Tutti gli articoli di letizia lagni

Formia: L’associazione culturale – musicale “Choralia” in “Concerto di Natale 2015”.

Domani sera, presso la Chiesa di Don Bosco, subito dopo la celebrazione eucaristica, l’Associazione Culturale – Musicale “Choralia”, diretta dal Maestro Alfonso Priori, si esibisce nel “Concerto di Natale 2015” .
Il concerto si divide in tre parti e farà un viaggio tra le canzoni natalizie, da quelle più antiche come ” Gloria in Cielo” tratta dal Laudario n°91 a quelle più moderne quale “Quanno Nascette o Ninno” di Alfonso Maria De Liguori.
Coinvolgenti saranno gli assoli di Lorena Mordà ne “Il Magnificat” e quello di Mirella Valente in “White Christmas”
Non farà mancare il suo saluto augurale il presidente dell’associazione professoressa Anna Maria Diana.
A presentare la serata Letizia Lagni.

Formia: parte da telethon il tour natalizio dell’Associazione Culturale Il Setaccio.

Parte sabato 12 dicembre, alle ore 19, presso il Villaggio Don Bosco di Formia, il tour natalizio dell’Associazione Culturale il Setaccio, scendendo affianco a Telethon.

La compagnia porta in scena due spettacoli:  “L’anniversario”, uno dei famosi sketch dei tamarri Monica ed Enzo di Made in Sud, interpretato da Anna D’elia e Francesco Guglielmo; “Vigilia di Natale al Centro Anziani (Le zeppole melate maranolesi)”, un atto unico scritto e diretto da Antonio Forte.

Quest’ultimo racconta

una non immaginaria situazione che si crea alla Vigilia di Natale in un Centro Anziani e di come, quindi, gli anziani vivono il Natale e la sua atmosfera.

Al momento di scambiarsi gli auguri si creano paradossali situazioni che, nel contempo, mettono di buon umore e fanno riflettere sulla condizione socio-economica e culturale di oggi, passando per temi come l’ emigrazione o la difficile situazione della Chiesa cattolica.

L’occasione è valida anche per riscoprire il vero valore simbolico del Presepe e dell’albero di Natale.

Il tutto condito con le tradizionali “zeppole melate” maranolesi, prodotte con il miele, gentilmente offerto dall’Azienda Agricola Florapi.

Collaborare con gli amici di Telethon– hanno commentato Antonio Forte, direttore artistico della compagnia, e gli attori – ci fa sentire la profonda responsabilità, il compito, ed il senso grande del nostro fare teatro. Non ci resta – hanno continuato– che lanciare un appello affinché la partecipazione possa essere numerosa, ricordando che oltre a divertirsi, ci sarà l’opportunità di fornire il proprio sostegno a una causa solidale di notevole spessore”.

Lo spettacolo si può vedere anche nei giorni riportati nel calendario sottostante:

 

Minturno: l’avvocato salvatore Forte nominato commissario di Forza Italia per le elezioni amministrative 2016 nella città di Minturno.

Il Senatore Claudio Fazzone ha nominato l’avvocato Salvatore Forte commissario di Forza Italia per le elezioni amministrative 2016 nella città di Minturno.
Questa scelta scaturisce, si legge nella lettera inviata da Fazzone a Salvatore Forte, dalla considerazione che ha sempre dimostrato grandi capacità e attaccamento al partito di Berlusconi.
Il Senatore é sicuro che l’avvocato riuscirà ad apportare il giusto contributo affinché si crei una squadra determinata, coesa sul piano programmatico e capace di fornire nella sua compagine punti di riferimento per i cittadini che credono nella possibilità di creare un futuro migliore.
Per Fazzone é necessario restare compatti, prevenire ed evitare i dissidi interni al partito che, nelle ultime amministrative nella città di Minturno, hanno portato al risultato di non riuscire ad eleggere alcun consigliere di Forza Italia e hanno causato la non percezione, da parte dei cittadini, della bontà del programma politico forzista.

