguale. Ma po? guardanno gli ati letti, vedo le stesse facce che ce stevono? sempe?e na vecchia che steva proprio vicina a mama mia, me guarda guarda cu duie occhi come se me vulesse fulmin?.I? allora m?avvicino e iessa me dice:?Mammeta… Poverella, t?? stata
aspett?. Ma po? nun ce l?ha fatta chi? ehh.. se n?? juta?! Se ne juta? E add?, che l?hanno fatta sc? senza aspettarme? Allora sposto chiglio paravento e vedo mama che la stevono a nzavan?. Duie infermiere la pigliavono come se fosse
nu fascino e la spustavono da c? e da l?! Gli dico stateve accorte, che fate, chessa? ? mama mia! E una de chelle infermiere ciotta come a na montagna, me dice: ? Sign?, nun te preoccup? che nun gli putemo fa chi? male, ? morta
ormai!? E l?hanno messa ?ncoppa a na barella e se la so purtata. I? a corrergli appresso pe dumand?? add? la portavono? Me ferma nu infermiere e me dice de libber? gl?armadio e che dopo mezz?ora putevo scenne alla camera mortuaria. I? me la vulevo purt? a casa, ma m?hanno ditto. ?C? ? morta e c? resta!?
Raffaele = Emb? se usa accuss? agliu spitale. Se fa pe tutti.
Marisa = E a me per? ? stato troppo brutto. Quanne po? so scesa alla camera Mortuaria aggio vista mama stesa? tutta bianca, pure la pelle era diventata bianca? come agli capigli de cenere.Teneva gli occhi quasi chiusi come quanne la sera restava a durm? denanze alla televisione e se jevo a stut? essa subbeto?? gli rapriva e diceva che steva a ved?. Ma mo gli occhi nun gli rapreva chi?.Era morta. Povera mama mia!
Raffaele = E Marisa, ? morta, tutti hamma mur? che ce vu f?, fateve coraggio.Z? Ciutella teneva pure ma bella et?.
Marisa =Mb? s?, pace all?anema sia, quase novanta. Ma ? me sento chella pena c?, pe chiglio quarto d?ora de ritardo. Mannaggia la mucchera nova e ? che la so juta accatt?. Nun aggio visto mur? mama pe la mucchera?
Raffaele = E s?, attenzione, te si persa la morte in diretta!
Marisa? = Masto Raff?, nun pazzi? cu ste cose. I? me sento male pecch? prima de mur?, magare mama me vuleva dice caccosa.
Raffaele = E ha tenuto 90agni de tempo? e nun t?ha ditto mai niente?
Marisa =Eh, tante cose me diceva mammema. Pure pecch? ? songo ancora signorina.Tante raccomandazione me faceva?de starme attenta. Specie degl?ommeni.
Raffaele = E tu te ci si stato tanto? attenta che? si rimasta zitella!
Marisa = Zitella? Ma ? mica so vecchia sa? Ma nun ? pe chesso. Pecch? ? de ammasciate una n?aggio avuta e? tu lu sai, che ci hai pruvato, ma pe nun lass? nonna sola?nun me so mai dicisa ?
Raffaele = Si rimasta tu sola! Mo stiva aspett? che mammeta ?npunta de morte te desse ?? ?cacche disposizione?
Marisa = Ma che disposizione?! Pecch? magare in punta de morte se dicono cose diciamo mpurtante.
Raffaele = Add? macare teneva nascosto gliu tresoro?!
Mar. = Ma quale tresoro? Mama chello poco che aveva strinto me l?aveva gi? tutto ?ntestato alla posta.
Raffaele = E allora dopo le esequie putemo sempe parl??
Marisa = E masto Raf? tu ti sempe na capa. E? che m? ? stongo proprio sconvolta. Nun m?era mai successa na morta agliu spitale. Na vota, me ricordo , se mureva? sempe ncasa. E allora se piagneva tutta la notte. Se senteva pe tutto
gliu paese. Era beglio che veniva tata gente, nun se mettevano manco gli? manifesti pecch? se passava parola e tutti lo sapevano. Mo nun se po piagne chi? manco se te more na mamma.
Raffaele = Ma che? dice? E mo nun sagger?? Chi te pruibbisce de piagne mammeta?
Marisa = Chi me pruibbisce? Ma quanne so juta alla camera mortuaria a truv? mama,dopo duie ore, come m?aveva ditto gliu infermiere, nun riuscivo a? sap?? manco qual era. Che ce ne stevono tre de morti. M?hanno fatta na mbressione? Che vu piagne mo? Magari uno se crede che piagni pe nu parente? e se mette a piagne vicino a cacche scanusciuto?

SCENA? III? ERRICO ? MARISA
Raffaele = Mar? agli parenti se hanno bisogno, gli haia aiut? quanne so vivi, pecch?
dopo morti?Essoglio, Mast?Err?co!
Errico?? = ( entra quasi? fischiettando)
Marisa = ( va da? Errico) Mast?Err?. M?? morta? mama.
Errico = E pure a me m?? morta muglierema c? aggia f? ?
Marisa = E come ch?? f?? M?? f? gliu ta?to.
Errico? = Mo gli tauti nun se fanno chi?. Se vennono begli e fatti. Pure ? quanne s?? morta muglierema me gl?aggio avuta accatt? gi? beglio e fatto.
Marisa? = Ah, allora ci aveva ragione chiglio signore che m?? venuto vicino ieri sera agliu spitale e m?ha ditto che se la vedeva tutto isso pe gl?atterro?Ma ? gl?aggio ditto che tenevo gliu cugino mio falegname e che me gliu facivi tu gliu tauto pe mama.
Errico = No, me dispiace Marisa, ma ? ta?ti nun ne faccio chi?..Va dalle pompe funebre che stanno denanzi agliu spitale e fatte fa tutto da issi va.
Marisa = E allora se ? accuss??Vaio che mo ? quase ora che raprono la camera mortuaria. Che m? manco la notte te fanno piagne.La notte chiudono gli morti e gli lassono da sugli. A che munno semo arrivati! Povera mama mia! (esce)

?

?

SCENA?? IV? ? Errico ? Raffaele? – Gennarino
Errico? = (un po? brillo ) Allora, il mio attentente ? stato attento al pretentente?
Gennarino = Mast?Err?, nun ve capisco! Ch?avete ditto?
Errico = Uagli? tu hai fatto le scole?? E che ll?? fatte a f? ? E allora il mio attentente si tu! Si stato attento a fa quello che t?aggio urdinato, ciu? quello che pretendo da te?
Gennarino = Ah, s?,credo de s?! La porta l?aggio portata fore. Pronta pe ncuminci??
Errico = E stucco, colla e carta vetro nunch? la spatola add? stanno?
Gennarino = Veramente nun saccio add? sta tutta sta robba.
Errico? = Giusto, hai ragione, pe cuminci? t?aggia ?mpar? gli segreti de la putea. V?..dento e te gli mparo! (rientrano)
Raffaele = Il professore s?? misso in cattedra.
Errico = (escono con gli arnesi ) Bravo, hai fatta na bona pulizia la dento! Ma se sente ?? ?n?addore strano, che ci hai? ittato?
Gennarino = ( sguardo al calzolaio? gesti ) Roba da beve.
Errico = Robba da beve? Come sarebbe a d??
Gennarino = (fa gesti ombrello) Cio?, s?, che quanne piove se piglia l?ombrello.
Errico = Uagli? e com??? I bevo e tu te mbriachi? Che so sti nduvinelli?
Raffaele = Erric?, hai visto che beglio servizio t?ha fatto stu uaglione? Da stammatina: acqua, scopa e olio di gomito.
Che te ne pare?
Errico = Mb? s?, ha fatto nu bono servizio, ma se sente n?addore strano.
Raffaele = (si alza e va a controllare) Ah, e chesto sai che ?? Gl?addore de pulizia! Aria nova,fresca,pulita.Tu da quanne nun ci divi na sistemata a sta putea!
Errico = (triste e piagnucoloso) Eh, quante era viva la bonanema ,ce penzava essa!
Raffaele = E m? hai truvato a chi ce penza :Gennarino,
Garzone sopraffino! (confidenziale) Erric?,te l?aggio ditto che chisso ? nu bone uaglione,nun te gliu fa scapp?!
Errico = S?,s?, va bone,va bone! (gli volta le spalle,Raffaele Torna al suo posto) Gennar?,?? ?allora visto che si bravo a rassett?, m? t?? mpar? pure a fati?,pigliame na seggia
(ce la prende dall?interno) E pe te nun la pigli?
Gennarino = No, Mast?Err?, ? guardo e sento meglio all?impiedi.
Errico = Come v? tu! Allora devi ten? conto che? chiglio de gliu falegname, ? nu misture molto importante assai! Il pi? mpurtante falegname sai chi ? stato?
Gennarino = Pap? m?ha ditto che a Maranola na vota ce steva masto ?Andrea.
Errico = Ma che stai dicenno? Chiglio era peggio de nu scarparo?
Raffaele = (che sta ascoltando) Mast?Err?, come sarebbe a d?, era scarparo o falegname!
Errico = Ma a te che te ne mporta?! Lasseme spieg? aglio garzone mio! (Raffaele fa spallucce) Allora Gennar?, tu hai fatte pure le scole iaute e l?avissa sap?,si hai studiato la storia e pure la riligione?
Gennarino = Ah s?, aggio capito. E? san Giuseppe, il Falegname padre putativo de Ges??
Errico = Oh,bravo, ed il 19 marzo, si festeggia la festa del nostro produttore?
Gennarino = Protettore,s? la festa dei lavoratori artigiani?
Errico = S?,s? appunto. Poi devi cap? che noi falegnami? adoperiamo un materiale vivente, che pruviene direttamente dalla natura?
Gennarino = La pianta,l?albero?
Errico = Certo.che se po? dire che ? gl?elemento ch?? il pi? prezioso pe gl?ome: quando vive, d? aria pura pe respir? ?
Gennarino = E pure frutta pe magn??
Errico = Certo, pe sfam? tanta povera gente?Quante po? la pianta,tagliata,seccata, diventa legname, se po? lavor?. Ma bisogna conoscerlo pecch? ce stanno diverse specie de legname,duro,dolce, aspro, e saperlo trattare.Perch? ogni legname ha il suo verso:Pelo e contropelo. Se lo sai trattare risponde bene, e ci puoi fare tutto quello che vuoi?
Gennarino = Gli mobili de la casa?
Errico = Bravo, le statue de gli santi…
Gennarino = A casa nui tenemo na connela add? ce se so cresciuti tante generazione..
Errico = Certo,il legno a volte ? indistruttibile. In America ce fanno pure le case.
Gennarino = E ma da tutte le parte me sa che ce fanno pure l?ultemo rifugio, gliu tauto.La bare pe quante se more!
Errico = E gi?, l?uomo ncomincia a vivere con il legno, e finisce cu la morte??? ?( piange) Come a chella povera mugliera mia!La morte vene quante meno te l?aspitti e se porta pure chi nun s?hadda port?,chi nun t? colpa.Ma pecch?!
Raffaele = ( gesti? che non gli deve ricordare la morte)
Gennarino = (stringe le spalle per dire che non ne ha colpa) Curagge,mast?Err?,so cose che succedono. Pure a me m?? morto nu frate piccoglio senza sap? come?
Errico = Ma nun ? giusto, nun ? giusto! Ah! Lassame st?.Pigliame lu stucco!
Gennarino = E? chesto? (gli d? un barattolo)
Errico = Ma che me dai? Chesta ? la colla!
Gennarino = Allora ? chesto.
Errico = E s?, ma chesto stucco s?? seccato.Mo tu continua a scartavetr? c?, che ? vaio a pigli? lu stucco novo.Me raccumanno,sempe gliu stesso verso?
Gennarino = S?, s?.Va bone accuss??
Errico = Uagli? la storia la sai ma la carta vetro nun la sai us?.Accuss? vidi? Sempe gliu stesso verso,chiglio giusto!
Gennarino = Va bone, va bone, aggio capito,mast?Err?!
( si mette a scartavetrare)
Raffaele = Erric?, ma lassa perde, manneci Gennar? a pigli? lu stucco!
Errico = Ancora? Ma t?aggio ditto che t?? fa gli? fatti toi! (esce)
Raffaele = E ci ha ragione. A lav? la capa agl?aseno,se perde acqua e sapone!

SCENA? V? ? Raffaele ? Gennarino ? Maria
Maria = (rientra con in mano? due scarpe) Mastu? Raffel? La signora Angela m?ha ditto che la fibbia nun ? degliu stesso culore dell?ata che ce sta e allora ? meglio che ce le cagni tutte e duie. ?
Raffaele = Eh aggia ved? se ce ne stanno duie uguale.Aspetto, mo vedo.( rientra)
Maria = (si avvicina a Gennarino che sta? lavorando) T?ha misso subbeto all?opera gliu masto, Gennar??
Gennarino = E ? aggia f? nu corzo accelerato pe me mpar? subbeto.
Maria = Ma gliu strummeglio te gli?? mparato?
Gennarino = E add? gliu trovo gliu tempo? Mo aggia fati?. Pe gliu strummeglio ce sta tempo.
Maria = Me gliu fai mani?? nu poco pure a me?
Gennarino =Ma come,tu vu mani? gliu strummeglio mio? Ma chisto ?? da mascheri!
Maria = Ancora stai a fa distinzione fra mascheri e femmene? A me piace pruv? tutto sia de mascheri che de femmene. Anzi, cu le cose de mascheri me ci appassiono de chi? ! Allora me gliu dai si o no? (lo perquisisce)
Gennarino = No, no, statte femme che me fai zecche-zecche,me fai ride! Ah,Ah! Statte ferma!
Maria = E tu dammegliu stu strummeglio! (glielo prende dalla tasca)Ah,eccoglio!
Gennarino = N?, Mar? damme gliu strummeglio! Dammiglio che chisto ? de valore.
Maria = Ma non te preoccup?, mica ? de vetro che se rompe? Fammeglio ved? bono. Add? sta chiglio stemma che tu dici?
Gennarino = (gli si avvicina e di dietro abracciandola prende anche lui la trottola dalle sue mani e glielo mostra) Ecco, qua, vidi? E che ci ricunusci caccosa?
Maria = Ah, si mo vedo, a me sembra gliu stemma degliu? Papa.
Gennarino= Se chiglio de gliu Re!
Maria = Mo gliu Re nun ce sta chi?!
Gennarino = E pe chesso tene valore.Si scrupisse de chi ? veramente, allora chi lo sa, se potrebbe?
Maria = Si potrebbe che cosa? ( si volta verso di lui quasi a chiedergli un bacio)
Raffaele = U? uagli? e che d?? me fate manten? le cannele a me mo?
Gennarino = No, gli stevo a fa ved? gliu stemma che sta ncoppa agliu strummeglio.
Raffaele = S?, gliu stemma! Mar?, va a dice alla tua signora che le duie fibbie l?aggio truvate ma che ce v? nu poco de tempo pe le cagn?.
Maria =No, mastu Raffel?, ? inutile che vaio e vengo, aspetto c? che me le cagni, tanto ce sta Gennarino che me fa cumpagnia.
Raffaele = Gennarino lasseglio perde,chisso hadda fati?, s?hadda mpar? a fa gliu falegname,vicino a t? perde la concentrazione e nun trova gliu verso giusto.
Maria = Vicin? a me ,Gennarino,trova na strada spianata?
Raffaele =Ve auguro che nun sia nzalita sta strada.(rientra e si sente battere dall?interno)
Maria = A proposito Gennar?, ma pecch? nun lu chiedi agliu masto tio si conosce stu stemma che sta coppa a chisto strummeglio? (lo rigira fra le mani e si ? seduta alla sedia mentre Gennarino continua il suo lavoro)
Gennarino = E? na bona idea. Per? ce l?aggia dimand? quanne sta de buonumore, pecch? senno me risponde malamente.
Maria =E ce lo pozzo dimand? ?.A me nun me dice de no!I certe cose le sacce chiede. Ma m? add? sta? Da m? che nun gliu vedo fati? dento a sta putea.
Gennarino = E m? ? sciuto pe pigli? lo stucco. Ma da quanne gli ? morta la mugliera non se riesce a ripigli? chi?.Nun vo fa chi? niente,ha abbandonato tutto!
Maria = Pure alla signora mia gli ? morto gliu marito, ma? chella? ? tutto al contrario non regge chi? nterra murata. V? sc?, va truvenne sempe gente nova ?
Gennarino = Ma facemola? ?ncuntr? cu mast?Errico,po esse che da cosa nasce cosa?
Maria = M?hai letto dento gliu pensiero,pure ? stevo a penz? la stessa cosa.
Gennarino = Ma come se po? fa ?
Maria = Proprio ieri la signora, ha fatto na cummeddia che nun la finava chi? pecch? s?? rotta na cerniera de nu cassettino che ce mette dento tutti gli anegli,cullane bracciali?E? nu porta gioie de valore,e s?? tanto dispiaciuta. Mo sai che faccio, dico che ce sta c? masto Errico che ? capace de ce l?aggiust? e chella po? ve a pag? e accuss? forze?? alla signora gi? gli dico caccosa?
Gennarino = Eh, come si veloce a penz? ste cose tu, ma gliu masto mio nun gliu conosci ? accuss? burbero? e p? penza sempe alla mugliera e nun ? facele fargli cagn? idea.
Maria = Lassa fa? a me. Tu lu sai come se dice? La femmina ne sa chiu de gliu diavolo! Vago e torno.Si la signora acconsente vengo cu gliu porta gioia!
Gennarino = Ma, pe m? ? fatica sprecata. Ma aspetta add? vai? Gliu strummeglio.
Maria = Ah, scusame, me gl?ero scurdato. (si avvia)
Gennarino = (riprendendoselo) Ma ? no, per?!
Raffaele = (rientra)Uagli?,le scarpine su quase pronte.
Maria = Aggio fatto n?ata penzata, mo vaio prima dalla signora? a pigli?? nu portagioie che se vo fa aggiust? da Mast? Errico. Che dici Ce gl?aggiusta?
Raffaele = E bisogna ved? si se po? aggiust?!Che ce manca?
Maria = Pare sola na cerniera.( esce)
Raffaele = E si se tratta solo de na cerniera?(rientra)?? ?

