Tradizione Natalizie a Trivio negli anni trenta e quaranta

E’ Natale a Triugliu – Di Alessandro Treglia(Masto Lisandro)

E’ Natale, gliu foco a mezzo la piazza s’e’ppicciato.

Gli Triulesi con tanto amore stann’aspetta’,

Che le lene foco se fa’, pe se scauta’.

Chisti so gli Natale degli’anni trenta e quaranta,

Che nun se ponno mai scurda’

Gl’omeni, le femmene, gli vagliuni e piccirigli,

Attorno a gliu foco stanno aspetta’

La funzione della nativita’.

E cuanne gliu rulogio vatte la mezzanotte

Tutti correno a la chiesa pe prega’,

Che gliu Bambinegliu nascera’.

Gli vagliuni stanno de reto a gliu presepio

Pe suna’ gliu zuffaregliu e pe canta’.

Fenuta la novena tutti ‘nfredduliti

iamo ‘nzeme a “Gniore Patino”,

Cu gliu bambinegliu a mano,

Pe benedice gliu foco e pe se scauta’.

Dopo la benedizione, a casa ammo turnato,

La famiglia era gia la’, ch’aspettava,

Pe ci da’ gl’auguri de Bon Natale,

Gli zampugnari co le biffere e ciaramelle,

Girano tutto gliu paese, porta pe porta,

Purtanno auguri de pace e de felicita.’

BON NATALE A TUTTI CUANTI!!


{jcomments on}