 

Annalisa durante, morire a Forcella a 14 anni

11896119_1621622628078102_2753042264989627075_nPaolo Miggiano, coordinatore della fondazione Polis di Napoli, non è alla sua prima volta a Formia: il 7 ottobre scorso ha ricevuto il  Premio Tulliola 2014 nella sezione saggistica per il suo libro “A testa alta. Federico Del Prete: una storia di resistenza alla camorra“, dedicato al sindacalista dei venditori ambulanti ucciso dalla camorra il 18 febbraio 2002 per aver denunciato il racket imposto nei mercati delle province di Napoli e Caserta. E non è nuovo neanche sentirlo parlare di vittime volontarie ed involontarie della camorra napoletana.

Ieri pomeriggio (lunedì 7 settembre), infatti, su invito della Centro Commerciale Naturale di Formia, Miggiano ha presentato alla villa comunale il suo ultimo libro: “Ali Spezzate, Annalisa Durante morire a Forcella a 14 anni, edito da Di Girolamo e che racconta la storia di quella ragazza quattordicenne uccisa il 27 marzo 2004 a Forcella, durante uno scontro a fuoco fra diverse fazioni della camorra.

Il Coordinatore della Fondazione Polis, con un curriculum di tutto vanto, ed intervistato dal giornalista Andrea Brengola ha illustrato il perché di questo libro: “ho semplicemente risposto all’invito del padre di Annalisa, Giannino Durante, che voleva farmi scrivere un libro sui messaggi scritti dai carcerati ed indirizzati a lui. Io, però non me la sono sentita e ho deciso di fare un’operazione verità, perché anche sulla storia della quattordicenne ci sono troppi luoghi comuni”. Continua la lettura di Annalisa durante, morire a Forcella a 14 anni

Formia: L’attività dell’Associazione Culturale Il Setaccio riprende con “Don Benedetto Ruggiero, una vita per i miei parrocchiani”.

Doppio appuntamento per “Don Benedetto Ruggiero, una vita per i miei parrocchiani” scritto e diretto da Antonio Forte ed interpretato dagli attori dell’Associazione Culturale il Setaccio di Formia.
Venerdì 4 settembre alla Multisala del Mare di Formia, all’interno del cartellone dei festeggiamenti dellaMadonna di Castagneto, organizzati dalla Chiesa di San Giuseppe Lavoratore e Santa Maria di Castagneto; sabato 5 settembre a Penitro, presso la Parrocchia del Buon Pastore, su invito dell’infaticabile Parroco Don Cristofaro Adriano.
Lo spettacolo, che ha già riscosso successo lo scorso 14 giugno a Maranola in occasione dei festeggiamenti per Sant’Antonio e durante la XXI settimana del teatro amatoriale, ripercorre il periodo di vita del Reverendo in cui è stato parroco di Maranola, ovvero dal 20 giugno 1944 al 14 agosto 1967 giorno della sua immatura scomparsa.
L’istituto per orfani e bambini abbandonati, l’attivazione del cinema parrocchiale l’organizzazione dell’azione cattolica e la trasmissione Radio dalla canonica sono solo alcune delle tante cose a cui Don Benedetto profuse tutto l’impegno possibile.
L’Arciprete fu fondamentale anche nella vita politico-amministrativa dei suoi parrocchiani: riuscì ad orientare al meglio le loro scelte affinché non venissero emarginati come in passato dal centro cittadino.
Attraverso la figura di Don Benedetto vengono messi in risalto anche altri personaggi dell’epoca che a loro modo hanno contribuito a disegnare la storia della cittadina aurunca, a risollevarla dalle macerie della seconda guerra mondiale.

“Rappresentare quest’opera a Castagneto prima e a Penitro dopo – ha evidenziato il professore Antonio Forte autore, regista e direttore artistico della compagnia – è un modo per ricordare meglio l’intensa attività umana e religiosa di Don Benedetto, figura rimasta sempre viva nel cuore del popolo formiano”.

Formia: L’Istituto Alberghiero “A.Celletti” amplia la sua offerta formativa con la musica.

È stata siglata ieri, presso la sala conferenze dell’Istituto Alberghiero “A. Celletti” di Formia la convenzione, tra la stessa scuola e l’Associazione Culturale A. Clementi, per l’apertura di una scuola civica di Musica, che si chiamerà per l’appunto “Scuola Civica di Musica Aldo Clementi”.