SCENA??? VI? -? Maria – Giovanni
Giovanni = ( enrando? incontra Maria e la trattiene)
U? Mar?!E che nun cunusci chi? nisciuno?
Maria = Ah,? Giu?? buongiorno, nun t?avevo visto. Stevo soprapensiero.
Giovanni = E a che vai pensanno Mar??
Maria =? Cose mie!
Giovanni? = Nun ponno esse pure le mie? (la tocca)
Maria = (scostandosi) Mo statte fermo, pure nmezzo alla via me v? mpurtun?? Che me v?? compromette cu tutti?
Giovanni = E tu pecch? nun vi chi? agliu stazzo? mio a catt? la carne ?
Maria = Pecch? la signora nun me ce manna chi?.
Giovanni = Ma tu vicci lo stesso cacche vota de nascosto che t?aggia parl? de certe cose n?purtante.
Maria = E le saccio quale so le cose tie mpurtante.U? Gi??? mettete l?anema mpace che cu me nunce sta niente da? f?!
Giovanni? = Ma no, che dici, vi che ne parlamo.I?t?aspetto!
Maria = E aspetta e spera.
Giovanni? = Allora posso sper??
Maria = Chi de speranza vive disperato more. Accuss? dice nanonna!
Giovanni = E si tu nun v?, ? moro veramente.
Maria = E more, che me mporta !
Giovanni? = Allora nun te mporta proprio niente de me?
Maria = Aaah,? Giu?, ma te s?? guardato agliu specchio?
Giovanni = Pecch? che vu dice cu chesso?
Maria = Te voglio dice che s? troppo brutto e nun fai? pe me, nun ? pussibbele ?? ?chello che tu pinsi.
Giovanni? = No Mar?, pecch?, dice chesso ,la bellezza nun conta. Non? ?? mpurtante. E? mpurtante chello che io sente c? dento, pe te, Mar?!
Maria = E? mpurtante pure che ? nun sento niente, c? dento, pe te, Giu? !
Giovanni? = Ma tu po cu gliu tempo, si giovane,t?affezioni.
Pensaci bono, che ? cu tuttochello che tengo, te faccio fa la signora. Nun te faccio mai manc? niente. Te careco d?oro e de vestiti da meglio e meglio.Perci?, Mar?, pensaci bono.
Maria = Giu? , nun ce sta niente da penz?.Tu ci ? pens? a chello che dici, pecch? t? moglie e figli. E che me vulissi fa fa la mantenuta ?!
Giovanni? = E che ce sta de male?? Su Mar?, se me dice de s?, te assumo come commessa? alla chianca?metto tutto mano a te?e tu l? dento faila padrona!? (la trattiene)
Maria = La padrona cu mugliereta pe lu mezzo?!
( da parte) Ma chisto ? scemo!
Giovanni = Ma muglierema ormai s?? fatta vecchia. Quanne me la so spusata, era pi? anziana de me. I facevo gliu garzone alla putea de gliu pate che nun tenenenno eredi, me l?ha messa? nnanze?Na sera che nun ce steva gliu pate, essa m?ha attirato nu tranello, io pe la verit? n?aggio approfittato che me sistemavo. Ma mo nun ne pozzo chi?, agge faticato tanto e mo, me voglio god? la vita. E solo tu, Mar?, me p? f? felice! Se accunsinti te faccio divent? la migliore signora de tutto gliu paese.(cerca di abbracciarla)
Maria = (respingendolo) I? signora gi? ce so, cu la mia puvert? e onest?! I? voglio?? spusarme cu uno giovane comme a me, alla chiesa, pure se povero. E nun voglio vive in peccato? mortale. E po? la puzza degl?aglimale? nun la supporto proprio.E pure chella che t? ?ncoglio tu!(lo spinge)
Giovanni? = Ma no, che dici po? te c?abbitui, chesta nun ? puzza che tengo ?ncoglio? ma addore delle mie sustanze che ce fanno ricchi.Vicc? Mar?!m?!( si inginocchia )
Maria = Ma Giu?, s? pazzo? V?attella? a truv? agliu Garigliano una che fa pe te. L? le truve de tutti i culuri!
(gli d? una spinta esce)
Raffaele = (? seguendo la scena,vede? Giovanni per terra) Giu?, ch?hai fatto, si caduto?
Giovanni = Eh aggio inciampato e so sciulato?
(si alza e si avvicina al calzolaio)
Raffaele = Te s? fatte male? Te serve nu poco de spirito,acqua ussiggenata,tengo la cassetta de medicazione.Pronto intervento!
Giovanni = No, no, nun m?aggio fatto niente. Venivo proprio pe te fa ved? ste scarpe che ?? ?m?hai fatto, che proprio pe gli chiovi che ci hai misso fanno spisso sciul?.
Raffaele? = Ma si stato tu a dirme de metterceli pe fa le scarpe chi? resistente,pe quanne ci vai nmuntagna appresso ?gl?aglimagli.
Giovanni? = E se vede? che ce n?hai missi troppi, se ne po? lev? cacchetuno?
Raffaele = E si ce gli levo po? se sconcica tutto coso. Senti a me,Giu?, lassa gliu nunno come se trova. Che ? meglio. Pure pe gliu resto. Che aggio sentuto. Ma l? nun ce sta niente da fa cu chella guagliona.
Giovanni = No, ma tu che hai capito?! I? la vulevo aiut? chella guagliona. La vulevo purt? a fati? da me, dandogli pure na bella paga.Ma chella nun ne v? sap?.
Raffaele? = Se vede che la sauciccia tia nun gli piace!
Giovanni? = Po? esse. Ha ditto che nun supporta la vista de lu sangue. Statte bono mastu Raf?, la prossima vota che me fai le scarpe mettece meno chiovi?( si avvia)
Raffaele = E tu pensici bono?prima de me l?ordin?. Statte bono Mastu Giu?!(entra)
Gennarino = (rientrato dopo la caduta di Giov.) Mastu Raffel?, vuie a chisse le scarpe ce l?aveta f? senza chiovi.
Raffaele = A chisso sapessi ? add? ce gliu vulesse? ficc? nu chiovo! ( indica sulla fronte)

?

SCENA? VII? ? Errico ? Gennarino ? Raffaele- Maria
Errico = (canticchiando un po? brillo) Fenesta ca luceva e mo nun luce, segno che Nenna mia sta a letto malata.(S?affaccia na signora e me lu dice. Nennella toia
sta nterra sotterrata! ( si accascia sulla sedia e piange)
Gennarino = Mast?Err?, su curagge, nun pensate sempe alla stessa cosa. Vedete,vedete, aggio fatto bono gliu lavoro che m?avete ordinato?
Errico = Lasseme perde,non voglio ved? chi?? niente!Pe me nun ce sta chi? niente da f??
Gennarino = Ma? fateve coraggio,la vita continua,nun pensate sempe alla stessa cosa.
Errico = S? la stessa cosa. I? tengo nu chiovo ficcato dento a sta capa ?
Gennarino = Ma sentite a me, chiovo schiaccia chiovo.Pensate a caccata persona?
Errico = No, pe? me nun esiste chi? nisciuno?
Gennarino = Ma ce stongo ? c? che ve voglio aiut?, e pure cacchet?una auto..Vedete gliu lavoro,come sta fatto?
Errico = (riavendosi )Allora, famme ved? chello che hai saputo fa? Ah,bravo, bravo, ? mantenuto il giusto verso? Eh, s? ! C? ce? sta na? doppia riga?
Raffaele = Erric?, si te vaie a sciacqua la faccia, ne didi solo una de riga!
Errico = Ancora tu sempe a mpicciarte de gli fatti mei? Eh, ma pecch? nun te strighi da c?, e te ne vai da cacc?ata parte?
Raffaele = E add? aggia ?? I? c? so nato e c? moro. I? so comme all?edera,add? s?attacca..
Errico = No tu si come agli verdiculuri (?)? basta che sfiuri pugni. E? meglio che me vaio a sciacqu? la faccia senn? cu t? facemo gli nummeri pure oggi.
Raffaele = Lu vedi? E? sempe gliu stesso, nun lu v? mai ammette quanne sbaglia.
Gennarino = M? s?? juto a lav?,perci? l?ha ammisso ma nun lu v? fa ved?.E? nu tipo orgoglioso, ? come a patemo, a mama nun ce la d? mai vinta?
Maria = (entra con un portagioie) Ecco c?! Chisto ? gliu portagioie e chesta ? la cerniera che s?? rotta,la vidi?
Gennarino = S? s?, penso che nun sar? difficile aggiusta na cosa de chesta. Ma la signora c?ha ditto? Ce n?hai parlato? E? d?accordo ?
Maria = E pare de s?. Da chello che m?ha ditto,quanne erono giuvene tra de loro c?? stato gi? caccosa de? tenero. Po la signora ? stata essa a prefer? gliu marito pecch? era ricco assai. Si chiglio murenno gl?ha lassato nu palazzo de casa
add? abito pure ?. Chella m? ? ricca assai, Gennar??
Raffaele = Mar?, acc? le scarpe so pronte. Portale alla signora e diccello che Mast?Errico nun se venne e nun s?accatta.Si se gliu v? ngarb?, s?hadda sta attenta che
chisso ? nu tipo disficele? .
Maria = (prende le scarpe)Masto Raffel?, lassate fa a me che come femmina tengo nu senso a parte pe ste cose!
Raffaele = Piccula ma malecavata la uagliona.Stame a ved?.
Errico = (uscendo) Gennar? mo bisogna che se stucchea per bene sta fenesta.
Maria = Scusate, mast?Err?, la signora mia,donna Angela, ve manna a dimand? de fargli nu grande piacere, pagando naturalmente chelle che ce v?, m?ha mannato stu porta gioie se c?? rotto la cerniera e vedete se gliu putete aggiust? che ve ne sar? veramente ricunuscente?
Errico = Uagli?, quante chiacchiere pe na scatulella de chesta.Dici alla signora tia, che nun tengo tempo da perde pe ste pazzielle!
Maria = Eh, mast?Err?, come pazzielle? Chisto ? n?oggetto de valore.Vedete? Chisto ce gl?ha lassato la nanonna bonanema de la signora?E m?ha ditto, de portarglio c? che solo vuie ce putete mette le mani vicino.Mast?Err?, da chello
che aggio capito, la signora tene na grande considerazione pe vuie!
Errico = Uagli?, la sai longa tu!? Famme ved?? Mah!? Mo vedemo, lassela c? che dimane se ne parla.
Maria = Ma nun putreste, diciamo farcela entro oggi, sa chella la signora tutte le gioie le tene sparse ncoppa agliu cumm?, e cu sti tempi che corruno,ladri che se
ntrufulano da tutte le parte, accuss? le t? chiuse c? dento.
Errico = uagli?,nun ce simbre ma a te gliu filo alla lingua te gl?hanno scioto lesto.?? ?E va bone, mo vedo chello che pozzo fa. E dite alla signora Angela, che lo faccio pe te, e non pe essa, che nun se merita niente da me!
Maria = Ah, ah, Mast?Err?, e pecch? dicete accuss? mo? Come la signora mia, da chello che aggio sentito dice, te t? grande considerazione.
Errico = Grande considerazione, donna Ngiuglina a me?! Ma famme gliu piacere, che chella la conosco pete cerqua!
Maria = ( in disparte a Errico? parlottano gesticolano )
Raffaele = (gesti verso Gennarino) Mo vidi come se fa mpapucchi? pure chisso. Gennar? statte attento che chessa ? fina fina.
Gennarino = Mastu Raf?,v?aggio ditto che pure ? me sto a raffin?!
Maria = (riportando Errico in proscenio) Ma no, no, chella nun faceva che parl? de vuie.Gliu marito, pe carit? la straziava.E? vero gl?ha lassato caccosa, ma quante vote gl?aggio sentito dice: Era meglio mast?Errico, pure cu pane e cipolle.
Errico = Ma veramente? Ah, e ? nun me ne so mai accorte de niente.
Maria = Eh, ma fino a quanne gliu marito era vivo,essa ? state sempe fedele e devota.E pure quanne s?? ammalato,gl?ha curato cu tanta premurara?
Errico = Ah, si s?, s?? saputo, s?? saputo de chesso.Nun c?? che dire!
Maria = I? m o vaio dalla signora a purtargli le scarpe e vuie si ce tenete,aggiustategli stu cascettino e po? essa verr? c? ehh?(a Raffaele) mastu Raf?, mo vaio dalla signora. E vedo se le scarpe stanno bone e po? ve porto gli soldi.
Quante t?avessa d??
Raffaele = Digli alla signora Angela.che fa essa che sa chello che fa:V?.
Maria = Va bone va bone, grazie.Torno subbeto. (esce)
Raffaele = Ma sta guagliona ? proprio nu terremoto!
Errico = E s? a me me sembra na pesta!
Gennarino = Mast?Err?, te posso dimand? na cosa mia personale?
Errico = Dimme, de che se tratta?
Gennarino = Ecco, de stu strummeglio.Vuie ve ne ntendete. Vulesse sap? se tene cacche valore?(glielo mostra)
Errico = Ah! Che beglio strummeglio! E chi te gli?ha dato?
Gennarino = Gl?hanno dato a patemo e isso gl?ha dato ame. Errico = Ah! E proprio nu beglio esemplare.Lavorato bene.Verniciato a dovere?
Gennarino = Vedete? bono che ce sta pure disignato nu stemma.
Errico = Non se dice disignato ma sculpito. Na vota gli facevo pure ?.E quante n?aggio fatti. La gente faceva la fila c? vicino alla putea. Me gl?avevavno urdin? mesi e mesi prima de le feste de Natale. E m?, so passati de moda?mo fanno solo cose de plastica.
Gennarino = Gliu stemma, mast?Err? vedete gliu stemma,chisso hadda esse de cacche? persona mpurtante?forse nobbele.
Errico = ma famme ved? a do sta ? In nun ce vedo chi? senza acchiari.
Gennarino = Ecco,ecco sta c? vedete? (glielo mostra )
Errico = Ah, chisto.E chisto ? gliu marchio che ce facevo ? ncoppa agli strummegli miei.Ah, allora chisto? gl?aggio sculpito proprio ?. Guarda chisto ? gliu stemma de Maranola.Vidi tre torre cu n?ermeglio appeso.
Gennarino = Allora nun ? che tene nu valore ?particolare?
Errico = E come no? Le cose che aggio fatto ?,tenno sempe nu grande valore.Gennar?, lassa perde la porta chesso. La porta mettela dento che ? quasi pronta, dimane se ne parla a fenirla. Mo pigliame, la cassetta de gli ferri:Cacciavite,vite da cinche millillimetre e nu metro?La porta mittela dento.
Gennarino = Subbeto, mast?Err?! (esegue) Mast?Err? il cassettino dei ferri add? st??
Errico = E lass? st?, chisto ? nu lavoro dilicato, ? meglio che lo facemo al tavolo.???????? (rientra)

SCENA? VIII? ? Maria ? Angela ? Gennarino- Errico -? Raff
Angela= (entra baldanzosa e si porta vicino a Raffaele) Mastu Rafaneglio, e chesta sarebbero le fibbie nove messe alle scarpe mie?
Maria = (si affaccia alla bottega e fa uscire fuori Gennarino e parlottano e fanno gesti da parte,poi gli prende ancora la trottola e la fanno rotolare )
Raffaele = U?, donna Ngiugl?,la scopinetta, I?me chiamo Raffaele ? capito? Raffaele e no rafaneglio.
Angela = E ? me chiamo Angela D?Onofrio, scostumato, come ve permettete?
Raffaele = E ? me chiamo Raffaele Di Meo,vuie cu chi credete de parla?
Angela = Cu nu scarpaio, che nun sa distingue na fibbia da n?ata. Vidi, vidi c??
Ma ci vidi bono o te si cecato stammarina?
Raffaele = No ? ce vedo bono, sete vuie che a quanto pare ve sete gnauzzata cu gli cacheri agl?occhi!
Angela = I? gli cancheri? Schifuso, ? la matina gl?occhi so abituata a lavarmeli cu lu sapunetto profumato!
Raffaele = E pe forza,pe nun fa sent? la puzza che t? coglio!
Angela = Disgraziato,te n?apprufitti che nun tengo chiu nisciuno che me difende, pecch? si era ancora vivo la bunanema de maritemo te la faceva ved??
Raffaele = S?, me mettevo paura de chiglio pisciasotto.
Angela = Ancora nun la finisci? A sta putea tia nun ci metto chi? pete!
Raffaele = Ma chi te gliu fa mette. Nun ce ven? chi? che ? cu t? e senza de t? campo? lo stesso.
Angela = Pe m? me rimetti a posto le fibbie che m?hai sbagliato.
Raffaele = I? nun aggio sbagliato niente.
Angela = Allora si capa tosta? Nun vidi c? che cheste so de duie colori diversi? Eh, gli cunusci i colori? Chisto ? colore grigio scuro,chist?auto ? testa de moro? E che ce v? a distinguerlo? Pure nu ceco se n?accorge!
Raffaele = Ma famme ved?? Ah, no,s?,cio?, forse, l? dento,aggio confusa na scatola cu n?ata?Ma m? si m?aspettate nu mumento, ve la cagno subbeto chella sbagliata!? Ma ? stato nu sbaglio non voluto!Chella Maria m?ha dato pressa e ? aggio sbagliato pe farla subbeto?
Maria = Eh, mo me vulete mette a me nmezzo? I? nun c?entro, ? v?aggio lassato fa e so stata a parl? sempe cu Gennarino, nun ? vero?
Gennarino = Mb?, s?, ma nuie ce semo misso a pazzi? cu gliu strummeglio e chiglio s?? distratto.
Raffaele = E grazie pure all?avvocato difensore.(rientra)
Angela = S? va bone, truvamo pure sta scusa? E me raccomando eh! All?ambressa che le scarpe me servono,gliu tempo che parlo nu mumento c? cu Mast?Errico! mast??Err??
Errico = Che c?? che c??? Oh, donna Angela, che piacere, dopo tanto tempo!
Angela = Eh, che donna Angela! Chiamami Ngiuglina come na vota!
Errico = Eh, ma ? passato tanto tempo ormai?
Angela = Ormai che? Tu si ancora giovane? E io? Tu che dici? Ric? come te sembro?
Errico = Ah, me chiami come allora,Ricuccio? Ah, me sembra ieri che tu venivi a truvarme l? dento, e quante cose ce simo ditte?
Angela = E? stata colpa mia, Ric?, perdoname.Ciu?, non proprio. Colpa dei genitori mei.De patemo e de mammema. Che quanne Giacinto ? venuto a casa a portarme l?ammasciata che me vuleva spus? ? me so lasciata convince. Commerciante. Proprietario de nu palazzo. M?ama cu patemo me dicevano che l?amore ? cosa de uagliuni, che po? gli sorde servono, pe fa na vita bona. Ma te lo giuro, Ric?, te lo giuro ncoppa a chello che ti de chi? caro, gl? soldi nun so serviti a niente. Aggio fatta na vita disgraziata, sempre cuntrullata, senza mai n?attimo de gioia e de felicit?! (piange) E? stata pure colpa mia, dopo, che nun so stato capace de me libber?, de corre da te, ma era troppo tarde,pure tu t?iri spusato e a me nun restava che suffr? nzilenzio.
Errico = E che putevo fa ?? Quanne tu m?hai lassato? ,so stato pe duie mise senza durm? la notte.Sartiavo come a nu pazzo. Mammema m?ha purtato pure da nu fattucchiaro che m?ha datro na polverina pe nu Ticotto.Ma ? nun me l?aggiuo pigliata.Penza che vulevo fa pure nu sproposito?vulevo ? a itterma dento a na ciauca.Po? m?ama m?ha misso nanze? Francesca, e ? ch?aveva fa? Pe fa piacere a mama e a patemo dopo tanto tempo, me so spusato. Ma? chella poverella nun steva bona.Sempe malaticcia e po? ha pigliato nu brutto male e se n?? juta.Povera femmina nun m?ha fatto mai manc? niente.Ma ? nun gli vulevo bene E aggiu passato na vita solo amareggiato.
Angela = E ?? Pure cu maritemo n?inferno.Isso era troppo vecchio.Manco na soddisfazione d?av? nu figlio c?? stata!
Errico =Ma m? basta! Si tu v?,putemo ricuper? tutto chello che avemo perso.
Raffaele = (Affacciandosi) Donna Angela, ? la fibbia bona l?aggio ?ricuperata. Piagliateve le scarpe.
Errico = Tu stai sempe ?nmezzo come a Perdusiniglio. Nun te po? fa cacche vota gli..caspiti toi? Quante vote te l?aggia dice?
Raffaele = No, pecch? la signora aveva ditto che gli servevono subbeto ch? aveva? sc?.
Angela = E m? nun? aggia sc? chi? e le scarpe tenetelle!
Errico = Ngiugl?, jammucenne? a cuntin? a parl? dento la putea? mia,come a quanne chella sera,c? dento ce semo lassati, e po?? nun ce semo chi? ritrovati.
Angela = S?, s?, jamucenne dento, e ricominciamo da do ce semo lassati.(rientrano)
Raffaele = ( dando un morso alle scarpe) Mannaggia a me e quanne nun me ammozzo sta lengua ( rientra)

?

?

SCENA? IX -? GENNARINO -? MARIA
Maria =(Rientra con la trottola in mano) Mo, si tu nun ti gliu coraggio,ce lo dumando ? a Mast?Errico! Ma a c? nun ce sta chi? nisciuno?!
Gennarino = Ah, allora se ne so juti. Me sa che cacche cosa ? successo.
Maria = Pe me, ce scappa cacche cosa de mpurtante?Ma pussibbele che nun se po? sap? che fine hanno fatta?
Gennarino = Dumandamo a Mastu Raffeluccio. Te pare che chisto c? non ha visto chello ch?? successo? (si avvicina alla bottega del calzolaio) Gliu m?,Mastu Raff??!
Raffaele = (affacciandosi) Uagli? che vulete? Lassateme perde che da stammatina aggio perso solo tempo, cu vuie e cu gl?auti.
Maria = Ma nun sapete che fina hanno fatta Mast?Errico e la signora mia.
Raffaele = Non lo saccio e nun lo voglio sap? . Se gli fosse purtate cacche summeuro. Lassateme mpace che s?? fatto tarde e nun aggio ancora combinato niente!?? ?I? m?aggia fa gli fatti mei e da m? innanzi me gli faccio.
Maria = Nun ? mai troppo tardi!
Gennarino = Scusate,scusate?nun ve scucciamo chi?.
Dall?Interno della bottega del falegname voci e? allegre risate! Ah!Ah!Ah!
Maria = Eccugli l? add? stanno. ( va vicino alla porta e mette l?orecchio)
Gennarino =Ma levete da loco! Nun sta bene sent? chello che se stanno dicenno!
Maria = Pecch? nun te l?immagini? Ma nun gli dumandi chi? gliu fatto fde gliu strummeglio?
Gennarino=? Ma che vu dimand? mo,gi? m?ha ditto chello che vulevo sap?.
Maria = Allora, Gennar?, jammucenne pure nuie,che chisse se so sistemati,te lo dicevo? E mo speriamo che ce esce caccosa pure pe nuie!
Gennarino = No i? nun voglio niente da nisciuno. La fortuna mia gi? la saccio? chi ? !
Maria = Lu saccio pure io: ?? gliu Strummeglio?
Gennarino = No, la fortuna mia? si tu , Mar? !! ( si abbracciano)


FINE

?




Gli assistenti di scena

?

?

?


Gliu figlio de gliu stato (IL TROVATELLO)

?

Gliu? figlio de gliu stato


(IL? TROVATELLO)

?

di?? ANTONIO? FORTE
Commedia? dialettale?? in due? atti, da un?idea di un Anonimo Formiano? da Freevillage giornale On line? di Mario Piccolino – La vicenda si svolge nell?ufficio Anagrafe? del Comune di Mola-Castellone? nel 1860
Personaggi? ( in ordine di apparizione) ????????.Interpreti
1-Lucia- la cecata?.inserviente comunale?????? ???????Anna Forte
2- Giacinto – usciere? comunale??????????..? ?Arturo? Grimaldi
3 – Annita – ragazza madre ?????????..????? ?..Isabella Quaranta
4 – Giuseppe ? Pastore ?????????????????? Giuseppe Balsano
5 – Maria – moglie di Giuseppe – ?????..????..????? Anna Riforgiato
6 – Don Rocco – impiegato dell?Anagrafe comunale ????? ??.Gino De Meo
7 – Cesare -? guardia municipale?. ????????? Francesco Capodiferro
8 ? Bastiano- fattore del Barone?? ??????? ?? ?Bruno Marricco
9 – Nino – ragazzo?? della fontana.????????? ? .Michele Guglielmo
10-? Filomena – la mammana- ( ostetrica) ????? ? Anna Maria Alberti
11- Carmina -? popolana? madre di una puerpera??? .Immacolata Di Nucci
12 – Nannina ? popolana? amica di Carmina??? ??? ?Velia Ciccolella
13-Lavinia- comare di don Rocco????? ????????? ?Giulia Izzo
14 -15- I Banditori ????????? Benedetto Bardaro e Angelo De Meo
16-Linuccia ? figlia del maniscalco?????????.????? Ludovica Gillo
17 -18 Lino figlio di Giacinto ??? ??Mastantuono Giuseppe
SCENE- Lorenzo Lupo- Francesco Capodiferro
Luci & Audio ? Gino Gaudenzi ? Giuseppe Forte-Tony Guglielmo
Assistenti di Scena – Teresa De Santis ? Giulia Izzo

REGIA -? ANTONIO? FORTE

I??? ATTO
La? scena : Ufficio comunale:? in fondo? una scrivania, con? alcune? sedie ? A fianco una finestra che si affaccia sul golfo di Gaeta? con navi d?epoca schierate-A sinistra 😕 Uno scaffale con registri dell?anagrafe- A destra la comune

SCENA I? -? LUCIA ? GIACINTO

Lucia = ( anziana con occhiali spessi da miope, intenda alle pulizie dell?Ufficio?? Anagrafe canticchia mentre spolvera) Quant?? beglio gliu primm?ammore, gliu sicondo ? chi? beglio ancora?(urta un oggetto che cade?? a terra con???? rumore?nasconde sotto il tappeto)
Giacinto = (accorre) Che auto hai cumbinato mo??
Lucia = No, niente ,che aggio combinato. Tu po? stai sempe alle? poste pe vede? chello che faccio i??
Giacinto = Luc?, ma quale poste!? I? c? faccio l?usciere comunale, e so rispunzabbile? cu don Rocco de chello che succede cc? dento!
Lucia = S?? pe chesso cu don Rocco, me la pozzo ved? pure ? direttamente..c? isso sa chello che ? faccio.
Giacinto =? S? ogni vota che v? a pul?, cumbini cacche uaio.
Lucia = I? cumbino uai? Uagli? ma tu s? scemo? Quanne mai! I? cumbino uai, ma sinteglio a chisto?m? gl?urtemo arrivato mette pure la lengua cu gente che da na vita fanno gliu servizio dento a stu? Cumune.
Giacinto = S?, fai nu beglio servizio. La vota passata che s? stata acc? a pul?, hai fatto rompe gliu lume a petrolio. Don Rocco s?? iuto pe s?assett? e gli?ha truvato alloco sotto la seggia. Ha chiamato a me? e m?ha fatto na?cazziata.
Lucia = E ha fatto bono, se t?ha cazziato?Che caspito fai tu mponta alla porta senza fa? niente dalla matina alla sera? I? c? a fa? le puglizie? me sderrino ?E s? don Rocco t?ha cazziato ha fatto bono. Vol dire che tu nun si stato attento .
Giacinto = I? nun so stato attento? Ma se gliu? lume gli?hai fatto rompe tu e po? gliu ha annascuso sotto la seggia!
Lucia = U?, Giacinto malapella, statte attento a chello che dici eh? M?hai visto tu, che gliu lume gl?aggio rutto ?? Eh, ci hai le prove? Parla?!
Giacinto = Nun t?aggio visto,ma tengo le prove che
quanne? tu si? trasuta a fa? le? puglizie gliu lume steva ?ncoppa la scrivania e po? quanne te ne s? juta nun ce
steva chi??steva rutto sotto la seggia.
Lucia = Ancora? E chesse so le prove? E chi lu dice che quanne ? so sciuta tu nun s? intrato e hai rutto gliu lume e po? gl?hai annascuso sotto la seggia?
Giacinto =Ah,chesta ? proprio bella! Mo vu? ved? che so stato ? a rompe gliu lume?
Lucia = Emb? , pecch?, nun po? esse?
Giacinto = E nun po? esse no! Pecch?, quanne te ne s? iuta ? cc? dento nun ce so chi? entrato e po? ? venuto don Rocco e m?ha chiamato e m?ha fatto ved?? gliu lume rutto.
Lucia = Mb? s?? pututo pure?rompe da suglio gliu lume.
Giacinto = Da suglio? E come gliu lume s?? misso a ball? e po? ha inciampato ed ? caduto nterra?e? s?? rutto ,accussi??
Lucia = Nun s?? misso a ball?, ma po esse che steva la finesta raperta e gliu vento? forte gl?ha fatto cad? pe terra e s?? rutto? (intanto continua a spolverare)
Giacinto = E guarda caso, po? ?sempe gliu vento, gli?ha fatto fen? sotto la seggia.
Lucia = E pecch? nun po? esse accuss?? Chiuttosto, Giac?, te voglio avvis?, che c? dento sta stanza ce stavano troppe pedate de terra?quanno fai entr? sti cafoni zappaterra dento gl?ufficio de? don Rocco, fagli pul? le cioce fore de la porta.
Che ? me so fatta vecchia e nun ce la faccio chi? a sciuguli? pe terra!
Giacinto = (pi? conciliante) Z? Luc?, ma se te s? fatta? vecchia e nun ce la fai chi?, pecch? nun te licenzi e te stai a caseta e ci fai ven? cacche giuvenella a cc??
Lucia = Me sto a casa? E come campo? I? so sola, nun tengo nisciuno che m?aiuta.
Giacinto = E come?figlieto Mamuccio, nun te po? aiut??
Lucia = Figliemo Mamuccio fa gliu surdato e ?nato v? appresso alle crape da mane a sera e t? na famiglia cu sette figli, uno chiu? piccoglio degl?auti e so ? che aggia penz? pure pe isso?Chiuttosto ? stevo appresso a don Rocco pe cacche cosa agliu Comune?c? e m?ha prumisso che si tu?te ne vai?
Giacinto = Ma che stai? dicenno?!? Se ? me ne vaio? E add? aggia ??
Lucia = (che ha finito raccoglie secchi scopa e avviandosi) Giac? a ?ncoppa a stu munno mico semo eterni?(esce)
Giacinto = (esterrefatto fa le corna) Ti?!! Ma sintela sta vecchia cornacchia cecata e rimbambita.Avessa mur? ? che so giovane ancora e essa che manco se regge? all?impiede m?avessa fa sustitu?? dagli? jennero. Ma vidi nu poco come???? ragiona certa gente!?

SCENA? I I ? GIACINTO -?? ANNITA

Annita = Giac?, ? permesso?
Giacinto = U? Ann? !? E che ce fai cc??
Annita = ( luci e canta ? Te voglio bene assaie-)
Pecche’ quanno me vide – te ‘ngrife comm”a gatto?
Nenne’ che t’aggio fatto? – ca no mme puo’ vede’?
Io t”aggio amato tanto????? -? si t’amo tu lo saie
Te voglio bene assaie – e tu nun pienze a me!
La notte tutte dormeno,- e io che buo’ durm?!
Penzanno a Ninno mio -? mme’ sent’ascevul?!
Li quarte d’ora sonano?? -? a uno, a ddoje, a tre…
Te voglio bene assaie – e tu nun pienze a me!
Giacinto = Zitta, ma che te fossi mpazzuta a ven? a fa? ste sdulcerie cc??
Annita = (? l?amante di Giacinto, sposato con figli) Giac? chella piccirella nosta sta cu la freve?avessa chiam? gliu medeco e denare nun ne tengo.
Giacinto = Quante vote t?aggio ditto che c? ?ncoppa nun ci haia ven?! Don Rocco assolutamente nun v?.
Annita = Eh, don Rocco stammatina sta ?mpegnato nun vene lesto.
Giacinto = Nun vene lesto? E pecch?, e tu che ne sai?
Annita = So passato denanze alla chiesa e steveno facenno la funzione,? me so? affacciata e agge visto che don Rocco steva l??.e allora aggio pensato de ven? a truvarte.
Giacinto = Si, steva l?, ma mo v? c??chiglio ? religioso, e tutte le matine va alla chiesa, se fa la sua preghiera mattutina e po? me v? a rompe l?anema a me!
Annita = Mah, oggi so?? gli morti?2 novembre! Lu saccio che chiglio don Rocco ? riligioso assai. Chiglio nun se perde na funzione. E stammatina la funzione ? longa?ce sta da dice la messa? a tutti gli muorti. E? gl?acciprete po? se la piglia cu comodo?sai tutte le bizzoche vanno pe farse dice la messa agli parenti.
Giacinto = Ma? chiglio gl?acciprete mica? dice na messa pe ogni? muorto.
Annita = No? chiglio don ?nfamone sai che fa? Appprufitta de chisto jorno pe fa tutta na ?nfurnata. E po ?ntasca tutto nzeme!
Giacinto = Ma la finisci o no? Vocca sacrilega? Se te sente don Rocco te fa arrest? pe calunnie a don Custone, lu sai che gli ? parente?
Annita = Lu saccio, lu saccio?alloco gli comandanti stanno tutti ammanettati fra issi. E pure tu allicchi o no? ?
Giacinto = Ma che aggia allecc? ?? I? so nu povero usciere,? e a me nun me fanno ved? manco le mugliche ( briciole). M? vattenne mo, che se si trova a ven? gliu? principale so duluri pe me. Ann?, va?, va?..nun me cumprumette.
Annita = Ah, ? nun agge cumprumette a te? E tu che hai fatto cu mico? Nun t?abbastava muglierete, me s? venuta a nguiat? pure a me?Quante prumisse m?hai fatte? E n?avisse mantenuta una? M?hai fatte fa? gliu sbaglio cu na figlia e mo come la manteno? Che aggia ? sotto gliu ponte de Riauto,eh?
Giacinto = Zitta, zitta, nun allucc? pe carit?. Nun? cuminci? la solita litania a prima matina. A quante parte t?agge mannato a fatic? e tu nun ci risistivi chi? de na sittemana.
Annita = Begli lavuri che m?hai truvati?accutt? l?avrive, a mete lu rano, a zappeli?.E po? begli patroni: a do gliu pate, add? gliu figlio, add? pate e figli vulevono tutti?nzupp? Tutti vogliono apprufitt? pecche? so senza marito e cu nu figlio! Ah, povera a me?? so nata disgraziata?Ma? ? tutta colpa tia! (piange) Giac? ? c?aggia fa?? La chantosa? nun me l?hai vuluta f? f?. A me me piace nu lavoro chi? sistemato.
Giacinto = Mo te mannavo a f? la scrivana. A c? gliu scrivano ce sta don Rocco.Tu, add? pu? ??
Annita = M?hai prumisso che me purtavi, cc? dento, a fa? le pulizie dento gliu palazzo?acccuss?, Giac?, stevemo pure cchi?? vicini, che mo ? tanto? che? nun v?? chi? spisso? a truvarme. (moine? cerca? di abbracciarlo)
Giacinto = Ferma, ferma, che fai? Se v? cacchetuno e ci vede,me fai pass? nu uaio. Me v? fa caccia?? Eh? Quante vote t?aggio ditto, che sto appresso a don Rocco pe? gliu lavoro de pulizie a stu palazzo. Ma tu nun sai quanti cani stanno appresso a chist?osso.
Annita = Eh, ma tu s? nu?cane?ciu?, s? uno che certamente conta chi? degl?auti.
Giacinto = Ma che conto, che conto ?? Intanto s?hadda ved?? quanne Lucia la cecata? se licenzia?Sapisse stammatina, poco fa?chella pure sta aspett? che ??
Annita = Eh se aspettate che chella se licenzia?chella more c?? ?ncoppa…Ma dich??? Don Rocco, pecch? nun la manna, visto che? s?? fatta troppo vecchia e nun ce? vede manco? chi? a fa? le pulizie?(guarda un po? in giro) Guarda, guarda quanta polvere ?ngiro?? Ma pecch? nun fai presente agliu principale?a don Rocco, che sta na schifezza cc? ?ncoppa? I? c? te? tenesse tutto come a nu specchio e chiste che so, vidi, vidi? ( guarda sotto? trova i cocci)
Giacinto = Ferma, nun tucc?! Chesta ? la vota bona?mo ce stai tu cc? che me pu? fa da testimonia cu don Rocco ! Ah, mo ce lo faccio ved? ? se essa?chella vecchia cecata me
piglia pe fesso ogni vota?tu per? m?avissa fa? da? testimonia cu don Rocco!
Annita = Testimonia ?, cu don Rocco? Ma, lu sai che nun me ce pozzo mette contro?E pure tu?che quanne ? nato gliu criaturo? isso c?ha aiutato a nasconde.
Giacinto = Lu vidi? Eh, pure tu! E mo aggia pul? tutto ?? aggia pure prepar? tutto l?occorrente? pe scrive?pennini? calamaio cu l?inchiostro?Aggia pigli? pure dagliu braciere? nu po de cegnere?
Annita = La cegnera e pe ce fa? che?
Giacinto = Chella? serve p?asssug? lu ?nchiostro. Emb?, cc? ce sta? la cart?assurbente. Niente.Chiglio don Rocco sempe che hadda aduper? la cenere. E se nun ce la faccio truv? dento stu? piattino e chi gliu sente?
Annita = Ma dico ? no, se chella Lucia nun ce vede chi? come fa a lavur? cc??
Giacinto = Tu ci hai ragione chella Lucia? nun ci vede proprio? chi?, ma sai dun Rocco gli ? affezionato, e ? nun riesco a? spiegarme pecch?!
Annina = Come nun lu sai? E? lu sa tutto gliu paese? Se dice che Lucia quanne era? giovane ha allattato a don Rocco che? la mamma, pare, che mente steva sotto na pianta
de cerqua a repusarse cu gliu picceriglio mbraccio,gli ? passata denanzi? na serpe e chella pe gliu spavento ha perzo lu latte. A Lucia gli era morta na piccerella e allora ha allattato dun? Rocco?ecco. Po se so fatti pure pe compari?
Giacinto = Eh, e che romanzo! Ma m?, ?? famme gliu piacere, v? che prima o poi caccosa de bono trovo pe te?Mo speriamo che cu sti scunvulgimenti?Dicono? che vonno fa n?Italia tutta aunita e chi sa po esse che ce esce Hai saputo che Francischiello e la? moglie Maria Sofia? stanno a Gaeta.? (apre la? finestra sul golfo)Eh, vidi,v?, tutta ?
la rada dalla? punta di Gianola a porto Caposele ? ntasata de navi?da guerra.
Annita = Ma da dd? venno?
Giacinto = Dalle bandiere si direbbe che so de diverse nazionalit?. Ma il comando ? dei Piemontesi del Generale? Giardini, accuss? ha ditto Don Rocco oramai tutta Mola ? invasa dai granatieri di Sardegna, pe fa? il nuovo stato? taliano.
Annita = E se nun era pe Gaglibardo e m? gli Piemontesi arrivavono cc?. Chesso per?, pe me ? tutto nu mbroglio. Alloco cagnano gli musicanti, ma la musica sar? sempe la stessa.
Giacinto = Parlanno con don Rocco m?ha spiegato che ? stata tutta la ?Nghilterra che ha vuluto cacci? gli Burbuni?
pecch? amici de gliu Papa.
Annita = E mo a chiglio povero Francescheglio gliu stanno abbandon? tutti?Me dispiace dela Regina accuss? giovane!
Giacinto = Saria meglio se s?arrendesse e che hadda fa? povereglio dento a chelle? quatto mura de Gaeta? Dicono che gliu Papa sta trattanno cu gli francisi pe? gliu fa scapp?!
Annita = E tra fraule e presotte sempe nui povereglie ce jamo de sotto!? ce stemo pe lu mezzo pure nuie.E quante mulenari hanno rastrellati.
Giacinto = Eh nun tanto pe combatte, ma pe traspurt??gli materiali?chigli ce stanno gli granatieri pe combatte?
Annita = Statte? attento che nun t?acchiappano pure a te!
Giacinto = Eh ? me la so scampata pe don Rocco, che s?e? ntrumisso?e po? ? tengo pure sta cossa pazza?come putria carri? la robba. E mo pozzo solo assiste agli fochi d?artifizio?come dice don Rocco!
Annita = E c? tu stai propeto di fronte a Gaeta, statte attento! Hai saputo chello che hanno fatto a? gliu scrivano de Castenurato,don Biazio! Gli liberali, accuss? se? chiamono chigli che stanno dalla parte de gli piemontesi. Gl?anno scannato e po gl?hanno strascinato per tuttu gliu paese e alla fine gl?hanno purtato coppa la Pella e gl?hanno iarso! Scanzate quanne p?, che? almeno chella figlia mia e pure
gl?auti toi, tenno cacche speranza.
Giacinto =Eh,si lo conoscevo si chiamava Biazio Massa. Era amico de don Rocco. E ma chiglio era troppo sfegatato pe? gli?Burbuni.I? invece me faccio gli fatti mei. E po??viva chi venge!Ma? pe? me? vence gliu Re? Vittorio?
ma che hadd? f?? Franceschiello a chiglio? gliu? pigliono tutti? pe fesso e? ancora troppo giovine.Sapete? che ordine danno ncoppa? alle nave? quanne va gliu Re a far? visita?? Facite? ammuina:
Tutti chili che stanno a propra? vanno a poppa.
Tutti? chili? che stanno? a poppa? vann?a prora.
Chili? che stanno a dritta? vanno? a? sinistra;
chili? che? stanno? a? sinistra?? vanno? a?? dritta.
Tutti? chili? che stanno? abbascio? vanno? ?ncoppa;
tutti? chili? che stanno ? ncoppa, vanno? abbascio.
Chi? nun tiene? nient?a? ff?,s?arremeni? acc? e all?.
Perci? mo speriamo che cu gli Piemontesi , mo le cose s?aggiustono.T?,? tecchete duie? soldi, chisti c? tengo mo, e nun gli sciup? cu gliu medeco e le medicine. Chissi gli uagliuni spisso gli venno le freve de crescenza. S?hanna fa grossi piano piano..v?..e me raccomando nun ven? chi? c?
che me fai cacci? pure a me ?e po? stamme frischi?
Annita = (prende i soldi li mette in petto ) S?, s? nun ce? vengo, chi? c??grazie, grazie, pe mo ma tu v? chi? spisso a truvarme, me lo prumitti? V??
Giacinto? = Ma s?, s?, vengo, come semo rimasti? venerd??ma m?, v?..
Annina = (uscendo) Eh, s?,venerd?,pesce!Sabato trippa e dumenca gnocchi !Ciao?
Giacinto = (l?accompagna? e poi) Uuuh! E che uaio che m?aggio misso ?ncoglio? chesta ? peggio de na piattola?aggia ved? come l?aggia? mull? che ? diventata troppo nzuppurtabbile?Eh?famme fen? de sistem? c? che m? arriva don Rocco e chi gliu sente!? ( rassetta? i cocci )

SCENA? III?? GIACINTO? E? LINA (la figlioletta) ?

Lina = (? porta? un? gil?? di don Rocco- entra con un pacco ) Pap? mama t?ha? mannato gliu gil? de don Rocco che ha? lavato.
Giacinto = Ah, Len?,gliu gil? de don Rocco? Famme? ved?? Gl?ha? lavato?
Lina = Mb? s?, eccoglio? vidi.(glielo? consegna)
Giacinto = (Prende l? involucro col gil? )? E chisto sarebbe gliu gil? lavato? Ma? nun gl?ha stirato?
Lina = Eh? nun lu saccio. Mama? m?ha ditto: porta stu gil? de don Rocco a pateto? e? gl?agggio purtato cca?. E? m?ha ditto? pure che gli manni? duie? soldi? che? adda accatt? la farina? pe fa? lu pane.
Giacinto = Eh? duie? soldi? E add? gli piglio?
Lina = E te gli fai d? da don Rocco?pe gliu lavoro c?ha fatto? mama.
Giacinto = Eh? ma don Rocco ancora? nun ? venuto. E po?? dice a mammeta? che? se presento a don Rocco stu gil? chiglio me gliu tira? apresso e invece de darme la mancia? me d? nu caucio.
Lina? = Ah, e? pecch? t?avessa d?? nu caucio?
Giacinto = Pecch?? ? tutto? ammazzucchiato,stu gil?, nun vidi?
Lina = Eh? nu poco e che fa?
Giacinto = Come che fa? Don Rocco? mo se mette? gliu gil?? accuss? combinato?
Lina = Ma se?? gliu mette sotto? la? giacchetta?? e n un se vede? niente.
Giacinto = Uagli?, ma nun ci appari, hai pigliato tutto de mammeta. Sinti, porta arreto? a mammeta? stu? gil?? e digli? che prima gliu stira? bono e? po gliu manna acc?.
Lina = Ma se mama? nun gl?ha stirato vol? dire che nun gliu? puteva? stir?.
Giacinto = E? pecch?? nun gliu? puteva? stir?, sentemo?
Lina = Me? pare, pecch?? nun teneva? la carbonella? pe appicci?? gliu ferro.
Giacinto = E? nun la? puteva? accatt? la ?carbonella?
Lina = No?pecch?? nun teneva? gli soldi?Se? ce? gli mammate?? gli soldi, accatta la carbonella? e? appiccia? gliu ferro? e?? stira gliu? gil?? a? don Rocco.
Giacinto = Aggio? capito?vedemo? se? m?? rimasto? caccosa. (si? fruga in tasca)?? ?Ah, eccote? chesto? m?? rimasto.Ti?! (consegna? una? moneta)
Lina = (prende? la moneta? la rigira fra le mani) E? chesto ci abbasta? pure pe? accatt? la farina?
Giacinto = Nun l usaccio. E se nun gli basta, se lo facesse? abbast?? che ? nu tengo chi? niente.Vidi? (mostra? le? tasche)
Lina = Va bone? mo gli? porto a mama?(fa? per andare)
Giacinto = Len?? e gliu gil?, nun te gliu? purti?
Lina =? Ma se mama hadda? accatt? la carbonella p?appicci? gliu ferro?? po? la farina nun l?accatta? e? nui? che? magnano?
Giacinto = Digli? che va? a nome mio dagliu carbonaro,anze ce va a nome de don Rocco, se fa d? la? carbonella e? po? passo i ?va??
Lina =? Va? bone?statte? bono? pap??(esce)

SCENA? IV ? GIUSEPPE ? MARIA ? GIACINTO

Giuseppe ?( pastore seguito dalla moglie con un cesto)
C?? permesso, Giac?,se po? tras??
Giacinto = Eh, Pepp?, pure tu?Hai dumandato permesso? E vu aspett? che uno te dice trase?? Dumandi se se po? tras?, e gi? s? trasuto. S? fortunato che nun ce sta don Rocco, senn? chiglio te cacciava e te faceva aspett? mezza jurnata fore.
Maria = Ma nuie nun putemo aspett?. Ce stanno le crape che s?hanna fa? sc? dagliu stazzo e le pecore da mogne?che po? ? m?aggia mette a fa? lu caso.(mette sul bancone il cesto)
Giacinto = U?h Mar?, e leva sta cufenella da lloco ?ncoppa, che l?? pigliato pe nu pusaturo, la scrivania de? don Rocco?
Maria = E add? l?aggia mette? Pe? ?nterra? Vidi, vidi che ce st? alloco dento?
Giacinto = I? nun voglio ved? niente. Per? v?avverto, se avete purtato cacche cosa da regal? a don Rocco, ? meglio che lu nascunnete e nun ve fate truv? cu chessa cufenella pe lu mezzo, che chiglio ve la piglia e ve la jetta dalla finesta.
Giuseppe = Nun sia mai, saria nu sacrilegio?
Maria = Eh, nu sacrileggio, dici chiuttosto n?omicidio?
Giacinto = Ma che state dicenno? Se po? sap? chello che ce tenete ?lloco dento? (fa per scoprire? il cesto)
Giuseppe = (trattenendolo) Fermo, fermo che gliu p? fa? resbeglia?!
Giacinto = Resbeglia?? E chi ce dorme? ?lloco dento?
Maria = (scopre un lembo) Vidi, vidi, che begliu criaturo?
Giacinto = Ah! Che gl?avete purtato a fa? cc? stu criaturo? Chisto nun ? gl?asilo.
Maria = E lu sapemo che chisto nun ? gl?asilo.Ma prima de purtarglio agl?asilo de le moneche, don Rocco gl?ata? riconosce, no?
Giacinto = Don Rocco? Ma che state dicenno? Don Rocco nun s?? spusato. Di chi ? stu criaturo? Fosse niente? niente cacche? scappatella de?
Maria = Ah, nuie nun sapemo niente.
Giacinto = Ma allora? Se po? sap? che c?entra don Rocco ?
Maria = Eh, isso, nun ? che c?entra direttamente diciamo che isso stanno cc? agl?ufficio? degli come se dice che isso acc?, sta apposta pe riceve le denunzie de gli figli che nasceno.
Giuseppe = Mar?, se chiama ufficio?Nagrafo?me sembra n?evvero Giac??
Giacinto = S?, naugrafo?Se chiama Ufficio dell?anagrafe e don Rocco raccoglie le denunzie per i nuovi nati?e li scrivi ncoppa agli registri c??ma m? fateme nu piacere, levate sta cufenella da cc?, aspettate ll? fore che vene don Rocco e po?
chiglio ve chiama e vuie fate la denunzia?Ma gli testimoni gl?avete purtati?
Maria = Ma quanne gl?hammo pigliato nun ce steva nisciuno?I? e maritemo solo.
Giuseppe = E? vero, ? vero ? e essa ce stavamo.
Giacinto = E pe forza, gli figli se fanno in due?ma la mammana l?avete chiamata?
Maria = No, donna Felumena nun l?ammo? vista.
Giuseppe = Ma che c?entra la mammana?
Giacinto = Ma pe registr? nu figlio ce v? gliu certificato dela mammana e duie testimoni.
Maria = Sinti, Giac?, nuie nun tenemo tempo da perde, te l?ammo ditto, s?hanna? mogne le pecore, aggia? fa? lu caso pe purt? a venne a Mola.
Giuseppe = Giac? nun gliu putemo lass? a te stu criaturo?
Maria = Eh, s?,ci pinsi tu dopo a fargliu ved? a don Rocco!
Giacinto = U?h, ma vuie sete scemi? Come faccio a sap?? ? come s?hadda chiam? stu? criaturo?
Maria = Pepp?, facemogli mette gliu nome de chella creatura nosta che c?? morta.
Giuseppe = E pe chesso? s?hadda dice a don Rocco!
Giacinto = E allora don Rocco gi? sa?

SCENA? V ?GIACINTO ?GIUSEPPE ? MARIA ? ROCCO

Rocco = (entrando) Che avessa sap? ??Che ci fanno sti duie cafoni cc? dentro? Giac??
Giacinto = (timoroso) D? Rocco, stavo facenno..ordine? cc? dento e loro duie so trasuti nun m?aggio? manco? vutato che hanno misso sta? cufenella lloco ?ncoppa eh?
Rocco =? Eh?! Come osate, vile progenie, invadere in questo modo il mio?ufficio? Prendete subito quel cesto e portatelo via, se non volete che chiami la guardia municipale e vi faccia buttar fuori a bastonate!Su Giacinto, intanto provvedi tu!
Giacinto = (prende il cesto) Ve l?avevo ditto chello
che? succedeva? Mo ci aggia ? pure ? pe lu miezzo!
Maria = Eh ma nuie te l?ammo ditto de pigliarteglio tu, che nuie tenemo che fa?!
Giuseppe = Se sta facenno tarde e po? le pecore nun faccio chi? a tempo a? mognerle.
Giacinto = (sempre col cesto in braccio) Don Rocco, chissi veramente so venuti pe na? denunziam?hanno d?tto che vuie gi? sapete. (mostra il cesto)
Rocco = (intanto si ? seduto mette le mezze maniche nere?)
Ma che dovrei sapere? Giacinto? Te fussi ?mpazzuto pure tu stammatina? Guarda, se dentro a stu cesto ce sta, cacche po? de rubbaccia de sti duie cafoni, e jettela dalla finesta ?lu sai che a me chello che me portono me fa schifo? Quante vote te l?aggia dice? E m?, fore, jatevenne che tengo che fare.
Giuseppe = (facendosi coraggio prende il cesto e lo colloca di nuovo sulla scrivania) D? R?, s?? pe chesso la jurnata pure nuie la stamo perdendo, cu tutto chello che tenemo da fa? agliu stazzo.
Rocco = Ancora? Allora nun avete capito? Togliete subbeto sta cufenella dalla mia scrivania senn? ve faccio mette gli ferri, stammatina.Giacinto chiama la guardia!
Giacinto = (frettoloso esce) Ai comandi, don R?!
Maria = Don R?, la cufenella nun ? la nosta, nuie? l?ammo truvata vicino gliu funtanino de la piazza?proprio vicino gliu palazzo de ?gliu Barone.
Rocco =L?avete truvata l? e la purtate c??Questo nun ? l?ufficio degl?oggetti smarriti!
Maria = De gl?oggetti no, ma de gli piccirigli s?! Vedete, vedete, che beglio criaturo ce sta cc? dento?
Rocco = (guarda sorpreso) Ah, ma che storia ? chesta?
Giuseppe = Nun tanto bella?uccellenza.Nuie stammatina? era ancora scuro?proprio vicino agliu funtanino mente passavano ? e muglierema, c?, ammo visto sta cufenella.
Maria = Veramente ammo sentito piagne? nun sapevamo da dd? sceva?po? ammo visto la cufenella?? l?aggio scoperta e ce steva stu picciriglio e come strillava. Me gl?aggio misso nbraccio?Dopo nu poco, s?? nguazzato? e piano piano s?? appisolato ecco, vedete, ancora dorme, gurdate ch??? beglio, don Rocco!?
Rocco = Ah, un neonato!E quanne l?avete truvato nun c?erano altri?testimoni?
Giuseppe = No, no, nisciuno. I? e essa. Po? gl?ammo purtato subbeto c??
Rocco = Va bono?vediamo un po??stiliamo subito il verbale?Giacinto, Giacinto..
Giacinto = (entra premuroso) Agli ordini?don Rocco! Ce sta Cesare la guardia?
Rocco = Va bene, fallo entr??

