Arriva il Natale

 

Caro brigante, come ti ho promesso ,


ad ogni ricorrenza scriviamo qualche cosina,


ricordando i detti e le usanze del nostro paesello, inserendo

 

qualche notizia eclatante dei nostri tristi giorni,


che ci sta portando tutti alla povertà.

 

 

ARRIVA NATALE – MISERIA E POVERTA’

 

Natale alle portu sta,


oggi chiove, stracqua


e che friddu che fa


alla casa degliauti


nun se po stà.


Lu spread va su e giù,


l’imu alle stelle, che strazziu quaggiù,


aumentanu le tasse


e u pigionu schizza su.


 

Ciannu prusciugatu, asseccatu,


ciannu toltu la serenità,


gliu sognu e puru


la dignità.


 

Le saccocce se so vacantate,


u lavoru nun c’è chiù,


c’è rimasta solu la speranza


che è lurdama  a murì.


 

Ma come dicevanu spessu


i nosti avi triulesi,


chi “de speranza campa


disperatu more”.


 

 

Nun pussiamu nemmenu


chiù preà Gesù Bambinu


la notte de Natale,


pecchè puru lui è poverellu,


nasce in una stalla


agliu friddu, al gelu,


riscaldatu sulamentu, nella magnatora,


dagliu buu e l’asinellu.

 

 

 

Agli chiu picculi de casa ,


nun se pò chiù raccuntà


gliu dettu cuntadinu:


“Mo vene Natale e Babbu Natale


che porta nuci, mengule e vallane,


e nu pisu de farina


pè fa quattu zeppule


agli grossi, nonni e bambini.


Primma puru se raccuntava :


“Doppu Natale friddu e fame”.


Ma, mo c’è na grossa nuvità,


le stagionu  so stralunate:


“U friddu e a fame,


hannu anticipatu u loro arrivu”.

 

 

Che patimentu, che sofferenza


pè nui  povera gente.


 

Le saccocce su vacantate, rivultate,


pure la polvere se so pigliata


e nun ciannu lasciatu mancu


nu centesimu de quattrinu.



 

Se son prelevatu tuttu,


oru, argentu, ricordi de famiglia


e puru gli risparmi d’una vita,


che conservavamu gelosamentu


agliu pizzu degliu saccunu


de spoglie de rauniniu.


 

Mentre loru ancora guzzuviglianu,


con ostriche e champagnu


e si riempiono u portafogliu


con stipendi da nabbabbu,


a nui poveri murtali


ciannu messu in braghe di mutande


e nun ciannu lasciatu mancu


gli cauzzuni, la cammisa e gli cauzzettini.


 

Trivio 14.12.2012                                                                 Dino

 

{jcomments on}