AMBROGIO SPARAGNA AUDITORIUM ROMA Ballo!” Saltarella. La nostra terra che balla Dedicato alle danze, alle musiche e ai canti

Ballo!”

Saltarella. La nostra terra che balla Dedicato alle danze, alle musiche e ai canti dalle terre dell’Alta Sabina

un progetto originale di
Ambrogio Sparagna

 

con la partecipazione
dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica
il Coro Popolare
diretto da
Anna Rita Colaianni

e con i
gruppi di Danzatori Popolari
coordinati da
Francesca Trenta

 

ospiti speciali
Cantori in Ottava Rima di Leonessa e di Pupazze di Borbona, Suonatori di organetti “du botte”  e ciaramelle della Meta, Banda di Accumoli, Banda di Borbona e Gruppi di danze popolari di Amatrice

Questa ottava edizione di Ballo! è dedicata alla riscoperta e alla reinterpretazione dello straordinario repertorio della Saltarella, la tipica danza tradizionale diffusa nell’area dell’Alta Sabina, un territorio segnato recentemente dall’esperienza drammatica del terremoto. In questa area, da sempre, la musica e la danza popolare rappresentano dei segni identitari di grande valore, capaci di creare in ogni occasione  uno spirito comunitario, che coinvolge  e accomuna storie e culture. Per omaggiare questa grande tradizione, lo spazio della Cavea ospiterà decine di cantori musicisti e danzatori provenienti da tutta l’area che,  uniti al Coro e l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica  e al gruppo di danzatori tradizionali diretti da Francesca Trenta, proporranno, per la prima volta in Italia, uno spettacolo di grande forza rappresentativa. Saltarella rappresenta, quindi, un’occasione speciale per conoscere la straordinaria ricchezza del patrimonio tradizionale di quella parte degli Appennini e per partecipare ad una grande festa popolare che coinvolgerà il grande pubblico della cavea  grazie alla forza e all’energia miracolosa  e vertiginosa del suo ritmo.

Minturno: mancano i parcheggi e monta la protesta per la raffica di multe 2017

Minturno: mancano i parcheggi

 e monta la protesta per la raffica di multe

 

 

MINTURNO – Esplode il malcontento e la protesta, a Minturno ed in particolare, nelle zone rivierasche di Scauri e Marina di Minturno, per tutta una serie di disservizi a cui la cittadinanza viene sottoposta, dalla mancanza di acqua, al problema dei trasporti, con la soppressione e le mancate fermate dei treni. Cittadini che, in alcuni casi, vengono doppiamente penalizzati, come nel caso della carenza di parcheggi, a cui si aggiunge la raffica di multe che sta colpendo, proprio in questi giorni, residenti e turisti. Una vera e propria “caccia alla sosta abusiva”, da parte dei vigili urbani che, se da un canto può essere compresa, in un’ottica di ripristino, o rispetto delle regole, dall’altro, deve tenere doverosamente conto dei tempi e dei luoghi, dei singoli casi ed anche dell’età di taluni automobilisti e non procedere, invece, ad indiscriminati blitz sanzionatori. La protesta corre e si alimenta in rete, con i cittadini stanchi di vessazioni e sacrifici e pronti a costituirsi in Comitato, soprattutto dopo l’ultima goccia (non solo d’acqua), ma della raffica di contravvenzioni che ha fatto tracimare la pazienza collettiva. “E’ vero che oggi paghiamo cinquant’anni di disamministrazione cittadina, sottolineano i più arrabbiati, con il territorio lasciato in abbandono e privo di servizi, ma ora la polizia municipale, con le centinaia di multe che vengono comminate giornalmente, sta massacrando i residenti ed il turismo estivo che rappresenta l’ultima risorsa economica del nostro territorio. Le contravvenzioni per divieto di sosta sono legittime, aggiungono i più, ma diventano assurde quando applicate in assenza dei dovuti e regolari parcheggi, o solo con l’obiettivo di far cassa, per ripianare i debiti comunali, mentre esistono tante aree in abbandono che potrebbero essere tranquillamente destinate a parcheggio”. Un problema, quello della sosta, che non riguarda solo il centro città, ma anche l’area della stazione ferroviaria, o il lungomare, con decisioni astruse ed abbonamenti limitati o riservati ai residenti. Dal canto suo, il sindaco Gerardo Stefanelli ha ribattuto che “i parcheggi a Minturno ci sono, anche se, soprattutto in estate, possono risultare insufficienti. Dopo anni di caos, però, l’amministrazione comunale ha avvertito la necessità di dare un segnale di legalità e di disciplina, anche perché proprio i cittadini ed i turisti ci hanno chiesto una città più ordinata e rispettosa delle regole”. Lo stesso sindaco, comunque, apre ad un confronto verso i protestatari ed afferma che “chiederemo al Comando della polizia locale una maggior tolleranza, ma sempre nel rispetto del codice e soprattutto della sicurezza stradale”. Infine, Stefanelli concorda sulla necessità di realizzare, a breve, nuovi parcheggi, sia su aree pubbliche, che private, aggiungendo che “stiamo lavorando in tal senso, in previsione del nuovo P.R.G. e restiamo disponibili alle richieste ed alle soluzioni prospettate anche da singoli privati, per accrescere la disponibilità di aree sosta”.