SCENA? VI ? Rocco ? Cesare ? Giuseppe ?Maria-Giacinto

Giacinto = (lo introduce) Entra Cesar?.
Cesare = Agli ordini cavali?.. Bona giornata.
Rocco = Cesare,Va a Campevotece e? chiama donna Filomena la mammana e dille che ce sta un neonato che bisogna identific?.
Cesare =? Eh?!
Rocco = Bisogna vedere se ? maschio o femmina!
Cesare=? $Ma Cavali? e m? pe ved? se gliu picciriglio ? maschero o femmina amma scummuta la mammana? E che ce v?, mo guard? ??
Rocco = Ma che dici, di che ti impicci, bifolco? Fai subito quello che ti ho ordinato. Che ci serve una certificazione ufficiale, ignorante?vai?
Cesare = Ah, s?, si?, ai comandi : vaio e torno subbeto.
(esce seguito da Giacinto)
Rocco = Giacinto, Giacinto? Ma add? vai, tu? Vi? c? ! Stai presente che prendiamo la deposizione dei signori?come vi chiamate?
Giuseppe = E che nun lu sapete, don Rocco? Io Giuseppe e muglierema Maria.
Rocco =? (mentre prende un foglio penna? e si accinge a scrivere) Vi? conosco, vi conosco, ma declinatemi tutte le generalit? esatte.
Maria = Eh? Ch?amma? inclin??
Rocco = Declinare, mi dovete fornire le vostre generalit?.
Maria e Giuseppe = Eh?
Giacinto = Nome, cugnome date de nascita ecceveta ecceta.
Giuseppe = Gliu cognome e la data de nascita ? la saccio, agge fatto gliu surdato a San Leucio,ma po? eccedua eccedua no.
Rocco = Lasciamo perdere, ho capito ( scrive) Allora?oggi 2 nov.1860, nel comune di Maranola ?Trivio,Provincia di Terra di Lavoro?.
Giuseppe = Scusasse, Cavali?, mo che c?entra Trivio?
Rocco = No, villico ignorante, non lo sai che , non siamo pi? dei borghi di Gaeta, ma grazie a Ferdinando I Borbone, il padre dell?attuale Re,? Francesco II?che sta asserragliato a? Gaeta, poveretto,? Maranola e Trivio sono stati riuniti in un solo comune.Si dovrebbe vivere? in pace d ?amore e d?accodo.
Giuseppe = E stamo apposto allora a scummatte cu gli treulisi.
Rocco = U?, ma de che t?impicci tu? Craparo ignorante?
Maria = Pepp?, che te mitti a dice? (lo strattona) Nun lu sai che don Rocco ? de? Triuglio (sottovoce)
Rocco = Eh, Mar?, diccelo pure tu, che s?hadda st? zitto. Allora?oggi? Ecc.Ecc. innanzi a me Ufficiale de stato civile,Cavaliere Guglielmo Rocco si sono presentati i signori? Giuseppe?
Maria = E Maria! I? me chiamo Maria!
Rocco = S? la sacra famiglia. Gius? dimmi:? Il cognome e la data di nascita.
Giuseppe = Ah, s?, di cugnome faccio Di Meo, e non de Meo che chiglio De Meo ? z? Salvatore pacchesicco? de le mandresante?e so nato gliu undici?era d?austo e mama diceva che stavamo a mete alle cese d?oro!
Rocco = Giorno?
Giuseppe = Veramente nun lu saccio si era? jorno o notte!
Rocco = Gius???! Che jorno d?a?sto.
Maria? = Ah, Gius? mammeta diceva gliu jorno dell?Assunta
Giuseppe = S?,s? gli jorno dell?Assunta?si ero femmina, gli nome me gl?avevo purtato?ma siccome so omo?m?ha misso gliu nome de nanonno?
Rocco = Va bene quindici Mugliereta,Maria, come si mette?
Maria = Come sarebbe a dice don R??
Giuseppe = E comme s?hadda mette? Quanne? Uccellenza e mo vulete sap? troppo?
Rocco = Gius?, nun me fate perde la pacenza?come si mette?come si chiama di cognome?ecco!
Giuseppe = Ah, s?, scusate, Cavali?, chessa muglierema? ? alfabetica. Alla scola nun c?? iuta.
Rocco = Ah, pure e nun sapete il cognome con la data di nascita? Signora Maria?
Maria = Ah e come no. I? so nata gliu jorno de la Madonna dela Ciuta. Pirci? me
chiamo Mariaciuta?ma a ?npaese me chiamono solo Maria?Maria Forte?
Rocco = Brava. Ho capito 21 luglio dell?anno?
Maria? = Fateve gliu cunto don Rocco t?ngo cinquant?agni.
Rocco = Va bono, va bono,1810, mo vedemo la data precisa sul registro delle nascite.Forte?Siete nata a Maranola vero?
Maria = No, no, ? songo nata agliu monte?agliu murtale , mente mama steva a mete, me lo raccontava sempe?meno male ce steva cu essa zitema Sentinella? che de figlie n?aveva fatti trideci e se n?ententeva essa? senn??
Rocco = S?,s? ho capito?basta? la? ? sempe Maranola?
allora oggi 2 nov. Ecc.ecc.davanti a me Cav.Rocco Guglielmo Ufficiale di Stato Civile i qui? presenti Giuseppe DiMeo e Maria Forte, hanno? rinvenuto? un cesto
Maria? = No, Cavali??ammo truvato?
Giuseppe = S?, s? ve l?hammo ditto prima gl?ammo truvato ? e essa?
Rocco = Gius?, famme la cortesia de starte zitto e famme fa? a me che saccio chello che faccio, va buone? Oh?hanno rinvenuto? presso il fontanino di Via ?com?? l??ah
Giacinto = Via Posterla, se chiama all?.
Rocco =? Posterola, un neonato il cui sesso sar? identificato
dall?ostetrica?come se chiama chell?ata mo?
Giacinto = Se chiama? Filomena ?chella nun ? de cc? Citruglio, me sembra?fa de cognome.
Rocco = Eh, Citruglio e rafaneglio.(guarda un libro) ecco se chiama Cerullo? letto confermato e sottoscritto .Firmate qua, su?qua sotto eh, nun sbagliate e nun fate fa?macchie. Ecco. (d? la penna a Giuseppe dopo aver cosparso lo scritto e soffiata la polvere? in faccia a Giuseppe)
Giuseppe = ( prende in mano la penna con apprensione e sillabando? storcendosi con? la lingua di? fuori riesce a sottoscrivere) Gi..u..sepe Di Me.o?(si pulisce il sudore)
Rocco = Hai fatto sta fatica, hai sudato?
Giuseppe = Dun R? pe me la penna ? chi? pesante? dela zappa!
Rocco = Ma che hai scritto? Giuseppe ci voglio due p!
Giuseppe = E sta a guard? mo. Una chi?, una de? meno che fa?? Correggete vuie.
Rocco = No no, lasciamo stare cos?.?
Giuseppe = Eh da quanne so turnato da surd?te nun aggio chi? piglieto la penna nm?no?
Giacinto = Pecch? sotto gliu surd?to facivi gliu scriv?no?
Giuseppe = No?ma ogni tanto scrivevo cacche rigo a casa, e m?aiutava nu? compagno de bascio Mola?
Rocco = Ah, ecco pecch? te si mparata cacche parola molenara.
Giuseppe = E chi? ciuvile?Ce l?aggiungo? io la ppe?
Rocco = No, no lasciamo cos??allora la signora? (consegna la penna a Maria)
Giuseppe = Ve l?aggio ditto Cavali?, chessa muglierema nun sa scrive, gliu scrivo i gliu nome sio?
Rocco = Ma no, no che scrivi tu? Sapete mettere la croce almeno, signora Maria?
Maria = E come no?mama m?ha mannato dalle moneche a ricam? e gliu punto a? croce me gl?aggio ?mbarato eccome che gliu saccio fa?!
Rocco = E va b?, vedemo chello che ci esce?su ecco qua sotto..vedi?
Maria = S?, s? e che ce v?? (mette il segno di croce alla? svelta) Ecco va bono?
Rocco = Ma, no, che hai fatto? Il segno di croce l?hai messo sul nome di tuo marito?
Maria = Ne metto n?auto? Che ce vo ? faccio alla svelta.
Rocco = No, no, basta cos?, tanto poi devo passare tutto in bella sul? registro ufficiale. Potete andare, su.
Maria = (un po? titubante) Don R?, nun putemo aspett? nu mumento che arriva la mammana e gliu sfascia?pe ved? si? ? maschero o femmina la criatura…
Giuseppe = Eh, s? s?? pecch? se ? maschero ? ci avesse fatto nu pensiero. (strattona la moglie )
Rocco = Nu pensiero? Come sarebbe a dire?
Giuseppe = Ecco se e? maschero me faria comodo sa pe gl?aglimagli pe la terra?
Maria = Ma Pepp? e ne tenemo gi? cinche de figli?
Giuseppe = S? ma de maschero ? uno solo. Cavali? quatte femmmene e nu maschero solo?come la tiro nnanze sta varca careche de femmene?
Rocco = Sentite a me?io devo solo accogliere i neonati abbandonati?ma ? il tribunale dei minori che poi li assegna alle famiglie che ne faranno richiesta.Perci? m? jatevenne e nun me fate chi? perde tempo che s?? fatto tarde e ancora ce sta tanto che fa? .eh?!
Maria = S?, s?, jamo, jamo Pepp? che le pecore da mogne aspettono.
Giuseppe = (strattonando ancora la moglie) Zitta. Jamo, jamo, cavali? ma se ? maschero me raccomando la bona parola eh? Po ? saccio come disobbligarme ?chist?agno le crape hanno figliato cu tanti crapitti.
Maria = Magare? nu poco de caso marzuglino!
Giuseppe =E pure nu crapitto pe Pasca s?? pechesso! Se ci accontentate.
Rocco = Giacinto!? Levameli di torno, senn? stamattina faccio uno sproposito. Su via! Portali via!
Giacinto = (costringendo i due ad uscire) Su, su, Pepp? che m? don Rocco s?arrabbia!
Rocco = Eh s?, ancora m?aggia arrabbi?? Cu st? cafoni nun ce sta proprio niente da f?.

SCENA? VII ? CESARE – ROCCO ? GIACINTO

Cesare = (la guardia ) C?? permesso, don R?, so stato a Campevodece, ma la mammana donna Filumena nun ce steva e? sciuta pecch? pare che ? juta all? Auciana, p?assiste? la figlia de Benedetto gliu Uscero?Aggio lassato ditto
alla mamma che come torna v? subito c?.
Rocco = E speriamo che arriva veramente al pi? presto che l? ce sta stu criaturo che ancora dorme e se se sveglia?ce gl?amma suppurt?.
Cesare = Nun ve? preoccupate de chesso cavali?, vuie magare nun site pratico, pecch?? nun ve sete ammugliato, ma ? n?aggio allevato gi? cinche e de ste cose? me n?intenno. Mo gliu porto da chella parte e ce st? attento pure Giacinto che chisto de figli e figliastri pure se n?intende?( esce)
Giacinto = (lo rimprovera con una gomitata)
Rocco = S?, va bone,? anche? tu chiuttosto?metti spia? per il paese, cerca de sap? sta povera anema innucente a chi po? apparten??se c??? stata cacche figlia de bona mamma che…
Giacinto = S?, s?, Cavali?, che magare ? stata? ?mbrenata e ?abbandonata!
Rocco = Eh! S?, che poesia! Dici alla guardia che se? fa nu giro e tu sai da chi hadda ?? a cerc??
Giacinto = E come no! A mast?Alberto gliu arbiere?Masto Raimo gliu scarparo e? donna Olinda?la cantinera.
Rocco = E n?affacciata? pure da? dagl?acciprete, don Custone, che a chiglio nun? sfugge niente de? chello che succede? a stu paese.
Giacinto =Mb? si a chiglio ce lo vanno a dice ncunfessione.
Rocco = Ma la confessione, dovresti sapere che ? secreta.
Giacinto = Ah,s?. E m? che vene donna Filomena la levatrice, caccosa putete sap? pure da essa, che chella ce sta pappa e ciccia cu? ste cose,sapete se dice che se presta?
Rocco = Ancora? E m? s?? fatta vecchia!
Giacinto = Eh, ch?avete capito?se presta pe lev? gliu pensiero a cacche figlia che ncappa a cacche? sciulata m?hanno ditto che t? nu metodo ?nfallibbele :
perdusineglio e oglio d?avrive.
Rocco = Ma lo sai che provocare l?aborto ? un reato? Se si viene a conoscenza di qualche pratica abortiva?si deve assolutamente denunciarla al delegato di polizia!
Giacinto = Io di preciso nun saccio niente?ecco sa il popolino, voci che girono?ma? senza fondamento?e po? la gente nun parla pecch? donna Filumena ?? considerata pure come dire, na benefattrice?
Rocco = Ah, pure benefattrice e pecch?, sentemo?
Giacinto = Se la guagliona? ancora giovane ma? certe vote pure femmene? veduve, gli succede de rest??ngravidate, che fanno? Gliu fanno nasce? Che vergogna pe? tutto gliu paese, senza penz? a chello che ce v? pe sfam? nu picciriglio ogge. E se la guagliona giovane?? pure de bona famiglia, ?nmancabbilmente v?? messa dento cacche convento, e tutto s?appare?ed il figlio del peccato, viene
dato a balia,? ma se la guagliona ? povera gli genitori la? cacciano da casa e la povera figlia sa che gli succede?
Rocco = Che le succede, sentemo?
Giacinto = Fenisce dento nu burdello, cu nu bono guadagno pure pe gliu governo!
Rocco = Pe gliu governo, ma Giacinto, che dici?
Giacinto = Che dico? Lu sapete pure vui che na parte degli introiti v? versata nelle casse statale? (pianto deil neonato)
Cesare =(entra col neonato piangente) Giac?, chisto piagne.
Rocco = Esse lloco! Che te dicevo? E m??
Giacinto = Nun ve preoccupate, Cavali? cc? semo pratici de ste cose.. (prende il cesto? e lo dondola) Ma sar? maschero o femmina? Dalla faccia secondo me, potrebbe esse?ma Cavali?, e che ce v? a ved? basta sfasciarlo.!
Rocco = Giac?, lassa perde, t?aggio gi? ditto prima che so cose de la levatrice?
Giacinto = (il neonato piange? forte) Cesare,ti?,fagli? na pupata.(glielo consegna)
Cesare = E ce l?aggia fa ?, pecch?? nun ce la fai tu?
Rocco = Per carit?,azzittite quel moccioso.mi scoppia la testa! Cesare vieni con me!
Cesare =(d? il cesto a Giacinto)? Cavali?,vengo!(escono)
Giacinto = (guarda bene) Oh,oh, chisto bimbo a chi lo do?Ma sar?? maschero o? femmina?Ma sta faccia nun me sembra scunusciuta.Oh!Oh! Ma a chi lo? do?? Eh!? E mo ma? pure bagnato?pure sta benedizione ce vuleva! (luci)

FINE? DEL? PRIMO?? ATTO
GLIU?? FIGLIO DEGLIU?? STATO? –
II?? ATTO -?? Stessa scena del primo atto-

