Archivi categoria: Amatoriale

L’EVENTO PORTENTOSO

L’EVENTO  PORTENTOSO

 

L’alba ad oriente

è spuntata e bella,

dai colori variegati,

colora e illumina

la culla del Bambinello.

 

Il sole sorge e splende,

va su in alto

e scalda tutti

ricchi e poverelli.

 

L’evento è straordinario

per noi credenti,

si rinnova la venuta

del Cristo uomo sulla terra.

 

Uomini e donne potenti :

“ Obama, Putin  e la Merkel

pensate sempre alla pace

e non alla guerra.

 

Lasciate quieta

la povera gente,

deponete le armi

e i raid aerei,

abbassate le tasse,

create lavoro,

unico deterrente vero,

per tenere uomini e donne

tranquilli e sereni.

 

 

BUON  NATALE

 

Trivio 25 dicembre 2013                                                               Dino

{jcomments on}

L’EVENTO PORTENTOSO L’alba ad oriente è spuntata e bella, dai colori variegati, colora e illumina la culla del Bambinello. Il sole sorge e splende, va su in alto e scalda tutti ricchi e poverelli. L’evento è straordinario per noi credenti, si


 

 

L’alba ad oriente

è spuntata e bella,

dai colori variegati,

colora e illumina

la culla del Bambinello.

 

Il sole sorge e splende,

va su in alto

e scalda tutti

ricchi e poverelli.

 

L’evento è straordinario

per noi credenti,

si rinnova la venuta

del Cristo uomo sulla terra.

 

Uomini e donne potenti :

“ Obama, Putin  e la Merkel

pensate sempre alla pace

e non alla guerra.

 

Lasciate quieta

la povera gente,

deponete le armi

e i raid aerei,

abbassate le tasse,

create lavoro,

unico deterrente vero,

per tenere uomini e donne

tranquilli e sereni.

 

 

BUON  NATALE

 

Trivio 25 dicembre 2013                                                               Dino


{jcomments on}

Tradizione Natalizie a Trivio negli anni trenta e quaranta

E’ Natale a Triugliu – Di Alessandro Treglia(Masto Lisandro)

E’ Natale, gliu foco a mezzo la piazza s’e’ppicciato.

Gli Triulesi con tanto amore stann’aspetta’,

Che le lene foco se fa’, pe se scauta’.

Chisti so gli Natale degli’anni trenta e quaranta,

Che nun se ponno mai scurda’

Gl’omeni, le femmene, gli vagliuni e piccirigli,

Attorno a gliu foco stanno aspetta’

La funzione della nativita’.

E cuanne gliu rulogio vatte la mezzanotte

Tutti correno a la chiesa pe prega’,

Che gliu Bambinegliu nascera’.

Gli vagliuni stanno de reto a gliu presepio

Pe suna’ gliu zuffaregliu e pe canta’.

Fenuta la novena tutti ‘nfredduliti

iamo ‘nzeme a “Gniore Patino”,

Cu gliu bambinegliu a mano,

Pe benedice gliu foco e pe se scauta’.

Dopo la benedizione, a casa ammo turnato,

La famiglia era gia la’, ch’aspettava,

Pe ci da’ gl’auguri de Bon Natale,

Gli zampugnari co le biffere e ciaramelle,

Girano tutto gliu paese, porta pe porta,

Purtanno auguri de pace e de felicita.’

BON NATALE A TUTTI CUANTI!!


{jcomments on}

TRIVIO QUEL DI’ DI VENERDI?

TRIVIO

 

QUADRO  DI SETTIMIO GUGLIELMO

 


TRIVIO QUEL DI’ DI VENERDI’…


RICORREVA VA L’ANNO 1943

 

QUELLA GIORNATA DI VENERDI,

ALLA COSTARELLA IO ERO LI’.

UNA GIORNATA GELITA E FUNESTA ,


CON NANONNA  A FARE LA “ MENESTA “

LA SUA MANO MI COPRI SUBITO IL VISO

UDII GLI SPARI E A LORO SI SPENSE IL SORRIRO

RASTRELLATI APPENA ACCOVACCIATI

LI HANNO UNO A UNO FUCILATI.

NOI TUTTI UNITI IN UN LUNGO PIANTO

OGNIUNO PREGANDO IL PROPRIO SANTO


ANTONIO, ANGELO, LUIGI, SALVATORE,


TRUCUDATI VI RICORDEREMO    CON ONORE


ALFREDO, ERSILIO, FRANCESCO E GIOVANNI.


