Pinocchio – Le storie cantate con Ambrogio Sparagna

martedì 28 febbraio 2017

 

Pinocchio – Le storie cantate con Ambrogio Sparagna presso l’Auditorium Parco della Musica il 4 e 5 marzo alle 17:00

Con le maschere e burattini di Maurizio Stammati, gli strumenti musicali di Erasmo Treglia ed i canti di Ambrogio Sparagna

Quante favole ci sono dietro l’avventura del più famoso burattino del mondo? Da quali racconti popolari arrivano quei fantastici personaggi che danno vita alla sua storia? A cantarcene quattro, un musicante d’eccezione come il Maestro Ambrogio Sparagna che ci accompagna tra melodie e parole della tradizione italiana con il suo organetto, gli strumenti musicali curiosi del suo compagno di avventure Erasmo Treglia e i solisti dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica” . Ma al centro della scena con burattini, naso lungo e orecchie d’asino, bacchetta magica e denti di balena, c’è la poliedrica maschera di Maurizio Stammati, attore e marionettista dalle mille sfumature che muove abile i fili della favola. Riuscirà Pinocchio a superare tutte le prove e a diventare un bambino? Dobbiamo scoprirlo insieme ascoltando bene quella canzone popolare in cui il Maestro Ambrogio Sparagna comincia così:

“Questo è il canto di Pinocchio, 
burattino che non aveva uno specchio. 
Così suo padre lavorò parecchio, 
incominciò da giovane e poi diventò vecchio…”.

Ma il nostro contastorie ne conosce molte altre, tutte da ascoltare.

Biglietti:
Posto unico 15.00€
Riduzione FINISTERRE 12.00 €
Ridotto bambino 10 €

La biga romana ritrovata sull’A24 2017

 

Il reperto archeologico è stato rinvenuto durante i lavori della complanare nel quartiere. Un eccezionale ritrovamento archeologico è venuto alla luce nelle settimane scorse durante i lavori della complanare alla A-24 nel quartiere di La Rustica.

Una biga romana, diversi siti funerari con tanto di monumenti, suppellettili e scheletri di cui uno probabilmente appartenente ad un nobile, poiché accanto è stato ritrovato uno scettro.

FOTO BIGA  DI MONTELEONE  AUTENTICA

Il professor Musco della Soprintendenza Archeologica di Roma, in merito al reperimento della biga ha dichiarato che al mondo, di simile valore,  ne esistono solo tre ma che quella de La Rustica è di sicuro la più completa, quasi intatta.

Il Municipio Roma 7 attraverso il vice presidente Mauro Ferrari e il presidente del Consiglio Cesare Marinucci, residente tra l’altro a La Rustica, si è attivato immediatamente col professor Musco per chiedere di organizzare delle visite guidate per le scolaresche del territorio municipale, al fine di poterne ammirare e apprezzare l’alto valore storico, ovviamente a partire dagli studenti del quartiere. Un tesoro archeologico che a distanza di oltre 2000 anni certifica ancora una volta la grandezza della Roma imperiale.

Ferrari e Marinucci hanno anche chiesto al professor Musco di valutare la possibilità di allestire una mostra che comprenda anche i numerosi reperti ritrovati durante la realizzazione della linea Tav.

Anni or sono, in considerazione dell’elevato patrimonio archeologico esistente nei Municipi V, VI, VII, VIII e X (secondo al mondo per valore dopo il centro storico di Roma) era stata promossa, dall’associazione Amici del Parco e da altre associazioni del territorio, una raccolta di 10 mila firme su una petizione che chiedeva l’istituzione di un Museo di Roma est. Un’idea che andrebbe ripresa allo scopo di valorizzare l’immenso patrimonio storico e archeologico presente nel territorio. Si era ventilata anche, tempo fa, una collocazione del Museo, o nel Parco di Centocelle o nell’area del Centro Carni. Chissà cosa ne pensano in proposito i Municipi e il Comune di Roma.

GIUFA’ E IL MARE Sabato 25 Febbraio ore 20:30 Teatro Bertolt Brecht, Formia

Sabato 25 Febbraio ore 20:30

Teatro Bertolt Brecht, Formia

 

 

Sabato 25 Febbraio alle ore 20:30 al Teatro Bertolt Brecht nuovo appuntamento con la stagione “Teatro Libera Tutti” promossa dal collettivo formiano all’interno del progetto “Officine Culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del MIBACT. 

 

In scena una co-produzione storica del Teatro Bertolt Brecht con il Teatro dell’ Acquario di Cosenza già con decine di repliche all’attivo in Italia e all’estero: “Giufà e il mare” con Maurizio Stammati e Dilva Foddai per la regia di Antonello Antonante. 