 

Sergio  Monforte

web tv proloco Formia, 28 giugno 2017

Comunicato Stampa
nasce il nuovo canale di comunicazione della proloco di formia: web tv proloco
Formia, 28 giugno 2017: La proloco di Formia potenzia i suoi canali di comunicazione e inaugura un nuovo progetto: la web tv proloco.
La proloco di Formia, dunque, al passo con i tempi visto che le web tv sono una delle forme più moderne di comunicazione e infomazione.

PRESIDENTE

VICEPRESIDENTE

Veri e propri canali televisivi gestiti e fruiti su piattaforme via internet. La loro diffusione sta diventando sempre più rapida anche in virtù del crescente utilizzo di dispositivi mobili come smartphone e tablet. Rispetto ai normali canali televisivi offrono la possibilità di scegliere in ogni momento cosa si vuole vedere, senza essere vincolati agli orari e ai palinsesti, perchè tutti i contenuti rimangono archiviati e disponibili.
Nello specifico web tv proloco, frutto del lavoro di un gruppo di giovanissimi tra cui Carolina Nardella e Umberto Sasso, realizza una serie di brevi video sugli aspetti e gli eventi più attuali dell’attività associativa della città di Formia per aggiornare e informare non solo gli iscritti, ma anche tutti coloro che popolano a qualsiasi titolo il pianeta associativo. Approfondimenti e interviste ai rappresentanti delle Associazioni, ma anche ai protagonisti della cultura e della storia disponibili a raccontare e condividere le loro esperienze.
Si è partiti con la prima passeggiata archeologica al parco di Gianola, si è poi proseguiti con i festeggiamenti in onore di uno dei patroni della città, San Giovanni Battista.
“E’ il primo grande passo per il nostro principale obiettivo – sottolinea il presidente della Proloco di Formia (Pierfrancesco Scipione)- quello di rappresentare una vera e propria avanguardia per la nostra città, una novità assoluta non solo nel panorama formiano ma in Italia, nell’ambito della fitta rete proloco. Per questo già mi sento di ringraziare la strepitosa squadra di giovani che ha deciso di mettere a disposizione, a titolo gratuito, le loro esperienze universitarie”
L’addetto stampa
Letizia Lagni

