LA NOBILE FAMIGLIA FILOSA

 

 

FAMIGLIA FILOSA DA TRIVIO

ALL’INIZIO DEL NOVECENTO

Sono andato a rivedere quanto scritto qualche anno fa a proposito di un testo edito nel 1901 dalla Tipografia GIANNI&FIGLI di Napoli dal titolo : “STORIA  DI FONDI – Cenni dei paesi formanti  il suo ex stato “ opera di Giovanni Conte Colino . Costui fa del suo libro quasi una esaltazione del nobile Principe di Fondi Don Oderisio di Sangro che acquistò la Contea di Fondi agli inizi del 1700 da una casata austriaca (Mansfield), che poi fu dichiarata Principato. In esso insistono tra le altre anche le terre che comprendono  i territori dei comuni di Gaeta – Mola- Castellone e Maranola.

 

 

L’interesse per il nostro territorio del Comune di Maranola-Trivio si evince da affermazioni molto lusinghiere che Giovanni Conte Colino, lo scrittore, fa riferite all’anno in cui scrive, all’incirca all’inizio del secolo scorso. E parlando anche di Trivio dimostra una conoscenza assai approfondita della Famiglia Filosa , vantando anche amicizia molto intima e personale con la sua stessa famiglia. Egli infatti, così si esprime parlando di TRIVIO:

A poca distanza da questo Comune(Maranola) è il piccolo villaggio di TRIVIO. Quivi è la chiesa dedicata all’apostolo S:Andrea con lo splendido portone fatto nel 1896 su disegno dell’istesso ingegnere Forte, essendo Parroco il nostro concittadino (di Fondi ndc) D. Ernesto de Bonis.

La prima famiglia di questo villaggio è quella dei ricchi ed ospitali signori Filosa (tanto amico della felice memoria del nostro genitore) e Carlo oggi Regio Notaio di Formia; il quale rappresentò il suo Comune (Maranola) per moltissimi anni in qualità di Sindaco e fu anche diverse volte Consigliere Provinciale. L’altro fratello Dottor Angelo Filosa, si ritirò in Gaeta, dove è stato sempre consigliere ed assessore comunale nonché presidente della Congrega di Carità. In questi ultimi anni si è ritirato nella sua magnifica Villa che si eresse presso Vendicio.

Quello che mi preme  sottolineare sono le affermazioni dell’Autore Giovanni Conte Colino, non solo riguardo l’ingegnere Forte autore del disegno del portale della chiesa di Trivio, ma soprattutto di Carlo Filosa che scopriamo anche Notaio a Formia( oltre a sindaco di Maranola per 20 anni e consigliere provinciale) ma più interessante anche l’impegno politico e sociale del fratello dottor Angelo, amministratore a Gaeta e quindi proprietario di una “magnifica villa a Vindicio”.

Certamente la Famiglia Filosa doveva essere una delle più facoltose ed influenti non solo nel Golfo di Gaeta, ma anche in Terra di Lavoro.

 

Profnonno

 

{jcomments on}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *