Crisi Pontine

Si acuisce la crisi politica a livello pontino.
Si è partiti a Maggio con le amministrazioni di Priverno, Terracina e Latina, a seguito della sfiducia dei propri sindaci.
Poco più di due mesi dopo, stessa sorte, per l’ormai ex Sindaco del comune di Itri (Giuseppe De Santis), caduto dopo una mozione a suo sfavore, firmata da 7 consiglieri comunali, tra cui quello di FDI Raffaele Mancini.
Qualche giorno fa, ad annunciare le sue dimissioni, senza alcuna speranza di poter tornare indietro, Paolo Graziano di Minturno.
Qui ad inasprire la situazione il consiglio comunale saltato lo scorso 17 agosto, per mancanza di numero legale. Eppure, in quella sede, si sarebbe dovuto decidere di un documento importante, quale il bilancio di previsione 2015.
Non si trova certo sotto una buona stella il Comune di Castelforte e il suo Sindaco Patrizia Gaetano: durante l’ultimo consiglio comunale i consiglieri Testa e Forte hanno annunciato la loro fuori uscita dalla maggioranza. Anche qui, in occasione della riunione della massima assise civica, andava approvato il bilancio di previsione 2015.
Proprio per la mancata approvazione di questo, è giunta la diffida da parte del prefetto di Latina Dott Pierluigi Faloni.
Questi ha dato 20 giorni di tempo per approvare l’importante documento: in caso contrario l’amministrazione targata Gaetano può definirsi terminata ed il comune pronto ad essere prefettato.
Un quadro, dunque molto critico che desta preoccupazione anche nelle altre amministrazioni locali.
A tal riguardo abbiamo avuto modo di incontrare e chiedere un giudizio ad una veterana della politica: stiamo parlando di Eleonora Zangrillo, assessore ai lavori pubblici e, da fine luglio,  anche vice sindaco del Comune di Formia.
“Una risposta abbastanza complessa – ha affermato la Zangrillo – perché si dovrebbero analizzare le singole realtà locali”. “Faccio politica da quando ero più giovane – ha aggiunto – e le cose sono molto cambiate, in senso negativo: il governo nazionale cede ai comuni somme sempre minori e che non permettono all’amministratore pubblico di svolgere facilmente il suo ruolo, in linea con le esigenti richieste della comunità”.
Una situazione, a detta del vice sindaco formiano, che spesso si inasprisce anche per i rapporti non sempre rosei tra i vari consiglieri ed assessori a causa della mancanza di dialogo: “i consiglieri vorrebbero risposte – ha evidenziato- che per la giunta risulta difficile dare, proprio quale conseguenza delle sempre meno risorse”.
Gioca un ruolo fondamentale anche l’accesa intolleranza da parte dei cittadini: “ quando si fanno dei lavori, pensando alla recente asfaltatura dell’Appia, c’è sempre qualcosa che non va”.
Quello che si auspica, per tutti i comuni, compreso Formia: “ ci vuole maggiore coesione tra la cittadinanza e gli amministratori, tra i consiglieri e gli assessori ed il sindaco. L’unione fa la forza. Quando un governo cittadino cade è negativo per la città stessa, perché c’è un blocco, un rallentamento dell’attività e della programmazione”.
Non nega la presenza, comunque di giochi politici, soprattutto in alcuni comuni: “ è una cosa chiara, lapalissiana parlo soprattutto di Latina e di Terracina”.
In conclusione, l’assessore ha ribadito che si tratta di una valutazione veloce: “ il discorso potrebbe essere ben più ampio e completo”.

“TRA LIMBRA E L’AMBRA ” che si inaugurerà il 22 agosto a Sant’Anna del Furlo nelle Marche, Carlo De Meo

f0b291bc-38fe-40ea-a21b-3943ca227845

all’interno della IV edizione del progetto di LAND ART
dal titolo “TRA LIMBRA E L’AMBRA ” che si inaugurerà
il 22 agosto a Sant’Anna del Furlo nelle Marche, Carlo De Meo
ha realizzato, con un’azione di raccolta di legname, l’installazione
ambientale dal titolo USOTTOSU.

usottosu1rid

Continua la lettura di “TRA LIMBRA E L’AMBRA ” che si inaugurerà il 22 agosto a Sant’Anna del Furlo nelle Marche, Carlo De Meo

Oggi ricordiamo Don Benedetto con una preghiera.Oggi ricordiamo Don Benedetto con una preghiera.