“Il progetto ha attratto la mia attenzione – ha dichiarato il professore Erasmo Colaruotolo, l’ormai ex dirigente scolastico dell’Alberghiero di Formia – perché ho capito che il progetto, presentatomi dai maestri Averna e Galdi, ha un valido aspetto didattico, ben strutturato che mira ad un’alta preparazione e competenza musicale”.

download

“La scuola è stata intitolata a Clementi per due motivi – ha evidenziato il maestro Vincenzo Galdi, quale direttore artistico – Uno perché Clementi è stato il mio insegnante durante il periodo di perfezionamento e due perché migliore rappresentante musicale nel panorama del ‘900”. Continua la lettura di Formia: L’Istituto Alberghiero “A.Celletti” amplia la sua offerta formativa con la musica.

Formia: AN.I.C.I. apre le porte al quartiere.

 

A.N.I.C.I. (Associazione Nazionale Invalidi Civili di Formia) apre le porte al quartiere, con
una giornata di festa, arte, musica, teatro e speranza.


Domenica 6 settembre, infatti, si tiene a Formia, presso la Parrocchia “S.S. Giovanni
Battista e Lorenzo”, a partire dalle 16, la manifestazione denominata “Disabilità nella città”
ed organizzata da A.N.I.C.I. , in collaborazione con l’ A.I.L.U.

 

(associazione Italiana
Leucodistrofie Unite E Malattie Rare) e con il gratuito patrocinio del Comune di Formia.
L’evento, presentato da Letizia Lagni (giornalista di Radio Formia), è coordinata Da Mario
Bianchini ( Presidente del comitato regionale), che nell’occasione potrebbe presentare il II
volume del libro “Mario Bianchini si racconta in una società convulsa con le proprie
esperienze”.


Continua la lettura di Formia: AN.I.C.I. apre le porte al quartiere.

Formia: A.N.I.C.I. fa un appello in favore dell’Associazione Solidarietà di Padre Domenico De Rosa.

L’associazione Solidarietà di Padre Domenico De Rosa versa in una situazione di disagio estremo a livello logistico, tanto che A.N.I.C.I. di Formia, presieduta da Mario Bianchini, ha scritto al Sindaco Dott. Sandro Bartolomeo e per conoscenza all’assessore ai servizi sociali dott. D’Angiò.
Nella missiva, Bianchini chiede che vengano concessi all’associazione di Padre De Rosa gli idonei locali ubicati presso la nuova struttura dell’ex ENAOLI, in forma gratuita.
La concessione di tali locali significherebbe, si legge nella lettera, riconoscere a Padre Domenico il ruolo dinamico che svolge da circa trent’anni, a livello regionale, provinciale e locale, volto a recuperare tutti coloro che hanno problemi non solo per dipendenze da sostanze ma, anche comportamentali come il gioco d’azzardo patologico.