NON VI DIMENTICHEREMO NEMMENO TRA CENT’ANNI.


XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

ANTONIO GUGLIELMO.


IL BRIGANTE BUONO TRATTO DA TESTIMONIANZA

D’URSO PAOLINA QUEL DI’ AVEVA 10 ANNI

{jcomments on}

 

GLIU MUGLINARU

(GLIU MUGLINARU)


(Maestro Settimio Guglielmo)


NON E’ MAI TROPPO TARDI,

FINALMENTE QUALCUNO

HA BEN PENSATO

A GLORIFICARE E LODARE

UN ECCELLENTE MAESTRO DELLA PITTURA.


GRANDE UOMO, GRAN MAESTRO DI VITA,

SAGGIO ED ERUDITO.


CON I SUOI AMMIREVOLI

E INCANTEVOLI QUADRI,

RIPRODUCENTI FEDELMENTE

LE BELLEZZE DELLA DIVIN NATURA,

CON COLORI E SFUMATURE,

BELLE E SUBLIME,

HA DELIZIATO E DELIZIA

LA MENTE E IL PALATO

DEI CULTORI DELLA NOBIL ARTE:

“ LA PITTURA “.


HA DATO LUSTRO E NOTORIETA’,

CON IL SUO MAGICO

E FATATO PENNELLO,

AL SUO AMATO PAESELLO,

A CUI E’ AFFEZIONATO.


L’HA FATTO CONOSCERE,

ED E’ SEMPRE PRONTO

A LODARNE LA STORIA,

LE TRADIZIONI E I COSTUMI.


BRAVO MAESTRO,

AD MAIORA SEMPER.


NON CI SONO PIU’ NEL ZINCARETTI,

AGGETTIVI QUALIFICATIVI

PER LODARE LE TUE DOTI ARTISTICHE

E ANCHE DI GRANDE ESPERTO DI

ERBORISTERIA E DI ARNIE.



TRIVIO 24.08.2013                                                                                                                                                            Dino

 

 

{jcomments on}

I MAESTRI ENCOMIABILI

I MAESTRI ENCOMIABILI

Caro brigante,

nel vedere la foto postata di una classe di ragazzi mascherati della Scuola Elementare di Trivio, con la maestra Anna Mitrano, mi viene in mente quando frequentavo la seconda, nella casa di “masto Gildu”, perchè  la scuola era inagibile, ed arrivò ad insegnare questa bella, affascinante e preparata giovane gaetana.

Non ho avuto la fortuna di averla come maestra, ma l’ho frequentata perchè abitava difronte al negozio di alimentari della mia famiglia. Era sempre pronta ad aiutare chi aveva bisogno e insieme a tutti gli altri maestri, specialmente con il maestro Luigi Simeone, diventato poi suo compagno di vita, ad ogni forma di attività culturale o ricreativa della scuola. Ricordo le feste degli alberi, le prime recite scolastiche e “gliu pasconu”. Il martedi dopo Pasqua, tutte le classi si recavano alla Madonnella (località tra Trivio e Castellonorato), per consumare la pigna, un finocchio e qualche mandarino.

Per noi, che non avevamo niente, perchè uscivamo da una tremenda ed efferata guerra, questo giorno era una festa e l’attendevamo tutto l’anno.

La maestra Anna e il maestro Luigi, sono stati non solo preparatori culturali, ma principalmente maestri di vita, hanno insegnato a tutti, con il loro esempio di coppia elegante, affiata e consolidata, il senso del rispetto, il rispetto della famiglia e il vero e sano modo di vivere la vita,  sana, in legalità e in armonia.

Hanno veramente lasciato un segno indelebile nel paese, grazie maestra Anna, grazie maestro Luigi, per tutto quello che ci avete insegnato.

Dino

{jcomments on}

LA STRAMMA

 

La stramma

 


Cu nu filu de stramma

stat’ attente che te pu’ taglià,

 

Ma chi la sa abbruinà

nu furinciegliu po fa,

ma se la sai ‘ntreccia’

a 5, 7, 9 filu

la jettola riisci a fa,

e na sporta, na spasella

e na scupetta la sai già fa.

 

Ma ta’ ricurdà

che la stramma

prima le i’  a fa,

e gliu’ fascinu, alla casa,

‘ncapu tu gliu devi purtà.

 

na sporta pena

e gl’asenu pe capezza

alla casa glia tirà,

ma statte attentu

che gl’ asenu,

pella fama cumincia a raglia’,

e basciu la stalla

stanotte la stramma

se  la po’ magnà.