Oggi ricordiamo Don Benedetto con una preghiera.

Biografia di Don Benedetto Ruggiero
Nato a Maranola di Formia (LT) il 6-11-1906 da Raffaele Ruggiero e da Maria Arcangela Fedele.
Morto a Maranola il 14-8-1967

foto di Maria Zenobio.

Don Benedetto è ordinato Sacerdote il 19-7-1931 nella Chiesa della SS.Annunziata in Maranola dall’Arcivescovo Mons.Dionigi Casaroli.
Celebrò la sua prima Messa il 26-7-1931.

Divenne subito Vice Parroco nella Parrocchia di S.Erasmo di Formia, in seguito fu nominato Parroco di Maranola dove svolse il suo Ministero Sacerdotale fino alla morte.
Fu assistente ecclesiastico della gioventù di Azione Cattolica e Assistente diocesano delle ACLI.
Insegnò Religione nel Liceo –Ginnasio e nell’Istituto Magistrale di Formia.
Insegnò Storia dell’Arte nel Liceo Classico di Formia.
Per oltre venti anni fu Ispettore Onorario alle Antichità e ai Monumenti di Formia.
Nel 1956 fu nominato Canonico della Cattedrale di Gaeta.
Fu Membro del Consiglio Presbiteriale dell’Archidiocesi di Gaeta.Componente della commissione diocesana per le comunicazioni sociali e Assistente diocesano per i cinema parrocchiali.
Si dedicò soprattutto all’assistenza dell’infanzia abbandonata fondando a Maranola l’Istituto Madre Raffaella.
E’ ricordato per la dedizione e l’impegno incondizionato nel dopoguerra per aiutare tutti i suoi parrocchiani nella difficile ricostruzione morale e materiale del paese.
Egli è vissuto con gli altri e per gli altri.
Ora prega per noi.

FORMIA – Concerti, tradizione, natura: venerdì e sabato torna la “Festa della montagna”

FORMIA – Concerti, tradizione, natura: venerdì e sabato torna la “Festa della montagna”

Due giorni di concerti e animazione per bambini. Domani venerdì 14 agosto e sabato 15 torna la “Festa della montagna”. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato al Turismo con la collaborazione della Pro Loco di Formia e della XVII Comunità Montana, si terrà nell’Area del Pellegrino, sul Monte Redentore.

FOTO

????????????????????????????????????
FOTO  MANIFESTAZIONE 2013

 

Tradizione, natura, aria pulita. Il programma parte domani venerdì 14 agosto alle ore 17.30 con animazione, gonfiabili e mascotte per bambini. Serata all’insegna della musica folk. Alle 21 il concerto dei “Musicanti del sud”, formazione di organetti diretta dal maestro Raffaele Romano.

La Festa riprende il giorno di Ferragosto. Dalle ore 17.30 alle 20 le attività di animazione rivolte ai più piccoli. Alle 21 doppio appuntamento nel segno della tradizione musicale popolare. Lungo le strade di montagne andrà in scena il concerto itinerante di organetti de “I musicanti del sud”. Nell’Area del Pellegrino si balla a ritmo di pizzica, taranta e saltarello con “I briganti dell’Appia”, nuovo progetto di Pierluigi Moschitti, musicista ed etnomusicologo che da anni promuove i suoni e i temi della tradizione agropastorale dell’Italia centromeridionale. Come i Briganti delle leggende popolari, Moschitti dà voce alla storia di un popolo che trova la forza e il coraggio per affrancarsi da un passato difficile. Lungo la direttrice dell’Appia, l’antica “Regina Viarum” che un tempo collegava Roma a Brindisi, la porta dell’Oriente. E’ lungo quest’asse che nascono i generi musicali della nostra tradizione: il Saltarello ciociaro, la Ballarella aurunca, le Tammurriate campane, le Tarantelle napoletane e garganiche fino alla Pizzica pugliese e la Taranta salentina. La grande musica del sud, tradizione di un popolo e di una terra che ripercorre i suoi passi e, nel passato, trova i germogli del suo futuro.

Continua la lettura di FORMIA – Concerti, tradizione, natura: venerdì e sabato torna la “Festa della montagna”