PRESENTAZIONE DEL PRESEPE VIVENTE

 

Associazione Culturale


 

Maranola Nostra


 

PRESENTAZIONE

 

 

 

del 38° PresepeVivente di Maranola


 

Chiesa di S. Maria dei Martiri

 

16/12/2012

 

 

 

 

Una panoramica del pubblico accorso all’annuale incontro culturale dell’Associazione Maranola Nostra svoltasi nella Chiesa di S. Maria ad Martyres di Maranola. Ogni anno lo scopo è quello di approfondire una tematica legata alle tradizioni, storia e cultura locale.

Quest’anno il tema è stato “TRADIZIONI E MESTIERI” ed in

particolare “La lavorazione della strama nell’area Aurunca”.


 

L’Associazione “La Zampogna”, con il suono natalizio delle zampogne e delle ciaramelle, dà inizio all’incontro. Esse accompagneranno tutto il paese per le prossime festività.

 

 

 

Il primo intervento è stato del dott. Dario Novellino

(un grande amico di TRIVIOAMICI), antropologo e ricercatore

presso l’università del Kent (UK).

 

Nel territorio aurunco, conduce una ricerca sulle popolazioni, documentando lo stile di vita e le tradizioni tutt’ora presenti come, appunto, la lavorazione e l’intreccio di fibre vegetali e altre specie botaniche.

Domenica Novellino ha presentato un suo lavoro dal titolo “Lo strame, amico dei poveri e del fuoco” in cui ripercorre lo sfruttamento di queste piante da parte delle comunità del passato approfondendo il rapporto dell’uomo con questa risorsa.

La dott.ssa Vanessa Forte, Archeologa e dottoranda in Archeologia presso la Sapienza di Roma, si occupa di cultura materiale dei gruppi preistorici, studiando la loro tencologia per ricostruire modelli produttivi e modalità con cui i singoli gruppi si relazionavano tra loro e con l’ambiente.

Collabora alle attività della Cattedra di Ecologia preistorica e Archeologia Sperimentale da cui due anni fa è stato avviato un percorso didattico sulle antiche specie vegetali impiegate nella produzione di manufatti, tra cui l’Ampelodesmos mauritanicus, coinvolgendo gli studenti universitari in attività svolte anche in collaborazione con il Parco Regionale dei Monti Aurunci.

In questa occaione ha presentato il primo volume della collana dal titolo “Mestieri e Tradizioni”, fortemente voluta dal presidente dell’Associazione Ing. Claudio Filosa, destinata ad essere arricchita ogni anno da nuovi contributi ispirati a mestieri e tradizioni di Maranola, valorizzati in occasione del Presepe Vivente.

Il volume di quest’anno ha come titolo “La lavorazione della stramma nell’area aurunca” e per l’occasione è stato regalato ai presenti. Chi fosse intenzionato ad averlo, potrà trovarlo al banchetto dell’Associazione durante i giorni del Presepe Vivente (26 dicembre, 1 e 6 gennaio.

 

Il parroco Don Antonio De Meo si congratula con la

dott.ssa Vanessa Forte e racconta un suo aneddoto sulla “stramma”.

 

LO SCULTORE GERARDO DE MEO CI MOSTRA LA SCULTURA CHE

VERRA REGALATE AI PARTECIPANTI DEL PRESEPE VIVENTE

 


QUESTA SCULTURA E  UNA  RIPRODUZIONE IN SCALA

DEL PRESEPE CINQUECENTESCO DELLA VENDITRICE DI

MARZOLINO DEL PRESEPE DI TERRACOTTA

 

 


 

LA MELODIA DEI ZAMPOGNARI

 

Nicoletta Naldoni, restauratrice diplomata all’Istituto Centrale di Restauro di Roma ha eseguito i lavori di restauro degli altari barocchi di S. Biagio e S. Sebastiano nella chiesa di S. Maria dei Martiri.

In collaborazione con l’Ass. Calliope ha presentato le fasi del suo lavoro, mostrando, soprattutto, i particolari del suo attento lavoro.

 

 

A sinistra l’altare di S. Biagio, oggetto del primo intervento.

 

 

Particolare delle colonne degli altari.


 

VENGONO PROIETTATI SUL MAXISCHERMO I PARTICOLARI PRIMA DEL RESTAURO

 

 

 

Particolari degli stucchi e dei nuovi affreschi ritrovati.

 

 

Fasi di lavorazione.


 

Particolare dell’altare barocco di S. Sebastiano.

 

 

 

 

Altri particolari  dell’altare di S. Sebastiano

 

 

 

L’estremo interesse dei fratelli, entrambi professori, Sparagna.


Un ringraziamento va al sempre presente e affidabile Fabio Gigli.

 

Per l’occasione è stato presentato anche il lavoro del M° Supino

(a destra) svolto con i bambini di Maranola nell’allestimento di

un presepe polimaterico nel locale del sig. Enrico (a sinistra)

 

Le fasi di allestimento del presepe polimaterico.

 

La serata si è concluso con un concerto di musica sacra, la cui

scaletta è stata attentamenta vagliata dell’Arcivescovo di Gaeta,

della maestra, pianista, compositrice e didatta Nicoletta Ricca

(a sinistra) di note origini maranolesi e dell’eccellentissima voce

della soprano Carla Arciero.

 

 

I prossimi appuntamenti sono:

Nella Messa di Natale, il 25 dicembre, alle ore 11:30 dove verrà

svelata la famiglia che impersonerà la Natività al Presepe Vivente.


Il 26 dicembre dalle 16:30 ci sarà “il viaggio di Maria e Giuseppe”

e il Presepe Vivente.

L’ 1 Gennaio il classico Presepe Vivente nelle vie di Maranola e

il 6 Gennaio, con la visita delle Autorità e dell’Arcivescovo di Gaeta,

il Presepe si concluderà con l’arrivo dei Magi alla Capanna.



Ass. Cult. Maranola Nostra

www.presepeviventemaranola.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *