GLIU’ BARBIERE DE PIAZZA SANTA TERESA FORMIA

Visto che oggi si parla di “mestIeri”…parliamone……..Un giovane “curioso”

(ma ce ne sono più ?) una volta mi ha chiesto : “ma quando non c’erano la TV

, i computer, i telefonini, ecc., ecc, ai vostri tempi, come facevate a parlare

di politica sport e pettegolezzi vari ?”. La risposta è una sola :

“bastava andare dal barbiere, o sui “tubi” di Piazza Vittoria”.

La storia dei “Saloni” come luoghi di “chiacchiere a vacant”,

è ricca di tradizioni comuni a tutti noi ragazzi e giovanotti di Formia

degli anni 60, anche se le esperienze personali possono essere diverse.

Già da ragazzo, quando frequentavo il Salone del grande Rinaldo Scipione

in Piazza S.Teresa, ma anche successivamente in altri Saloni, ricordo che

si cominciava a parlare di politica, anche se l’argomento più “chiacchierato”

era sempre il calcio. Ore di discussioni a tutto campo con in mano il

“Calcio Illustrato” o “Il Corriere Dello Sport”, sulle cui pagine il mitico

giornalista Ezio De Cesari, come sempre, scriveva che lui aveva tutto previsto

, anche se nessuno si ricordava quando. Battibecchi simpatici e battute a

non finire tra tifosi delle varie squadre, senza gli insulti e le gratuite

volgarità di oggi. I due argomenti (calcio e politica), a volte si intrecciavano

con buffi risvolti. Ricordo che qualcuno diceva: “Pare che MORO guiderà

un nuovo governo di centrosinistra”… e qualche altro, alzando

distrattamente la testa dal Corriere dello Sport, rispondeva :

” Ma MORA non gioca all’ala destra ?” (riferendosi al grande calciatore

del Milan e della Nazionale)…..Insomma dal barbiere, una volta, potevi

trovare di tutto e di più.

 

 

 

Personaggi veri, a volte preparati, a volte inconcludenti, ma in grado di

parlar per ore di tutti gli argomenti possibili ed immaginabili, compresi

il gossip presente in riviste come “ABC”, oppure pettegolezzi di carattere

locale , che, naturalmente, erano i più interessanti. Insomma possiamo dire

che ci trovavamo di fronte i primi “talk show” ma…..senza la televisione….

.E gli “attrezzi” preistorici usati dai barbieri di allora li potete vedere

nelle foto di repertorio qui sotto, compresa una macchinetta da “tortura”

per il taglio capelli, ed una cinghia di cuoio sulla quale si affilavano

i rasoi…le vecchie “schedine” del totocalcio servivano invece per pulire

i rasoi ….

 

Potevi anche farti una “cultura” con le molte pubblicazioni presenti sul

“bancone”……Dal mitico “calendari etto “profumato” , con le foto osè

delle attrici più sexy dell’epoca (mio padre aveva proibito al “masto” di darmelo)

, ai fumetti più noti come l’Intrepido, Il Monello, Mandrake,

Nembo Kid, Tex Willer Il Grande Blek e Capitan Miki. Mi chiedete se

provo nostalgia per quei tempi ? Forse no, perché la modernità è certamente

bella…..ma la spontaneità, la semplicità, la simpatia, l’onestà di allora ,

quelli si, li rimpiango……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *