CONSIGLIO COMUNALE IL PDL SI PSACCA SULLE COMMISSIONI

CONSIGLIO COMUNALE DI FORMIA ( VENERDI’ 27 SETTEMBRE).

IL PDL SI SPACCA SULLE COMMISSIONI. DIVISIONI ANCHE IN MAGGIORANZA

Il Consiglio comunale di Formia, svoltosi venerdì,nella sala Ridaud, ha rivelato profonde spaccature sul punto riguardante la composizione delle commissioni consiliari nei due maggiori parti: PDL e PD.

 


All’interno del Pdl nei confronti del consigliere Avvocato Salvatore Forte, già capogruppo nella passata consiliatura, è stato perpretato un atto di tentata emarginazione in quanto a sua insaputa si è trovato inserito nelle commissioni bilancio e servizi sociali anziché in quella lavori pubblici come concordato con colui che si ritiene l’uomo forte del partito che negli ultimi incontri alla presenza del Senatore Fazzone è stato sempre uccel di bosco: Erasmo Picano.


Egli avendo aggregato a sé, colui che aveva chiamato “traditore” dopo i risultati elettorali del 10 giugno che lo hanno visto soccombente , quel Taddeo che ha rastrellato sorprendentemente una valanga di voti, tanto da essere definito “mister preferenza; con l’altra candidata donna Carla Ciano, hanno fatto una triade facendo prevalere i numeri nei confronti dell’Avvocato Forte che pur è stato il secondo eletto al Comune di Formia.Una operazione effettuata a sua insaputa che lo ha portato a rassegnare immediatamente le dimissioni dai due organismi consiliari. Forte si è lasciato andare a tutto il suo disappunto esclamando “truffatori”, dopo aver abbandonato il Consiglio e annunciato le sue dimissioni dalla commissioni non gradite.

 

Tutto ciò avviene proprio mentre il coordinamento provinciale del Pdl ha riconfigurato l’intera organizzazione del partito sul territorio, predisponendo una rivoluzione all’interno del partito che, con la nomina dei tre coordinatori due donne Civita Di Russo e Paola Paone entrambe “avvocati” ed il commercialista Antonio Candeloro. Cosa che non è stata gradita dal candidato sindaco del PDL Erasmo Picano, che invece di ringraziare i numerosi (6mila circa) elettori del PDL ha voluto dissociarsi forse per veleggiare verso lidi più remunerativi.

Stesso discorso per quanto accaduto anche all’interno della maggioranza che sostiene il Sindaco Sandro Bartolomeo, precisamente il consigliere Mattia Aprea, anch’egli avvocato,già apertamente in contrasto con l’amministrazione in quanto aspirava alla carica di Presidente del Consiglio Comunale, invece gli è stato preferito il dott. Maurizio Tallerini. Una decisione che ha fortemente avversata fin dalla prima seduta del Consiglio comunale. E venerdì ha manifestato di nuovo la sua disapprovazione. Infatti Aprea anch’egli inserito in Commissioni non gradite, ha subito annunciato le sue dimissioni dichiarando che le scelte erano state fatte stravolgendo i criteri di “competenze” che in precedenza erano stati concordati.

Insomma sono già iniziate spaccature che fanno prevedere futuri scenari di trasformismo in consiglio comunale a Formia. Per ora appare poco preoccupato il Sindaco che ha annunciato un nuovo delegato con delega alla salute dei bimbi e delle madri rispetto alle incidenze patologiche dovute all’inquinamento prodotto anche a Formia dai sotterramenti dei rifiuti tossici.

Il Sindaco ha poi presentato il nuovo segretario generale Michele Fratino, 50enne originario di Genova, che l’ha spuntata su un totale di circa 50 domande arrivate per ottenere la segreteria a Formia. All’unanimità è stata approvata la presa d’atto della deliberazione approvata insieme ad altri Comuni, in una seduta intercomunale svoltasi al tribunale di Gaeta, contro la soppressione del palazzo di giustizia. Come unanime è stata la scelta di votare l’intitolazione all’auditorium di via Olivastro Spaventola a Vittorio Foa, storico componente della sinistra italiana e parlamentare che a Formia ha passato buona parte della sua vita. A lui, inoltre, il sindaco Bartolomeo vuole intitolare anche l’istituzione di borse di studio per giovani. L’inaugurazione avverrà quando ricorrerà la data di morte di Foa il 20 ottobre prossimo.

Il Sindaco si è infine dilungato a parlare della manifestazione in preparazione da un apposito comitato di Trivio, in ricordo dell’Eccidio della Costarella, in cui furono barbaramente trucidati dai nazisti tedeschi il 26 novembre del 1943, otto cittadini formiani. Ha dichiarato che ne vuole fare un evento cittadino con intitolazione di una strada a Trivio.

E’ passato all’unanimità anche l’adesione del Comune di Formia ad un documento nazionale contro la diffusione indiscriminato delle sale da gioco sul territorio e l’istituzione dello schema di convenzione tramite bando ad un istituto di credito per affidare la tesoreria comunale gli altri due punti a conclusione dell’ordine del giorno. Animata, infine, è stata la discussione sulle rivelazioni del pentito di camorra, Carmine Schiavone, riguardo all’interramento di rifiuti tossici nel sudpontino. La mozione presentata dall’Udc sull’istituzione di una commissione di controllo per verificare quanto accaduto al Comune di Formia anche rispetto al ritrovamento di fusti all’interno della discarica di Penitro diversi anni fa, è stata rinviata alla prossima seduta per essere integrata dai contributi degli altri partiti.

IL TEAM