SCENA? I? – Rocco ? Giacinto ? Paolina ?
Rocco = (alla? scrivania? intento a scrivere sul registro)
Giacinto = Don? R?, ce sta na uaglioncella po? tras?.
Rocco = Ah, na guaglionella e chi ? che v??
Giacinto = Mb? nun lu saccio?Nun me l?ha ditto. Ma ? na bella guagliona, don R?!
Rocco =? E che ci?aggia fa?? E allora,fatte dice che v? e se nun ? na cosa mpurtante, mannala, che m? st? impegnato.
Giacinto = Va bone. (esce)
Rocco = St?usciere che ma mannato gliu barone?nun ? tanto per la quale.
Giacinto = (entrando sospinta da Paolina) Don R?, chesta v? entr? pe forza.
Paolina = (entrando di? prepotenza) Don R?, scusate, tengo da dirvi delle cose? mpurtante a vuie!
Rocco = Va bene, va bene, sentiamo quali sono ste cose importanti?
Paolina = (gesti verso Giacinto) Ecco, veramente…
Rocco = Mb?? Giac?, vai, lasciaci soli.
Giacinto = Ah, s?, s?, scusate. (esce)
Rocco = Allora, uaglioncella, che c?? de tanto importante?
Paolina = Ecco, don R?, m?ha mannato mama?Essa nun ha potuto ven?? ch?? rimasta alla putea.Che m? cu la disgrazia ch?ha culpito a patemo ? essa che s?hadda occupa? de la putea?
Rocco = Calma, calma, andiamo con ordine. Allora?dimmi prima, come ti chiami chi sono i tuo genitori.E? poi il resto.
Paolina = Ah, s?, s? :io mi chiamo Pauglina, mama Giuseppina e patemo gliu chiamono mastVicenzo, pecch? fa gliu ferraro?cio? mo? nun gliu fa chi?? pecch? cu chello che gli ? successo,chis? come gli vene.
Rocco = Ah, ho capito, tuo padre sarebbe: Mastro Vincenzo il fabbro ferraio?maniscalco?
Paolina = Come sarebbe, don R?? Masto Vicenzo ? proprio patemo, tutti dicono che aggio pigliato gl?occhi da isso?
Rocco = Certo,certo,? tuo padre? sicuramente?allora andate avanti con calma?eh!
Paolina = S?, s?, certamente avete saputo che patemo ? stato sparato da nu? piemontese?ch?? venuto alla putea pecch? se vuleva fa ferr? gliu cavoglio?patemo? nun ce gl?ha pututo? ferr? e chiglio farabutto gl?ha sparato e gl?ha culpito nu pete? e m? sta agliu spitaletto a sant?Ant?no.
Rocco = Mb? si la cosa s?? saputa. Ma pare che il colpo dal fucile del piemontese, sia partito per? sbaglio.
Paolina = Pe sbaglio? Ma chi lo dice chesto? L?aggio visto ?? come ? successo gliu fatto che stavo affacciata? alla finesta de casa e sotto ce sta la putea de patemo.Gliu fatto ? iuto accuss?: era tra glume e gliustre?
Rocco = Come gliume e gliustre?
Paolina = erso vintinora, aveva appena sunata la campana?
Rocco = Ho capito, era? l?imbrunire?si stava facendo notte.
Paolina = Eh, s?,? nun se ce vedeva quasi chi?. Mo ? arrivato stu piemuntese? che purtava pe capezza no cavaglio niro, don R? grosso, grosso come a? na montagna.Stu piemontese, nu tipo sicco e longo longo, s?? avvicinato a patemo e gli ha ncuminciato a parl? streuso?Pap? nun capiva, e chiglio s?arrabbiava?po? gli ha pigliato mmani na zampa de gliu cavaglio e gl?ha fatto ved?? che aveva mette nu ferro agliu zoccolo?Pap??ha guardato gliu pete de gliu cavaglio e gli ha fatto segno de no?che nun gliu puteva ferr? gliu cavaglio, pecch? nu ferro accuss? grosso nun gliu teneva. Allora chiglio s?? levato gliu fucile che teneva a tracollo e gl?ha sparato nu colpo?I? aggi? sentito che patemo alluccava?aggio chiamata mama?semo scese pe le scale de corsa?ma quante semo arrivati? ammo truvato pap? nterra che se lamentava? e gliu piemontese cu gliu cavaglio era scumparso ?
Rocco = E allora?
Paolina = Allora patemo se lamentava e se teneva gliu pete cu le mani, ma gi? sceva? lu sangue. Mama s?ha levata la mucchera dalla capa e? l?ha stretta? forte forte agliu pete.
Po? ? so corsa a chiam? gliu medeco,? chiglio ? venuto e gl?ha purtato agliu spetaletto?
Rocco? = E ora tuo padre come sta?
Paolina = E come sta? Sta che gliu medeco dice che se tutto va bono, patemo rimane zoppo.
Rocco = Zoppo? Povero mastoVincenzo. E allora mi dispiace? ma io che posso fare?
Paolina = Che putete fa? Mama m?ha ditto de? dirve che fate rintracci? stu piemontese che ha sparato a patemo e se gl?hadda fa pag?.
Rocco = Ma rintracciare il piemontese, mo che stanno combattenne contro Gaeta. Nun ? facele.Ma poi questo ? compito della polizia.Ci siete stato a denunciare? il fatto?
Paolina= E come no? A mama gl?hanno fatto fa na denunzia contro nu certo Gnoto e ?po? se ne parla?, accuss? m?ha ditto gliu poliziotto.
Rocco = Ho capito, denuncia contro ignoto. Significa che non avete le generalit? del feritore(?) Non sapete come si chiama
Paolina = No, ? ce l?aggio discritto pe filo e pe segno come era, sicco e lungo e pure nu poco ruscetto cu certi baffetti?
Rocco = S?, s?, Paolina, l?avete descritto, ma mo nun ? certamente facele trovarlo, stanno combattendo Gaeta e l? ogni giorno morti da na parte e dall?altra?chiss?? se ? ancora vivo il vostro Piemontese.
Paolina = E allora nun se po? fa niente? E se patemo rimane zoppo?
Rocco = E s?arrangi?, Paol??
Paolina = S?arrangia? Mama ha ditto che vuie putete d? n?aiuto? pe ste cose de guerra?
Rocco = E chesto po? s?hadda spetta che fenisce la guerra?se vede chi vence e se rivolge la domanda di risarcimento?va bone? E? mo jate, jate, che ho da fare?
Paolina = Allora s?hadda spett? che fenisce la guerr?? Ce ne vo ancora? Vuie che dite chi vence? Venc? Francescheglio?
Rocco= Paol?, nun se sa chi vence. Va?!? Giacinto?Giac?!
Paolina = Speriamo che vince Francescheglio, cu la Regina Sofia, che m?hanno ditto che ? tanta brava?
Giacinto = (si affaccia) Cavali??(Rocco? gli fa gesti di liberarlo dalla ragazza) Su andiamo, andiamo che don Rocco ci ha da fa? ( sotto braccio? l?accompagna fuori)
Paolina = S?,s?, vengo, allora ce vedemo dopo la guerra? Speriamo che vince Francescheglio.
Rocco = Speriamo bene?
SCENA? II? – Rocco ? Cesare ? Giacinto? BASTIANO

Rocco = (alla? scrivania? intento a scrivere sul registro)
Cesare =? Cavali?, scusate ce sta Bastiano, gliu? Fattore de gliu Barone po? tr?s??
Rocco = Ah, ma s?, ma s?, fallo entrare, che aspetti!?
Cesare = Prego, trasete,don Basti? ( resta fuori)
Bastiano = (ammantellato? con fare da padrone)
Riverisco, Cavaliere!
Rocco = Ossequi,don Sebastiano, quale buon vento?in che cosa posso servirvi?
Bastiano = Ecco, veramente, sono io che?me manna il barone, doveva ven? de persona . ma sta riunione cu i decurioni insieme al sindaco don Angelo D?Urso pe stu fatto de Gaeta?
Rocco = Mb? si m?hanno riferito cacche cosa de sti piemontesi che stanno? venendo pe ce libber? dagli Borboni?pare che hanno sparato pure a Francisco gliu vecchio?.alla Pischera.
Bastiano = E si lo so.Ma Cavali?, scusate, sete sicuro che ce liberono o ce fanno priggiunieri?
Rocco =Mb? chesto po? s?hadda ved??Ma gliu Barone che ne pensa?
Bastiano = E pe chesso stanno in riunione pe decide da che parte?ittarse.
Rocco = Se ittassero dalla parte giusta senn? pagheremo nuie le conseguenze.Lu sapete che quanne ce stette la disputa tra Gaeta e gli Pisani, Maranola invece de se mette cu Gaeta se mettette cu? gli Pisani e po vincette Gaeta e
Maranola?fu distrutta, rasa al suolo?e ce n??vuluta? pe ricustruirla.
Bastiano = Pirci? chesse so cose delicate che ci hanna penz? loro che cumandono a valut? da quale parte schierarse. Pe me Francescheglio ? stato nu bono Re.
Rocco = Ma nun dipende dal Re. Questo ? un complotto internazionale. L?Inghilterra contro la Francia. Esse se scontrono e nuie ce jamo pe lu sotto. Ma come stanno? combinati mo, che se sa dell?assedio, le forze borboniche
resistono?
Bastiano = Eh resisteno ma fino a quando. Lo sapete che il generale Cialdini? ha schierato fra Castellone e La Canzatora 180 cannoni, ma sono quelli rigati che fanno il doppio della distanza e della potenza dei vecchi? cannoni borboni, che pure tra Mont?Orlando e Montesicco ne tengono? schierati 300. Le forze all?inizio se equivalevano: 18mila soldati dei piemontesi contro quasi diciassettemila de Franceschiello. Ma quello che far? arrendere i Borboni sar? la carestia, le malattie? se parla de tifo, che sta facenno na strage.
Pure se le navi francesi fanno la spola e portono i rifornimenti, e? stanno a protezione personale del re non ce la fanno pi? a reggere?primo o poi? dovranno? arrendersi.
Rocco = Speriamo bene. Ma qual? ? il motivo della vostra visita mattutina?
Bastiano = Ah, ecco ?gliu Barone? ha saputo che stamattina davanti al suo palazzo ? stato trovato nu cesto?che poi vi hanno portato qua?e? vero?
Rocco =? S?, s?, sta di l?, l?hanno portato??? stammatina lesto Giusepe e Maria? degliu??????? scazzato?
Bastiano = E nun se sa se ? maschero o femmina?
Rocco = Ecco, non ancora sto aspettando donna Filomena per l?identificazione?
Bastiano = E? non? si?? potrebbe? vedere?
Rocco = Ma s?, ma s??Giacinto, Giacinto?
Giacinto =? Comandi Cavali?!
Rocco = Porta? il cesto col? neonato.
Giacinto = Subbeto, Cavali?.
Giacinto= Pe me, guardanneglio bono,hadda esse nu maschero.(portando il cesto)
Rocco = Giacinto?ancora?
Bastiano= (si avvicina e guarda) Mb??si direbbe proprio. Ma Cavali?, nun se potrebbe?controllare?sa il Barone vorrebbe sapere?con una certa? urgenza.
Rocco = Veramente nun se potrebbe, pecch? la legge dice che deve essere la ?pia Ricevitrice? a rilevare il sesso del neonato trovatello?ma se proprio ? necessario?
Giacinto = Ma ci penzo io! E che nun sono, un pubblico mpiegato? Che ce vo, ecco, basta sfasciarlo?e se cuntrolla? eh posso cavali??
Rocco = ( Acconsente? a? gesti)
Giacinto = (si accinge a? sfasciarlo e tra le fasce trova un? biglietto) Ah, vedete? Che ve dicevo? Che beglio pistolotto che t?? E? maschero, ? maschero! Ah, ma cc?? ce sta pure na carta scritta.
Bastiano = ( gliela prende dalle mani) Lassa ved? a me?
Rocco = Eh Sebasti?, veramente quella ? cosa che spetterebbe a me?
Bastiano = E va bene?ecco a voi?(? sbircia da? dietro)
Rocco = Ah,nun ? che se capisce tanto la scrittura ??! (si sforza e legge) ?Al? buon? Cuore?del baro..
Bastiano = (che aveva gi? letto lo ferma) Cavali? possiamo?conferire in privato..(gesti)
Rocco = (capisce) Ah, s? certamente?Giac? allora?fammi la cortesia, dici a Cesare? de rintracciare donna Filomena?e immediatamente portala qui eh?vai?
Giacinto = Cavali?, e p? se gliu criaturo?piagne?
Bastiano = Nun te preoccup? pure ? me ne intento cu le creature?v?!
Giacinto = Quanne ? accuss??vajo, Riferisco?(esce)
Rocco = Allora?
Bastiano = Cavali??questo?pacco?eh?sta cufenella m?era stata gi? annunziata,stammatina dovevo ritirarla io davanti alla casa del Barone. Senonch? qualcuno ? passato prima di me?eh?l?ha portata cc?!
Rocco = Ah, mb?, e m? come si fa?
Bastiano = E si fa che ?a questo criaturo?il Barone,
capisci a me?ci tiene?allora si cerca di affidarlo a persone?fidate?che poi il barone?penser? a sdebitarsi
Ecco?c? ce sta nu primo? compenso?per le prime spese?poi in seguito sar? mpre io a tenere i rapporti.Mi raccomando che assolutamente nun si venga a sap? niente?eh?ne vago di mezzo io?e capisce a me?nun so se mi spiego?
Rocco = S?,s?, vi spiegate bene?ma qua poi tutto finisce nelle mani di donna? Filomena ? lei che?
Bastiano = Donna Filomena ci penso io?o meglio il barone? sono in?come dire?capisci a me?in confidenze.
Rocco = E va bene?se donna Filomena ? consenziente?
Bastiano = (gesti) consente,cunsente,nun ve preoccupate soltanto ecco?il biglietto..
Rocco = Eh?ma il biglietto va messo agli atti!
Bastiano = (togliendo il biglietto dalle mani di Rocco) Ma mica questo?ce ne mettiamo un altro biglietto agli atti?
Prendi penna e scrivi Cavali?! E scrivi?che il barone ve ne sar? riconoscente!
Rocco = (si siede per scrivere perplesso ) E..che scrivo? Se scrivo io, poi la scrittura si pu? capire che ? mia?se invece scrivete voi?? meglio.
Bastiano = E va bene pe farla finita?damme c?.
Rocco = Ecco, accomodatevi, qua che ce sta tutto l?occorrente. (lo fa sedere)
Bastiano = (prende la penna la guarda la gira la rigira e a fatica a furia di tanti? sforzi traccia alcune righe di scrittura traballante) Ecco cc?, leggi?me? sembra che va bono? accuss?, no? (si alza e consegna il biglietto scritto)
Rocco = Fatemi vedere? E che avete scritto? ?Al bon core de don Rocco?? E ? che? c?entro? E me mettete a me di mezzo, mo?
Bastiano = Ma no, a voi si rivolge la puerpera sapendo che poi dovete accogliere? Il?trovatello,ecco.
Rocco = Eh avete fatta na bella pensata. Speriamo che poi nun se sparge la voce.
Bastiano = Ma dipende da te?Se tu metti tutto?a tac??l? dentro. E ricordate che come sempe il Barone?te ne sar? riconoscente.
Rocco = Va bone?va bone?pe gliu Barone Nardone chesto..e altro.
Bastiano = Allora stamme d?accordo eh? Poi vi? mando io la persona a cui dovete affidare, segretamente gliu criaturo, eh!. Mi raccomando quella che stiamo prevedendo sar? una buona sistemazione?anzi ottima?eh niente Gaeta eh,
che l?, all?ospizio dell?Annunziata po? nun se sa che fina gli fanno fa? a ste creature.
Rocco = Eh, Basti?, e ma? a Gaeta? chi ci po?? entr??
Bastiano = Eh? giusto per questo.Vedrai troveremo qua una? soluzione. E sar?? un?ottima sistemazione. Capito? Statte bono? Cavali?, a? presto.(esce)
Rocco = Ottima sistemazione, chi sa ? Famme ved? stu criaturo? (guarda nel cesto) Ah! Perci? Bastiano e? tanto ?nteressato? E stu naso a becco ? tutto de gliu Barone!

SCENA? III -? CESARE ? ROCCO ? NINO (ragazzo )

Cesare = (affacciandosi) Cavali?, posso?
Rocco = Che c?? mi porti qualche novit??
Cesare = (portando dentro per un braccio) Ecco la novit? ? che aggio truvato stu?beglio uaglione? mente steva a d? fastidio alle femmene alla funtana de Grimo.
Rocco = Ah! E che fastidio stava dando alle femmene ? Cesare = Gli ?ntruvelava l?acqua mente stevono a lav?.
Nino = Nun ? vero?? nun ?ntruvelavo l?acqua.
Rocco = E sentiamo che facevi tu alla fontana de Grimo?
Nino = Veramente nun ce stevo da sulo alla fontana. Ce stevono pure gl?ati compagni mii che appena hanno visto ven? Cesare la guardia se ne so scappati.E isso ha pigliato a me e m?ha purtato c?.Ma ? nun aggio fatto proprio niente.
Cesare = Ma quanne so passato dalla funtana le femmene m?hanno chiamato pecch? stavate ittanno le prete dento la funtana e ? so intervenuto.
Nino = S? intervenuto solo contro de me? E gl?auti gl?avete fatti scapp?, pecch? ce? steva pure gliu?? meglio che nun parlo j?!
Rocco = No, no, devi parlare?chi altro ci stava, sentiamo?
Nino = Ma no lassamo perde che po? ? peggio pe me!
Rocco = Come ? peggio pe te? Ragazzo,dici come stanno le cose e non ti preoccupare del resto che ci sta la mia parola?
Nino = S? la parola vosta, ma non chella de la guardia.
Rocco = Ma che c?entra la guardia?
Cesare = Uagli? abbada a chello che dici eh?Senn? .(gesti)
Nino = Gliu sentete, gliu sentete che me minaccia?
Rocco = Cesare smettila?anzi nunn t?avevo detto che devi farmi quel servizio urgente? E tu ti mitte a pazzi? cu le creature? Vai, v?! Vai a fare quelle cose? pi? urgenti vai?
Cesare = Agli ordini Cavali?. (saluta ed esce)
Rocco = Allora, uagli?, m? p? parl? liberamente.. sentiamo chello ch?? successo.
Nino =? E ch?? successo,niente de grave?Semo juti alla funtana a beve cu gli compagni, e po? mo lu pozzo dice, ce steva pure gliu nipote dela guardia…E? isso che s?? misso da ?ncoppa la valloccia de la funtana e tirava gli vricci dento
l?acqua pe fa ?nfonne le femmene che stevono a lav?.
Rocco = Ah, gliu nipote dela guardia Cesare e come si chiama sto nipote?
Nino = Furtinato?Furtinato se chiama.? E? chi? grosso de me. E cavali?, ma mo? nun? ce lo dicete alla guardia che ? v?aggio ditto ste cose, senn? chiglio po? me lo fa? scunt?!
Rocco = No, no, non ti preoccupare?Ma dimme un po? tu come ti chiami?
Nino = Io?mi chiamo?Ninuccio.
Rocco = E a chi sei figlio?
Nino = I? so figlio a Firippuccio gliu mulenaro.
Rocco = Ah, Filippo il mugnaio. Ma tu non ci hai pure un fratello? che si chiama Domenico?
Nino = Chi Mimmo? Chiglio ? chi? grosso de me e aiuta patemo agliu muglino.
Rocco = Eh, quello Domenico ? mio figlioccio,l?aggio vattiato io.
Nino = Pirci? pap? t?? cumparo?
Rocco = Certamente. E m?, v?, Ninuccio e statte attento? nun ? chi? a ntruvul?? l?acqua alla funtana.
Nino =? Ma no ve l?aggio ditto. ? so juto a beve.
Rocco = S?.S?, va bono?e mo v? che ? tengo che f?. Saluteme agliu compare. Ti?,accattate le caramelle e portele pure aliu figliano. (gli d? una moneta)
Nino = (uscendo) S?, s?, grazie cavali? ! Arrivederci.