 

 

IL BRIGANTE

{jcomments on}

Buon anno

Auguri de Bonagnu a tutti quanti e a te Brigante,

 

ricurdandu nata bella usanza

 

degliu nostu paesellu: “Triugliu”.

 

 

GLIU TOCCU DE CAPUDAGNU


Solevanu gliantichi cumpari triulesi,


gliu iornu dell’urdema degliagnu


bussà tre vote


agliu purtonu della casa


degliu Sangiuvagnu,


cu nu begliu toccu


de lena davvrivu,


ncoppa le spalle.

“ Bonì, Bonagnu,


chistu è gliu toccu de capudagnu,


chistu e auti pe centagni,


auguri a tuttu gliu gnoru


nucleu famigliaru,


cumpresu nore, ienneri e neputi


de bona finu e bonu principiu d’agnu”.

Se gliu cumparu aggradiva


e gliu purtunu rapriva:


“Cummà, cummà Cuncettina,


subbutu, subbutu, apprepara


na giarra e nu fiascu


de vinu della Jagna,


chigliu russu, che venutu


propriu bonu chistagnu,


nu panugliu de panu friscu


e na catena de sauccia,


chella tosta e affumicata,


accussì la gustamu e


la magnamu tutti quanti.


Aspettannu, doppu l’agnu novu,


tra na fella de panu friscu,


abbrustulita sugli tizzunu,


cu nu filu dogliu delle pissiunu


di Mummaranu o Punzanegliu


e nu bicchiuru de vinu bonu,


preamu chistu picculu


che sta arrivannu.

Accussì sia nu pocu chiu bonu,


di chigliu che se n’è andatu,


almenu chesta è la speranza,


che ci auguriamu ogni agnu


nel farci gliauguri


gliu principiu degliagnu.



Trivio 30.12.2012

Dino

{jcomments on}

Arriva il Natale

 

Caro brigante, come ti ho promesso ,


ad ogni ricorrenza scriviamo qualche cosina,


ricordando i detti e le usanze del nostro paesello, inserendo

 

qualche notizia eclatante dei nostri tristi giorni,


che ci sta portando tutti alla povertà.

 

 

ARRIVA NATALE – MISERIA E POVERTA’

 

Natale alle portu sta,


oggi chiove, stracqua


e che friddu che fa


alla casa degliauti


nun se po stà.


Lu spread va su e giù,


l’imu alle stelle, che strazziu quaggiù,


aumentanu le tasse


e u pigionu schizza su.


 

Ciannu prusciugatu, asseccatu,


ciannu toltu la serenità,


gliu sognu e puru


la dignità.


 

Le saccocce se so vacantate,


u lavoru nun c’è chiù,


c’è rimasta solu la speranza


che è lurdama  a murì.


 

Ma come dicevanu spessu


i nosti avi triulesi,


chi “de speranza campa


disperatu more”.


 

 

Nun pussiamu nemmenu


chiù preà Gesù Bambinu


la notte de Natale,


pecchè puru lui è poverellu,


nasce in una stalla


agliu friddu, al gelu,


riscaldatu sulamentu, nella magnatora,


dagliu buu e l’asinellu.

 

 

 

Agli chiu picculi de casa ,


nun se pò chiù raccuntà


gliu dettu cuntadinu:


“Mo vene Natale e Babbu Natale


che porta nuci, mengule e vallane,


e nu pisu de farina


pè fa quattu zeppule


agli grossi, nonni e bambini.


Primma puru se raccuntava :


“Doppu Natale friddu e fame”.


Ma, mo c’è na grossa nuvità,


le stagionu  so stralunate:


“U friddu e a fame,


hannu anticipatu u loro arrivu”.

 

 

Che patimentu, che sofferenza


pè nui  povera gente.


 

Le saccocce su vacantate, rivultate,


pure la polvere se so pigliata


e nun ciannu lasciatu mancu


nu centesimu de quattrinu.



 

Se son prelevatu tuttu,


oru, argentu, ricordi de famiglia


e puru gli risparmi d’una vita,


che conservavamu gelosamentu


agliu pizzu degliu saccunu


de spoglie de rauniniu.


 

Mentre loru ancora guzzuviglianu,


con ostriche e champagnu


e si riempiono u portafogliu


con stipendi da nabbabbu,


a nui poveri murtali


ciannu messu in braghe di mutande


e nun ciannu lasciatu mancu


gli cauzzuni, la cammisa e gli cauzzettini.


 

Trivio 14.12.2012                                                                 Dino

 

{jcomments on}