 

Un racconto nel racconto. Il cantastorie gioca con il percorso narrativo come con gli oggetti e gli elementi scenografici attraverso un viaggio nel mediterraneo, dove con dialetti e lingue diverse, colori e suoni, attori e personaggi, racconti e aneddoti, miti di un tempo e cose reali, identità e tradizioni, incontra e conosce tante persone sempre diverse tra loro.

 

Giufà è un tipico esempio di transumanza narrativa: temi uguali o quasi, si ritrovano, spesso identici nei concetti e a volte nei nomi, in paesi assai distanti sempre appartenenti a un’area culturale che affonda le radici in una comune matrice: il Mediterraneo.

 

Ma non è solo un viaggio attraverso il mare nostrum, è anche un viaggio attraverso il teatro, dove il gioco della finzione si cela e si svela repentinamente e dove i modi e le tecniche si fondono e si confondono in un continuo fluire.

CARNEVALE FORMIANO 2017

Da venerdì 24 alla grande sfilata dei carri di martedì 28 febbraio. Centro e periferie, via Vitruvio e il Parco De Curtis, il villaggio don Bosco e le comunità di Penitro, Maranola, Trivio.Un programma particolarmente ricco quello promosso dall’Amministrazione comunale per festeggiare l’edizione 2017 del “Carnevale formiano”. In allegato il manifesto con il calendario completo. Un grazie sentito ad associazioni, parrocchie, scuole, palestre e ai tanti cittadini che hanno contribuito fattivamente all’ideazione e realizzazione della manifestazione…

“Targa Mobile Professional”, FORMIA DI FORMIA

La Polizia Locale di Formia ha da oggi uno strumento in più per il controllo delle strade. Si tratta del “Targa Mobile Professional”, un sistema mobile per la lettura delle targhe dotato di un software capace di individuare e sanzionare in tempo reale le auto in circolazione sprovviste della dovuta assicurazione, i veicoli rubati, quelli sottoposti a sequestro e fermo amministrativo o non abilitati alla circolazione (revisione scaduta).

Il “Targa Mobile” è composto da una telecamera ed un tablet. I dispositivi comunicano tra loro senza fili, una vera e propria centrale operativa in grado di consultare direttamente le banche dati ministeriali. Il sistema di segnalazione auto non assicurate funziona grazie all’uso di tecnologie di riconoscimento delle targhe unito a quelle di comunicazione dati via TCP/IP. Queste ultime consentono di consultare in tempo reale le banche dati nazionali e di comunicare la presenza di anomalie alle forze dell’ordine. La contestazione delle infrazioni rilevate dal sistema avviene a livello immediato.

“Il sistema ‘Targa Mobile’ – spiega la Dirigente Rosanna Picano – rappresenta un elemento di forte qualificazione per il personale della Polizia Locale che garantirà sul territorio una presenza ancora più costante ed un’azione sempre più efficace grazie all’utilizzo della tecnologia digitale. L’evasione assicurativa danneggia gli automobilisti in regola in caso di sinistro. Ma non tutte le infrazioni sono volontarie. A volte – è il caso della revisione – si tratta di semplici dimenticanze. L’invito ai cittadini formiani è dunque a controllare sul proprio libretto la scadenza delle revisioni. L’impresa fornitrice del macchinario garantirà ai nostri Vigili anche sette giornate di formazione, particolarmente importante vista la continua evoluzione del quadro normativo. Il percorso si svolgerà tra febbraio e settembre e coinvolgerà anche la Polizia Locale del Comune di Fondi che ha adottato lo stesso sistema digitale di rilevazione delle targhe”.

“Si tratta di un progetto importante – commenta l’Assessore alla Polizia Locale Claudio Marciano – che consentirà al Corpo dei Vigili Urbani di potenziare e ulteriormente qualificare il suo lavoro di controllo delle strade a beneficio dei cittadini onesti, fortemente penalizzati dalla pratica dell’evasione assicurativa. In caso di sinistro con un veicolo sprovvisto di assicurazione, il cittadino in regola si trova costretto a farsi interamente carico del danno. In Italia sono oltre 3,5 milioni le auto iscritte al PRA ma non assicurate, segno che sempre più persone preferiscono rischiare controlli e sanzioni pur di risparmiare sul premio dell’assicurazione. Oltre a danneggiare gli automobilisti onesti, l’assenza di copertura assicurativa incoraggia la fuga e l’omissione di soccorso. Pratiche in alcun modo giustificabili che ora potremo fronteggiare con maggiore efficacia grazie all’ausilio di un sistema tecnologicamente sofisticato”.

L'immagine può contenere: telefono
L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta
L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: 2 persone, auto e spazio all'aperto
+3