SCENA IV ? ROCCO ? FILOMENA ? GIACINTO

Giacinto = (si affaccia) Don Rocco, ce sta donna Filomena, la mammana.
Rocco = E falla entr?, che aspetti?
Giacinto = Prego, prego, signora, mammana.
Filomena = (donna energica e volitiva) Ancora? cu sta mammana? Quante vote v?aggia dice che me chiamo, ostetrica, al massimo,levatrice. Scusate don Rocco, ma questi cafoni sono veramente duri de comprendonio.
Rocco = (ossequioso) E ci avete ragione, scusate voi donna Filomena,non lo dite a me che tutti i giorni sono alle prese con tale spregevole progenie .( d? la mano )
Filomena =? Mb?, s?, proprio spregevole.
Rocco = (a Giacinto che ? rimasto sull?uscio) Giac?, mb?, nun t? niente che fa?? Su?
Giacinto = Ah, scusate?(esce)
Rocco = Donna Filomena vi ho fatto chiamare perch? c?? questo ?cesto?
Filomena = S?,s?? Cavali?, ho saputo, a quanto pare, siete diventato pap?? Auguri! (si avvicina al? cesto e guarda) E pure di un bel maschietto!
Rocco= (trasalendo) Donna Filom?, ve prego nun scherzate minimamente cu ste cose. Lo sapete che io sono assolutamente morigerato.
Filomena = Scusate, Cavali?. Lo dicevo solo perch? siete incaricato di scegliere e di imporre il nome al neonato abbandonato.
Rocco = S?, va be? e a voi ? affidato il compito di identificare il sesso e? anche? una eventuale identificazione della partoriente? per? convincerla magari a riparare all?insano?? gesto dell?abbandono. Guardate chiuttosto la fisionomia del neonato e cercate se potete? darmi qualche indizio su chi ? la?madre. E? un mio dovere cercare di rintracciarla e tentare di convincerla a riprendersi? il bambino prima di affidarlo.
Filomena =? Eh, Cavali?, lo sapete che le creatura appena nate, cambiono nu viso? agliu jorno?
Rocco = Ma, donna Filom?, voi a quanto si dice, bazzicate sempre certi ambienti?Tutte le partoriente prima o poi venno? da voi a chiedereconsigli e? appoggi. Guardate bene, se c?? la possibilit? di risalire almeno ..alla madre.
Filomena = Quasi sicuramente questo bambino ? stato partorito da una gazza?nubile?.o da una? vedova non risposata,o magari da una donna sposata con il marito soldato ehh, capite ,non ? facile risalire ai procreatori.
Rocco = Possibile che non vi ? giunto niente all?orecchio?
Filomena = Cavali?, ma voi mi conoscete bene.Io non mi impiccio dei fatti degli altri. Quando posso ? vero do una mano, ma molto, molto discretamente. E ci mancherebbe! Certe cose non si mettono in piazza. Specialmente se si tratta di na povera ragazza, che quasi sempre ? preda di qualche sporcaccione e quasi sempre se tratta di un ricco e possidente e? quasi sempe?nobbele!
Rocco = Eh, donna Filom?, mo nun esagerate?io dicevo che voi conoscendo tutte le? donne del paese?avete l?occhio allenato e certamente non vi sar? sfuggito
qualche cosa di particolare?(gesti alla pancia)
Filomena =? Voi mi fate troppo onore, Cavali?. Io conosco, ? vero, tutte le donne del nostro comune?conosco i loro sbagli, le necessit??le mancanze?Ma? questa? volta non posso? proprio aiutarvi.
Rocco =Pensateci bene se avete notato qualcosa di strano in questi ultimi mesi.
Filomena = No, in questi ultimi mesi? non ho notato niente di? particolare. Certamente la madre del bambino, non ? delle nostre parti?e allora?pensandoci bene c?? stata tempo fa na giovane de Itri che pe nu certo periodo ? stata a serva alla? casa del barone?ma po? ? stata allontanata ?
Rocco = E? stata allontanata dalla casa del Barone e perch??
Filomena = Mi sembra ?ah, ecco, pecch?? si dice che il Barone tene le mani?longhe.
Rocco = Ah,ah! Donna Filom?, se non avete prove? provate?lasciamo perdere le supposizioni e i sospetti?
infondati. Sapete che il Barone ? uomo d?onore e stiamoci attenti a fare illazioni che qua in paese, lo sapete tiene tutto lui in mano.
Filomena = E come se lo so?E? mo sapete l?ultima no? Ha tradito pure i Borboni e nun appena i granatieri so entrati dentro Mola s?? gettato mani e piedi con i Piemontesi.
Rocco = Si, va bene, cheste sono scelte politiche ed io non le voglio discutere che qui sono un pubblico ufficiale e devo stare agli ordini di chi comanda.
Filomena = E ho capito! Attacca gl?aseno add? v? gliu? ?Barone.
Rocco = Mb? e che posso fare io? D?altra parte pure quel povero Re, che po? fa da solo rinchiuso dentro a quelle quattro mura di Gaeta? Dopo che tutti l?hanno? tradito e abbandonato, faceva meglio a tornarsene in Francia?abbidicava e ce faceva pure na bella figura. Tanto s?? capito, comanda sempe chi t? chi? forza.
Filomena = E chi? soldi.
Rocco = Mb? s?, ? stato sempe cos? e sempe cos? sar?. Comunque mettiamo da parte? la politica e veniamo a noi?allora donna Filom??vi devo confessare? che
pure io qualche supposizione almeno sul padre della creatura, lo potrei fare?ma me ne guardo bene?noi stiamo qui per? risolvere al meglio il caso?per? trovare?una buona sistemazione a questa povera anima innocente.
Filomena = Ma certo, certo, io sto appunto qua?a disposizione, Cavali?, se posso esservi utile in qualunque modo?disponete di me.
Rocco = Grazie, grazie, lo sapevo che potevo contare su di voi?ecco, dovete sapere? che a questa creatura ? interessato qualcuno?che mi ha gi? fatto pervenire una discreta ricompensa per chi volesse prendersi cura del bambino. Voi che? come dicevo conoscete tutti e tutto quello che avviene.
Filomena = Io? Eh..emb??aspettate nu mumento?se potrebbe fare cos??Ecco, ieri io sono stata, tutta la notte pe cerc? de far? partorire una signora, che da?? tanto tempo aspetta un figlio e nun gli riesce mai, come la gravidanza? arriva al termine?all?atto del parto il feto nasce morto?Sono cose che purtroppo succedono anche spesso e nun ce sta niente da fa??allora, stavo pensando?
Giacinto = (si affaccia sulla porta) Scusate, Cavali?, ma ci sarebbero duie signore che? insisteno che vogliono entr?.
Rocco = Ci sarebbero, o ci sono, Giac?!
Giacinto = Ci sono, ci sono.
Rocco = E se ci sono, falle aspett?, nun vidi che? sto impegnato cu donna Filomena?
Giacinto = (gesti per? parlargli da parte) Cavali??
Rocco = (si avvicinandosi a Giacinto) Chiedo scusa, donna Filomen??che c???!
Giacinto = ( oll?orecchio ) Le manna don?Bastiano!
Rocco = Ah, aspetta nu momento?(va da Filomena) Donna Filom?, il fattore del?Barone, mi aveva annunciata una soluzione riguardo al bambino?che dici vogliamo ved? de che se tratta?
Filomena = Per me va bono, basta che voi? siete d?accordo.
Rocco = Vedemo de che se tratta?Ma chi so?
Giacinto = So Nannina de Funtaneglio e Carmina.
Filomena = Ah, Don Rocco, ? la mamma della ragazza? che? dicevo prima?(gesti)
Rocco = (a Giacinto) Va bono, va bono, falle entr?.

SCENA? V ? Rocco ? Filomena ? Nannina ?Giacinto
Giacinto = (aprendo la porta) Trasete, trasete, Nann?
Nannina = (entra seguita dall?amica Carmina) Buongiorno, Buongiorno d? R?!
Carmina = Buongiorno?Ah, ce sta pure donna Filomena. Allora ? tutto chi? facele.
Rocco = Chi? facele de che, Carm?!
Nannina = Eh, pe gliu fatto che la figlia, poverella, nun riesce a purt? a termine ?
Carmina = Eh, ma donna Filumena lu sa, chelle che succede a figliema Pascalina,povera disgraziata? sar? ?na maledizione de cacchetuno che ce?? v? male?quanne se va pe figli?, e allora ?gliu Pataterno se gliu piglia.
Nannina = Nascono tutti morti povere creature?me sembra che ? gi? gliu terzo o gliu quarto figlio che chella poverella perde?senza rimedio, nevvero?!
Carmina = No,no, gliu terzo?Lu sa bono donna Filom?na.
Filomena = S?, mi sembra nun ? che ?o ho a mente il? conto.
Rocco = Ma visite ginecologiche ce l?avete fatte fare? Eh, donna Filomena?!
Filomena = Mb?, io gi? da tempo gliele avevo consigliate, ma queste donne hanno la testa dura non si convincono facilmente?sai? anche per non pagare.
Carmina = Ma i? vulevo purtarla a Caserta, come m?aveva ditto donna Filumena,cc?.? Ma maritemo? e gliu jennnero mio, sapete gl?ommeni so? loro che tenno la borza?e nun? hanno vuluto.
Nannina = Eh gliu cumpare Francisco, gliu marito, ? convinto che gl?hanno fatto na fattura alla figlia e gli ha fatto gir? tutti gli fattucchiari de la zona a chella figliana mia
Carmina = Eh, s?, s? l?ha purtata chella povera figlia mia,da? Mudestino de la Rocca, da Rinuccio de Traetto e pure da na fattucchiera de Munteceglio ?che nun me ricordo come se chiama?
Nannina = Ngiuglina de? ?sciuglino se chiama!
Rocco = S?, s?, va bono, lassamo perde ste cose mo?. Giacinto ha ditto che v?ha mannato?Bastiano.
Nannina = Eh, ? nun lu saccio chello che? gli ha ditto alla cummara, che essa m?ha ncuntrato, cc? sotto e m?ha ditto se gli facevo compagnia pecche? aveva ven? cc? da vuie e sola nun ce vuleva? ven??
Carmina = Eh,s?,? don Bastiano, ? passato poco fa da casa e ha ditto a figliema se veneva cc? che? vuie che don R? gl?avevata dice na cosa tanto?urgente povera figlia essa sa ancora nun se po?move?pe gliu fatto che donna Filomena
sa?e allora ha chiamato a me che stevo cu gliu?? pate a?? ponne duie fasugli ?mponta gliu fussato e so subbeto venuta cc??pe sap? de che se tratta?Ce vulevo mann? maritemo cc?, ma chiglio sai com???isso nun ? che se la sa sbrig? e po?? pure pe chiglio leggero difetto che t??a parl??
Nannina = Ncacaglia?
Carmina = Eh, s?, nu poco?e allora ha mannato a me?de che se tratta allora, d? R??
Rocco = (incerto guarda Filomena, gesti con le due) Eh, s??mb?? il fatto ? che, tuo genero?
Carmina = Minicuccio? Riguarda Minicuccio? Gli ? successo caccosa? A chiglio gl?hanno sequestrato gli piemontesi e gl?hanno purtato verso Gaeta, dice pe
spegne gli? cannoni.
Rocco = (sempre incerto e reticente) No, no, non gli ? successo niente?no, sta bene?solo che appena si ritira?? digli che viene qua, perch??perch? secondo??? quello?? che dice qui donna Filomena?il bambino non ? che era proprio morto quando ? nato prematuro e allora?bisogna? parlare assolutamente con lui sa sono cose burocratiche ?
Carmina = Ah, se ? pe chesso chiglio tutte le sere verso gliu vespro se retira e gli dico allora che v?? subbeto c?.
Rocco = Ma no, no, a quell?ora ? cc? nun ce st??Facciamo cos?, nun se preoccupasse che poi io mando a casa la guardia,Cesare?o trattandosi di neonato mando donna Filomena, che ne dite signora??!
Filomena = Ah! E?? S?, come volete, don Rocco?
Nannina = E allora, iamo, m?, cumm?, che aggio lassato gliu cofono? bascio e si passa cacche? malintenzionato m?arrobba lu marzuglino che ce tengo l? dento.
Carmina =? Ah, se ? pe chesso va bone, jamo, jamo
cumm?? E stateve bono? (escono)
Nannina = Arrivederci?(fa per andare poi ritorna) Don R? lu vulete nu poco de marzuglino? A vuie ve lu faccio a bonmercato eh?
Rocco = No, no, grazie, grazie nun me serve?( gesti)
Filomena = Ma allora, Don Rocco, io non ? che ho capito chello che tenete in mente di fare?!
Rocco = Se ho ben capito la signora Carmina ? la mamma di quella ragazza che partorisce? sempe bambini gi??morti.
Filomena = S?, s? ? lei?
Rocco = A quanto ho capito, ? la soluzione dell?affido che? Bastiano mi aveva? annunciato?
Filomena = Eh, allora, perch? non glielo avete detto chiaro e tondo,? subito?
Rocco = Donna Filom?, ma avete visto chi c?era con lei?
Filomena = Eh, s?, Nannina la lattaia.
Rocco = E sai come la chiamono agliu paese a chella?
Filomena = Mb? s?, Nannina ?occa ranna??Ah, aggio capito?Non avete voluto? dirlo dinanzi a quella che poi in paese?tutti ?l?avrebbero saputo.
Rocco = Era come se mettevamo la cosa in piazza.
Filomena = Va bene, ma primo o poi le cose si vengono a sapere.e allora,richiamatela e risolviamo adesso la faccenda. Ditele di venire qua subito ma da sola.
Rocco = S?,s?, come volete?Giacinto..Giacinto!
Giacinto = ( entrando) Comandi cavali?.
Rocco = Corri dietro alla signora Carmina e falla ritorna?qua
immediatamente , ma da sola, capito? Da sola.
Giacinto = Va bene, va bene, corro, corro?( gesti gamba).
Rocco = Ora le parlate voi alla signora, da sola a sola e le spiegate tutto che deve mantenere il pi? stretto segreto e non deve far sapere a nessuno dell?affido.
Filomena = Certo speriamo che sappia tenere il segreto, che questo caso ? un p?? delicato, le cose non sono troppo chiare e la faccenda?si? potrebbe complic?.Ma, ditemi che bisogna fare?
Rocco = Ecco dobbiamo cercare di sistemare per bene …
Filomena = Sistemare per bene? E come?
Rocco = Intanto?Dobbiamo? mettere tutto a tacere. Se voi proponete alla signora che partorisce?cio? che?? non riesce a? insomma se? proponete di affiliarsi il bambino ..diciamo direttamente.
Filomena = Ah, io sono sicura che la ragazza e il marito, faranno salti di gioia? potendo ?diciamo avere un figlio e anche? maschio poi.
Rocco = E allora, donna Filom?, tutto sta nelle vostre mani?Io qua, avevo preso un appunto, sul bambino, sai che faccio? Lo straccio e nessuno sapr? mai niente?Il bambino ora lo affidate voi stessa alla mamma della ragazza se lo porta a casa?? senza che nessuno sa niente gli? consegnate anche questo? gruzzoletto che credo non dispiacer?.
Filomena = Ma certo? certo facciamo cos??che quelli non nuotano nell?oro.E che? Dio ci perdoni?
Rocco = E di che ci deve perdonare? In questo modo abbiamo appianato una situazione che certamente per il bambino sar? favorevole?e a lui che penso?avr? una famiglia regolare .E dovete ricordargli che dovranno venire a denunciare la nascita entro dieci giorni.Cos? il bambino verr? registrato regolarmente con un nome? e cognome e genitori affidabili.
Filomena = E soprattutto? non finir? all?orfanotrofio dell?Annunziata? dove? certamente non sarebbe? cresciuto come in famiglia? anche se povera.
Rocco = Ma poi ci sar? sempre qualcuno che lo potr? aiutare magari gli suggeriamo di far battezzare il bambino?magari da qualche persona? importante?
Filomena = Eh, ma chi persona importante vorr? battezzare un figlio alla famiglia de Funtaneglio?!
Rocco = Ma a questo ci penser? io, mo voi consegnate subito il bambino? alla partoriente? e non perdiamo altro tempo.Io intanto mi assento e voi fate? tutto di persona a quattr?occhi senza testimoni indiscreti. Poi naturalmente
stilerete il regolare certificato di nascita?avvenuta nella casa ecc. ecc. tanto poi chi? si ricorder? dell?accaduto?
Filomena = E?ma io mi metto ad un brutto rischio?
Rocco = Non vi preoccupate che poi il Barone sapr? come ricompensarvi.
Filomena = Mb? il Barone, ma mo avete sentito, che se le cose cambiano?
Rocco = Donna Filom? le cose possono cambi? pe la povera? gente?Ma chi sta ncoppa,? sempe ?ncoppa resta!
Filomena =? E non sempre,ma? io quando posso fare n?opera di bene la faccio volentieri.
Rocco = Ma brava,brava? ma sapete come se dice? Una mano lava? l?altra?
Filomena = E tutte e due lavano il viso.
Giacinto = (entra trafelato) Ecco, signora, ce sta Carmina
Rocco = Un momento Giacinto. Prendi il cesto con il?trovatello e portalo qua.
Giacinto = Subito, cavali? .(esce)
Rocco = Io mi ritiro da questa parte,fate le cose a dovere.
( si nasconde dietro una tenda )
Giacinto = Ecco gliu criaturo!
Filomena = Dammelo qua e fai entrare la signora.
Giacinto = trasi, trasi, Carmi?.
Carmina = Che c??? donna Filom?, m?avete? fatta chiam??
Filomena = S?,s?, ecco?Giacinto state fuori e non fate entrare nessuno per nessun motivo. Mi raccomando.
Giacinto = Non vi preoccupate me metto denanze alla porta e? nun faccio pass? nisciuno.
Filomena = No, magari, me fate na cortesia andate dalla salera e compratemi?un pacco di sale, eh, vi dispiace?
Giacinto = Eh no, solo che chella sta agliu Casteglio? e ? pe ci arriv? ce ne v? cu sta cossa.
Filomena = Non? ti preoccupare? aspetto.
Giacinto = E va bene,allora vado?( esce)
Filomena =? Allora Carmina, ci sta una cosa molto importante vi voglio fare un grande dono per la tua famiglia, ma mi devi promettere?che mai e poi mai direte ad anima viva, quello che stamattina ? avvenuto qua sopra.
Carmina = Donna Filom? de che se tratta? Vuie me cunuscete?? so na persona seria e segreta?diteme.
Filomena = Ecco siccome ? stato?invenuto un trovatello?e tua figlia? m? che le ? successo la disgrazia?diciamo sta ancora in quello stato che
potrebbe allattare?ecco qua ce sta nu criaturo?che ha bisogno de essere allattato (il bimbo incomincia a piangere) Ecco sentite???? Avr? certamente, fame. E tua figlia pu? allattarlo immediatamente. Mi raccomando non dite a nessuno che ve l?ho consegnato io. Questo lo portate a casa vostra? poi mi verrete a chiamare e io verr? vi far? un certificato che il bambino ? nato da vostra figlia?eh?
Carmina = Uh, Madonna? Allora vol dire che finalmente figliema potr? av? nu figlio sio. Grazie, grazie donna Filomena?che Dio ve benedica. (fa per baciarle le mani)
Filomena = Lascia stare. Carmina, mi raccomando questo il fatto ? serio e delicato?qui se si scopre qualcosa io rischio la galera eh?!E anche voi!
Carmina = Pe carit?, vuie non ve dovete preoccup?, chisto ? gliu figlio de figliema e nisciuno lu putr? negare?Sar? segreta fino alla tomba!
Filomana = Brava, accuss? devi fare. Ecco qui dentro poi ci sta un gruzzoletto pe le prime spese?e poi in seguito, quando lo battezzerete?vedremo un altro? piccolo aiuto se si? potr? avere eh?
Carmina = Grazie, grazie ma nun ce serve niente ce pensiamo nuie aglio? picciriglio.? Chiuttosto, quanne gliu vattiamo, vuie ci aveta fa da patena.
Filomena = Eh, poi si vedr?..Questo il bambino ? maschio e dovremo trovare qualcuno importante che lo battezzer?.
Carmina = Come vulete, donna Filom?, nuie ve ne saremo sempre tanto? ricunuscente. Pe tutta la vita..Oh, che gioia e quanne lo sapr? figliema?(guarda nel cesto ) Uh, ch?? beglio e pure maschero, sia ringraziato Dio!
Filomena = Va bene, ora prendi?il cesto e va e mi raccomando nessuno deve mai sapere, massimo segreto.
Carmina = (prende il cesto e si avvia) Nun ve preoccupate donna Filom? cu mico e cu tutta la mia famiglia putete st? sicura?grazie..grazie ancora ?tante..
Filomena = (l?accompagna) Prego,prego va?(esce)
Rocco = (entrando) = Allora, come ? andata?
Filomena = Bene, bene, penso che ci possiamo fidare?E poi se si scoprir? qualcosa, siete voi che dovrete coprire eh?
Rocco = Non vi preoccupate, teniamo sempre le spalle coperte dal Barone.
Filomena = Infatti quel viso del bambino, ha una strana somiglianza.
Rocco = Ah, e per questo siamo in una botte di ferro.
Filomena = Speriamo che i ferri non ce li mettono i piemontesi che stanno? arrivando.
Rocco = Donna Filom?, ve l?ho detto, le scelte le fanno gli altri per noi e noi? staremo sempre con chi comanda.
Filomena = Speriamo bene.Ora devo andare, che ho alcune visite da? fare. Arrivederci don Rocco .(gli d? lamano)
Rocco = E statevi bene? e grazie, grazie tante, eh teneteme sempre informato.
Filomena = Immancabilmente, cavali? immancabilmente.
Rocco =? E pure chesta? ? fatta! (si asciuga il sudore prende la carta che aveva? compilata e la strappa in? pezzettini e prende un fiammifero e brucia tutto in un recipiente? )??? ?
Giacinto = Cavali??qua ci sta il sale e fore ce sta pure ?na cummmara vosta?
Rocco = Il sale e pe fa che? Chi? ve l?ha ordinato?
Giacinto = Donna Filomena.
Rocco = Ah, s?, metti l? che poi ci penso io.
Giacinto = Che faccio Cavali? la commare vosta la faccio entrare?
Rocco = No, no, pe oggi basta?nun voglio chi? ved? e sent? nisciuno? Capito?!
Giacinto = Va bono, va bono, don Rocco, come dicete? voi?(esce)
Rocco = (prende capello e bastone per uscire)