ASSOCIAZIONE CULTURALE IL SETACCIO DI MARANOLA DI FORMIA FITA –LAZIO (

FITA –LAZIO (Federazione Comitato Regionale del Lazio)
COMUNE DI FORMIA – ASSESSORATO CULTURA
CONCORSO A PREMI DELLA XXIII EDIZIONE DELLA SETTIMANA DEL TEATRO AMATORIALE – TORRE CAETANI – 1/ 8 LUGLIO 2017 ORE 21,00 –
PROGRAMMA (provvisorio)
Sabato – 1 luglio ore 21,00 – Compagnia Il Setaccio Maranola di Formia – Commedia “Raffeluccio gliu banditore “ scritta e diretta da Antonio Forte
&&&&&
Domenica -2 luglio -Compagnia “I lavorAttori” di Fondi (LT)
commedia “LA GROJA” scritta e diretta da Mena Antonelli
&&&&
Lunedì 3 luglio – Compagnia Bertolt Brecht – Formia
Il Gobbo di Notre Dame- Regia Maurizio Stammati a cui sarà assegnato il premio Speciale FITA 2017-
&&&&
Martedì – 4 luglio – Laboratorio Teatrale Progetto Castelforte (LT)
Commedia – La Paura non esiste di Nicola Pagano
Regia Tommaso Testa
&&&&
Mercoledi 5 luglio – Compagnia “Quelli che…Il Teatro” Nola (NA)
Commedia – Una notte con Dora – scritta e diretta da Marco Lanzuise
&&&&
Giovedì 6 – Compagnia La Bottega del Teatro – Caserta
Commedia- Quelli del Diploma…1982 scritta e diretta
da Pierluigi Tortora
&&&&
Venerdi 7 luglio – Compagnia “ 30 Allora” Casagiove (CE)
Commedia “ 73 ‘O Spitale ” scritta e diretta da Vincenzo Russo
&&&&
Sabato 8 luglio – Compagnia Il Setaccio Maranola di Formia
Commedia LA CATAPECCHIA scritta e diretta da Antonio Forte
A seguire la Premiazione delle Compagnie per INTERPRETAZIONE- SCENOGRAFIA – SCENEGGIATURA –PREMIO GIOVANE INTERPRETE (Franco Chinappi) –

SETTIMANA DEL TEATRO AMATORIALE – XXIII Ed.
Maranola Torre Caetani – 1 / 8 luglio 2017 ORE 21,00
PRESENTAZIONE
Ritorna puntualmente nella prima settimana di luglio la Rassegna del Teatro Amatoriale di Maranola Concorso a Premi FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori) organizzata dall’Ass. Cult. Il Setaccio con il patrocinio dell’Ente Parco Naturale Regionale dei Monti Aurunci e del Comune di Formia.
Quest’anno si esibiranno le Compagnie Teatrali Amatoriali che hanno risposto al bando e sono state selezionate dalla segreteria dell’Associazione. Gli spettacoli per ben otto serate si svolgeranno sotto lo splendido scenario dell’antica Torre Caetani, nel centro storico di Maranola. Anche quest’anno è stato approntato un programma di tutto rispetto che vede in scena tre compagnie campane con “Quelli che…il Teatro” di Nola e due compagnie della Provincia di Caserta che metteranno in scena lavori inediti di brillanti commedie in vernacolo.
Gradito ritorno per la Compagnia Teatrale Bertolt Brecht di Formia con una pièce di Maurizio Stammati al quale sarà attribuito il Premio alla sua brillante carriera di Interprete, Direttore Artistico e Manager di una fra le Imprese teatrale più prestigiose …che ha riscosso consensi ed apprezzamenti anche a livello internazionale.
La compagnia organizzatrice Il Setaccio parteciperà con due lavori scritti e diretti dal Direttore Artistico, Antonio Forte : esordio con la commedia dialettale “Raffeluccio gliu Bannista” il più umile e fiero personaggio ormai rimasto nell’immaginario della memoria collettiva del nostro borgo,e una commedia rappresentata già nella programmazione natalizia, a gentile richiesta, che chiuderà la Rassegna con la premiazione delle Compagnie vincitrici, la serata dell’8 luglio, scelte da una giuria popolare di spettatori per: Interpretazione – Scenografia e Sceneggiatura, Premio per un giovane interprete promosso anche quest’anno da una delle aziende della ristorazione più antiche di Formia (CHINAPPI) .
Segreteria Ass. Cult. Il Setaccio- Maranola di Formia (LT)

 

FORMIA REPERTI ARCHEOLOGICI EPIGRAFI AL CENTRO

LE IMMAGINI ESCLUSIVE DEL LAPIDARIO

LAZIO TG – FORMIALE IMMAGINI ESCLUSIVE DEL LAPIDARIO

Posted by LazioTV on Montag, 26. Juni 2017

FESTA DELLA MARINA 2017.Alla presenza del Capo dello Stato Mattarella consegnata al Guardiamarina Fabio Monforte di Formia la Bandiera di combattimento di nave Carabiniere

Alla presenza del Capo dello Stato Mattarella

consegnata al Guardiamarina Fabio Monforte di Formia

 la Bandiera di combattimento di nave Carabiniere

Nella suggestiva cornice del porto di Civitavecchia, dove erano attraccati l’incrociatore portaeromobili “Garibaldi”, le fregate “Alpino” e “Carabiniere”, il pattugliatore “Borsini”, la nave scuola “Palinuro”, il sommergibile “Romeo Romei” e le navi “Libra”, “Termoli”, “Italia” e “Dattilo”, ha avuto luogo la celebrazione della “Giornata della Marina”, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Claudio Graziano, del Capo di Stato Maggiore della Marina, Amm. di Squadra Valter Girardelli e delle principali cariche istituzionali.