Crisi Pontine

Si acuisce la crisi politica a livello pontino.
Si è partiti a Maggio con le amministrazioni di Priverno, Terracina e Latina, a seguito della sfiducia dei propri sindaci.
Poco più di due mesi dopo, stessa sorte, per l’ormai ex Sindaco del comune di Itri (Giuseppe De Santis), caduto dopo una mozione a suo sfavore, firmata da 7 consiglieri comunali, tra cui quello di FDI Raffaele Mancini.
Qualche giorno fa, ad annunciare le sue dimissioni, senza alcuna speranza di poter tornare indietro, Paolo Graziano di Minturno.
Qui ad inasprire la situazione il consiglio comunale saltato lo scorso 17 agosto, per mancanza di numero legale. Eppure, in quella sede, si sarebbe dovuto decidere di un documento importante, quale il bilancio di previsione 2015.
Non si trova certo sotto una buona stella il Comune di Castelforte e il suo Sindaco Patrizia Gaetano: durante l’ultimo consiglio comunale i consiglieri Testa e Forte hanno annunciato la loro fuori uscita dalla maggioranza. Anche qui, in occasione della riunione della massima assise civica, andava approvato il bilancio di previsione 2015.
Proprio per la mancata approvazione di questo, è giunta la diffida da parte del prefetto di Latina Dott Pierluigi Faloni.
Questi ha dato 20 giorni di tempo per approvare l’importante documento: in caso contrario l’amministrazione targata Gaetano può definirsi terminata ed il comune pronto ad essere prefettato.
Un quadro, dunque molto critico che desta preoccupazione anche nelle altre amministrazioni locali.
A tal riguardo abbiamo avuto modo di incontrare e chiedere un giudizio ad una veterana della politica: stiamo parlando di Eleonora Zangrillo, assessore ai lavori pubblici e, da fine luglio,  anche vice sindaco del Comune di Formia.
“Una risposta abbastanza complessa – ha affermato la Zangrillo – perché si dovrebbero analizzare le singole realtà locali”. “Faccio politica da quando ero più giovane – ha aggiunto – e le cose sono molto cambiate, in senso negativo: il governo nazionale cede ai comuni somme sempre minori e che non permettono all’amministratore pubblico di svolgere facilmente il suo ruolo, in linea con le esigenti richieste della comunità”.
Una situazione, a detta del vice sindaco formiano, che spesso si inasprisce anche per i rapporti non sempre rosei tra i vari consiglieri ed assessori a causa della mancanza di dialogo: “i consiglieri vorrebbero risposte – ha evidenziato- che per la giunta risulta difficile dare, proprio quale conseguenza delle sempre meno risorse”.
Gioca un ruolo fondamentale anche l’accesa intolleranza da parte dei cittadini: “ quando si fanno dei lavori, pensando alla recente asfaltatura dell’Appia, c’è sempre qualcosa che non va”.
Quello che si auspica, per tutti i comuni, compreso Formia: “ ci vuole maggiore coesione tra la cittadinanza e gli amministratori, tra i consiglieri e gli assessori ed il sindaco. L’unione fa la forza. Quando un governo cittadino cade è negativo per la città stessa, perché c’è un blocco, un rallentamento dell’attività e della programmazione”.
Non nega la presenza, comunque di giochi politici, soprattutto in alcuni comuni: “ è una cosa chiara, lapalissiana parlo soprattutto di Latina e di Terracina”.
In conclusione, l’assessore ha ribadito che si tratta di una valutazione veloce: “ il discorso potrebbe essere ben più ampio e completo”.

Breve periodo di ferie per l’associazione culturale il Setaccio

11800164_919807321435226_1846940044715786866_n 11800323_919807328101892_2907784225123095689_n 11825238_919850684764223_955398423942927190_n

Breve periodo di vacanza per l’Associazione Culturale il Setaccio di Formia, dopo che ieri sera (04 agosto) ha ottenuto ancora uno strepitoso successo con “La Nova Cantina de Federico Filosa”.
Ieri l’atto unico ha interessato il divertito ed amplio pubblico di Madonna del Piano, nell’ambito di Ausonia Teatro, su invito dell’assessorato alla cultura e della Proloco ausoniesi per i quali erano presenti il Sindaco Benedetto Cardillo, l’assessore alla cultura Raffaella Cappelli ed il presidente della Proloco Antonio Cardillo.
Soddisfatto il professore Antonio Forte (direttore artistico de “Il Setaccio”) dei grandi consensi che sta portando a casa la compagnia , il cui impegno, a favore di un teatro quale insieme di passione, voglia di divertirsi e divertire e volontà di rivalutare e diffondere storia e tradizioni locali, è stata la partecipazione a Campobasso alla XIX edizione de “il Festival Nazionale del Teatro Popolare e della Tradizione”.
“La cosa che più mi ha riempito il cuore di gioia – ha aggiunto il professor Forte – è stata la partecipazione di un gruppo di bambini. È bello vedere che la nostra associazione gli ha dato la possibilità di conoscersi: dimostrazione che il teatro svolge un ruolo fondamentale nella socializzazione già a partire dalla tenera età”.
I bravissimi ed amatoriali attori ora ritorneranno sul palco il 4 ed il 6 settembre con l’interpretazione di “Don Benedetto Ruggiero, una vita per i miei parrocchiani”, il dramma anch’esso scritto e diretto dal professore Antonio Forte per ripercorrere il periodo di vita del Reverendo in cui è stato parroco di Maranola, ovvero dal 20 giugno 1944 al 14 agosto 1967 giorno della sua immatura scomparsa.
Il 4 settembre l’appuntamento è alla Multisala del Mare di Via Olivastro Spaventola, in occasione dei festeggiamenti per la Madonna di Castagneto.
Il 6 settembre, invece, a Penitro nella Piazza antistante la Chiesa del Buon Pastore, su invito dell’attivissimo parroco Don Cristoforo Adriano.