SCENA? VI ? Rocco ? Giacinto ? Laviania – Banditori
Giacinto = (trattenendo Lavinia che vuole entrare) Cavali? chesta? ?nziste..??? ?
Lavinia = Cumpare Cavaliere, scusasse, ma nun pozzo aspett?, ? arrivata sta lettera dagliu figliano vosto fateme gliu piacere de leggermela, lesto lesto tanto vuie? che ce mettete?
Rocco = Ah sei tu, commare Lavinia, entra, entra, non ti preoccupare e come no,la leggiamo subito la lettera del nostro Garibaldino?( si? risiede) Ma che fine ha fatto ? Dove?? sta ora?
Lavinia = E l?utema lettera ve ricordate? Ce la scrivette da Tiano. I? me l?aggio? mparata a mimoria, come me l?avete letta ? subbeto c? me l?aggio missa.Diceva ;Mia cara mamma e? pap? diletto,mente sto a letto? vi? scrivo questa mia per dirvi che la vosta mi ? appena? arrivata.
Io? sto? molto bene ma? al capitano gli ? morta na cavalla??? proprio dento la stalla?cosi spero di voi e tutta la famiglia. Diceva proprio accuss? stu fatto de la cavalla me gliu ricordo proprio bono.
Rocco = Si va bene ,ma dateme la lettera che t?? arrivata oggi che avrei altro da fare.
Lavinia = (prende la lettera dal petto e gliela d?) Eccovel? cump? cavali?.
Rocco = l?hai tenuta bene al caldo ! (legge) Cara mamma e pap? diletto , so passato? pe?? Mola? ma nun? m?aggio pututo ferm??mo stongo accampato alla? canzatora?e come? piglio na licenza ve vengo a truv??I? de fa?? gliu ?
surdato me s? sfastidiato, bono nun me la passo? tanto.prime steve bono, facevo gl?attentente? a Nino, gliu?? cugino de Gaglibardo?Ma a Tiano po? Gaglibardo ha ceduto arme e bagagli agliu Re Manuele, e mo ? nun me la sento de spar? a sti papusciari de Gaeta..agliu Re e alla Reggina Sufia che m?hanno ditto ? na bona?fi?glia. Cu gli piemuntisi nun ce semo ntisi?cu gli gaglibardini era n?ata cosa?Mo tengo? Gliu? tenente ch’? nu fetente? senza ch’aggio fatto niente me manna? currienno? chiglio puzzess’ambiso?Ma ? m?aggio deciso ,nun? vedo l’ora de turnarsene agliu paese pure a mie spese…saluti a tutti e? pure a patino Rocco, che sta leggendo queste mie poche righe, che me facesse truv? caccosa mo che me ne torno?Baci e abbracci e sono il vostroio? figlio amatissimo ?(Cosimo).
Rocco = Ecco questo ? tutto?(le rid? la lettera)
Lavinia = Grazie, grazie, cump? Cavali?, ma si aggio capito bono, nun sta bono.
Rocco = Ma no, no, sta bene, solo che con? i piemontesi ce sta chi? disciplina ecco.
Lavinia = Cump?, me la putete legge,n?ata vota accuss? ? me la mparo a mimoria E mo che vaio da maritemo ce la ripeto tale e quale?
Rocco = Ma non ci sono cose importanti da riferire?ora che Cosimino ? qui vicino da un giorno all?altro finisce l?assedio e lo vedete arrivare?a casa.
Lavinia = Ah, fosse luddio! E allora gli putemo risponne? subito cu le notizie noste: ecco gli pu scrive : caro Cusemino? nuie mo amma accutt? l?avrive, s?hadda pure puta?
Rocco = Piano,piano cumm?, lassateme prepararme?Oh allora..dici?
Lavinia = Caro Cusimino?nuie mo c? tenemo tanto che ff?? e se te ne venisse? subbeto?ce?? putisse? pure? aiut?..che sann? accuutt? l?avrive, s?hadda? put?? e?? stamm? aspetta? che da nu?? jorno all?ate? se sgrava la vacca accuss? ce sta latte? a sufficienza? Avete? scritto?
Rocco = Ecco? latte a sufficienza?
Lavinia = Accuss?? pure pe gli piccirigli, che ce sta gl?ultemo nato che gliu medeteco nun gliu?? vede??? tanto bono?? nu poco anemico e ce vurrebbe la carne? roscia ma nuie gli? putemo d? sola chella bianca de cacche caglina vecchia ca? gli pullasti ce serveno? pe? venne a? Mola e pe ce pag? la fondiaria che chist?agno? ? pure aumentata?
Giacinto = (bussa ed entra) Cavali??scusate?ce sta Tore gliu banditore?
Rocco = Mandalo via digli che per oggi nun ci stanno bandi.
Banditore – Angelo= (entra seguito da Benedetto col tamburo a tracolla)? Cavali?, cavali? ? urgente?urgente?
Aiutante-Benedetto = Urgente?Urgente?Cavali?.
Rocco = Cosa c?? di tanto urgente?
Angelo = ?Na palla de cannone? de gliu Re burbone?ha culpito la casa de gliu Barone.
Benedetto = De gliu Barone-
Angelo = Bisogna interven? mediatamente ca la? vicino ce sta pure la? cappella de Sant?Ant?ne?
Benedetto = La? cappella de Sant?Ant?ne?
Angelo =? E se piglia gliu foco l? e po add? jamo a fen???
Benedetto = Add? iamo a fen??
Angelo = Eh!? Chella la cappella ? privata lo sapete che ? de don Custone.
Benedetto = De Don Custone?
Angelo =E gi?? e m?ha ditto isso d?avvisarve, senn? lo manna a dice alla curia .
Benedetto = La? curia?
Rocco = Uh Madonna mia! ? Ma no, no che curia !E allora Currete subito pe gliu? paese?fateve sent? da? tutti quanti, con chi? voce che putete? caccia??.
Banditore = E come avessama? annunzia??
Rocco = Come annunciate sempe quanne ce sta n?incendio no? : ?Accorrete tutti? alla casa de? eccetera eccetera?.
Banditore = Ma nun ? chisso che dite vuie ve l?aggio ditto se tratta de la pennata? de? gliu Barone?
Benedetto? S?..s? de gliu Barone!
Rocco = S?, s?,aggio capito?va bono, currete e annuncite dagliu Barone?jate!
Angelo = (concerta? un attimo con? Benedetto poi si mette in posizione) Attacca Bened??Facemo st? annunzio? accuss??state a sent? : ?
Abbascio? agliu Marecone, la casa de gliu? Barone?
? stata culpita da na? palla de cannone?
de gliu Re Burlone?.accorrete tutti pe l?estinzione?
E che ne dite?pure la rima va bono?
Benedetto = Va bono?
Rocco = (sospinge fuori)? Ma? che va bone ? Gliu Re Borbone aveta dice? correte?? ad annunciare che v? a fen? che s?appiccia veramente gliu paese?
Angelo = (esce seguito da Benedetto scandendo colpi di tamburo) Signori e Signore a bascio gliu Marecone, la casa degliu? Barone ? stata culpita da na palla de cannone?de gliu Re Burbone!Accorrete tutti pe l?estinzione! (escono)
Rocco = (fa per andare e chiama) Su,su ..Cesare?Giacinto,
accorrete pure voi?
Lavinia = Ma cump? e la lettera pe figliemo?
Rocco = La lettera? Stai a penz? alla lettera,mo? Cumm?, curri, s?avessa appicci?? pure caseta!(esce)
Lavinia = Eh cump? ? abbito a Campevotece, fore le mure, mente arriva a me lo foco ce ne vo!? Allora? Cump? cavali??m?, scriveteme lesto? lesto sti duie righi che ce mettete, vuie sete struito?assai.
Giacinto ?Cesare = Che c??, che c?? Cavali??
Rocco = (gesti) Avete sentito il banditore?
Cesare = Eh, se sta appicci? la casa de gliu barone?
Giacinto = Era ora!
Rocco = Ma che stupidaggini state dicendo accorrete pure vui, su jammo tutti. (li trascina fuori )
Lavinia = Cump?,cump? la lettera?
(segue Rocco che ? uscito con gli altri)

FINE DELLA COMMEDIA

Trivio

Foto ritrovate di Trivio antica

?

Altre foto verrano pubblicate nel libro

?

“Trivio nel Tempo”

?



se vuoi puoi mandare le foto di


Trivio nel passato inviando


a l‘email trivioamici@hotmail.it

?

?

In settimana nuove foto

CENTRO ANZIANI UOMINI TRIVIO 2009

ITALO? FORTE

INNO?? A? TRIVIO

Trivio, terra di sogni

Prezioso tesoro d?amare

Baciato dal sole e dallo splendito mare

Perla della ridente madre Formia,

gemma pregiata del magico golfo.

Suolo protetto dal Redentore

che tutto regge

Ogn?or vigila attento

Sul suo generoso gregge.

I tuoi figli che partirono

Lacrimanti per terre lontane

Portarono nel cor l?amore

Ed il desiderio di ritornare.

Gioiamo plaudenti,operosi Triviesi,

inchiniamoci? riverenti

agli audaci antenati,

tra cui primeggia l?immagine

dell?insigne? Carlo Filona

che am? il paese pari sua sposa.

Eresse scuole e vitale starda

Dando lustro all?adorata contrada.

Questa nostra amata terra,

pi? volte calpestata da vili stranieri,

lasciando ferite profonde

con atroci e di ogni bene stermini.

Or che ogni arma tace

I suoi figli migliori sono risorti

Enella gloria vivrai l?eterna pace.

Uniamoci sdamiamoci,

la terra nat?a non disertiamo

e sempre pi? saldi saremo

per questa perla d?amor

che? infinita gioia m?infonde nel cor.

E il sommo Redentor che da lass? regna

Benedica i fedeli e questa sacra? vigna?




NA RISATA IN TREVULESE

U?, uagli?, stateme a sent?,

v?aggia fa? fa?, na ?risata,

chello che ve racconto

nun ? na barzelletta

ma na storia vera.

Agliu paese nosto,

a chigli tempi begli

ci abitavano cuntadini e pasturi

pochi istruiti signuri

e tanti ?gnurantegli.

Se usava la domenica

e le feste comandate

che gli anziani dopo magnato

nu piatto de maccaruni

e nu pezzo de crestato

e nu bicchiere d?acquata

jersene a farse la partita

dento la cantina?de Giuditta??

Sapete ch?? successo na bella sera?

Mente se jucava a morra e se beveva

dopo che lu vino a fiaschi se sculava

le cervelle s?annebbiavano

e nisciuno chi? riusciva a? ragion?.

E come saprete pe juc?

Se menono le dita pe cunt?,

ma ce steva chi vedeva doppio

come se avesse fumato l?oppio?

e ncumiciarono a men? botte,

e se le dettero pe tutta la notte.



TORMENTO

Se potessi indietro ritornare,

le orme degli avi vorrei baciare,

con l?alito dell?epoca mi vorrei nutrire

e su un giaciglio di paglia poter sognare.

Malgrado la vita grama che tormentava

con tanto rispetto si operava,

porte aperte e nessuno entrava

ma solo col permesso e s?inchinava.

Sono addolorato,un breve commento:

con l?abbondanza, sprechi e gran fermento

case blindate e generale? lamento

l?insicurezza totale ? penoso tormento.

Nel gemellaggio effettuato con una localit? che porta lo stesso nome della nostra frazione collinare ? Trivio di Monteleone di Spoleto (Perugia)?? che stranamente ha molte cose in comune ? stato regalato ?un volumetto di poesie di un pastore-poeta di quel villaggio ed in onore a tutti gli abitanti pubblichiamo una poesia che parla di un santo a cui anche gli abitanti di? quel? Trivio spoletino ?sono devoti.





LUIGI? SALVATORI ?

SANT?ANDREA ed Ognissanti

Novembre? che festeggia tutti i Santi

degli altri mesi tu ti puoi dar vanto,

con un giorno li festeggi tutti quanti.

Anche quel nome ch?? tre volte Santo.

Uniti a quelli l?anime purganti

che la liberazion spettano intanto

sicch? due giorni festeggiar tu mostri

tutti i Santi con i Morti nostri?.

Mentre andava per il mondo il Redentore

la santa pace a tutti predicare

in mezzo all?onde vide un pescatore

ch?Andrea per nome si solea chiamare.

Gli disse: ?lascia tu questo tenore?

d?anime pescator ti voglio fare?!

Al primo invito subito si arrese.

La festa ? il trenta che compisce il mese.

?

?

?


Estrazione lotteria Trivio di Monteleone

?

1? Moto Piaggio Vespa S ???????? SERIE B 1668

2? Frigorifero?? ??????????? ??????????? SERIE A 0792

3? Quad?????????? ??????????? ??????????? SERIE A 2777

4? Lampada per interno??????????? SERIE B 0973

5? Ciotola Argento?????????? ??????????? SERIE A 2911

6? Divano??????? ??????????? ??????????? SERIE B 0669

7? Navigatore Satellitare??????????? SERIE A 3614

8? Friggitrice??? ??????????? ??????????? SERIE A 1850