Il Capo dello Stato, dopo aver passato in rassegna le unità navali presenti in rada, salutato alla voce dagli “urràh” degli equipaggi schierati, ha raggiunto il palco d’onore per la consegna delle onorificenze e delle Bandiere di combattimento a nave Alpino e nave Carabiniere, mentre una formazione di Harrier AV-8B  sorvolava il luogo della cerimonia.

Durante il suo intervento, il Capo di Stato Maggiore della Marina ha sottolineato che “la giornata odierna testimonia come la Marina sia al servizio della collettività, di cui è parte integrante e da questa, trae forza, spunto e ragione di esistere”. Una festa, dunque, che appartiene a tutti i cittadini di un Paese, il nostro, la cui storia, la cui cultura, le cui sorti, anche economiche, sono indissolubilmente legate al mare.

“Viviamo nel cosiddetto secolo blu, ha proseguito l’Amm. Girardelli, dove lo sviluppo economico, tecnologico e sociale dell’intero pianeta si basa in maniera sempre più funzionale e determinante sul mare. Emerge, quindi, la necessità di salvaguardare gli interessi strategici nazionali che sul mare e nel mare estrinsecano le loro attività e per preservare il patrimonio marittimo, da cui tanto dipendiamo, è fondamentale mantenere le tradizionali capacità di presenza, di protezione e finanche di contrasto, per esercitare un credibile e concreto effetto di deterrenza in tutte le aree che assumono un interesse per il Paese.

La Marina militare, in tale contesto, è una realtà umana di primissimo livello, una Forza armata diligente custode del dominio marittimo del Paese, interamente vocata al bene comune ed ai bisogni della gente”.

Concetti, questi, ribaditi dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Graziano e, succesivamente, dalla Ministra Pinotti, la quale si è anche soffermata sull’altissima professionalità e l’eccezionale spirito di servizio degli uomini e donne della Marina, a partire dal Capo di Stato Maggiore che sta “attuando, con misura e lungimiranza, quanto deciso dal Governo e dal Parlamento, per assicurare le risorse necessarie al rinnovamento materiale della flotta. La piena operatività di nave Alpino e nave Carabiniere, rappresenta un risultato tangibile di questo impegno che tutto il Paese ha assunto ed un ulteriore passo verso la Marina del futuro”.

Dopo gli interventi, la cerimonia è proseguita con il conferimento delle seguenti onorificenze: Medaglia di Bronzo al valor Civile e Medaglia d’Oro al merito Civile alla Bandiera di Guerra della Marina e delle Forze Navali;
Medaglia d’Argento al Valor di Marina al Tenente di Vascello Stefano La Mela, al 1° maresciallo Domenico Lombardi ed al capo di 2^ classe Riccardo Taurelli.

La giornata è quindi proseguita con la consegna delle Bandiere di combattimento alle due FREMM (Fregate Europee Multi Missione). Dopo aver ricevuto in dono dal presidente dell’ANMI i cofani porta bandiera, il comandante di nave Alpino, Capitano di Fregata Marcello Grivelli, ed il comandante di nave Carabiniere, Capitano di Fregata Francesco Pagnotta, hanno ricevuto in dono dai presidenti dell’Associazione nazionale Alpini e dell’Associazione nazionale Carabinieri le Bandiere di combattimento, simbolo della Patria ed elemento che dà identità alla nave, quale tratto di suolo italiano itinerante per le acque del mondo.

Dopo essere stata benedetta dall’Ordinario Militare, Mons. Santo Marcianò, il vessillo di guerra di nave Carabiniere è stato consegnato, come vuole la tradizione, nelle mani dell’Ufficiale più giovane dell’equipaggio, il Guardiamarina Fabio Monforte, di Formia, il quale lo ha portato a bordo dell’unità, issandolo poi a riva.