Digressioni

IL TONDO IL SIMBOLO DI MARANOLA VA RESTAURATO E SALVAGUARDATO

TONDO MARANOLA  RIVELLINO 923_n (4)

 

TONDO MARANOLA 923_n (1)

TONDO MARANOLA 923_n (2)TONDO MARANOLA  RIVELLINO 923_n (5)

 

ART TRATTO DA FREEVILLAGE

Notizie Maranola

Scritto da Circoli Cittadini Formia SEL PD IDV

Sabato 07 Luglio 2012 18:21

891 letture

.

.

.

.

MARANOLA-TONDO V-01

.

.

.

.

.

.

Non si tocca

il “Tondo” di Maranola

Nel XIV secolo “Rivellino”, torre fortificata a difesa del borgo medievale; nel XIX secolo “Seggio”, elemento decorativo della nuova facciata monumentale del paese; il “Tondo”, come viene affettuosamente chiamato da tutti i maranolesi, è da seicento anni punto focale dello skyline urbano del borgo di Maranola e allo stesso tempo patrimonio insostituibile della memoria storica di chi lo abita.

Tutto questo non basta a preservare uno dei monumenti più importanti e significativi della storia urbana e civile di Maranola e di tutta la comunità formiana. L’attuale Amministrazione comunale, dopo averlo considerato fatiscente, ha deciso di porre rimedio alla sua “vecchiaia” con un bel progetto di restauro che lo rinnovi e lo renda più bello e presentabile.

Un progetto di ”restauro” concepito come un vero e proprio rifacimento del monumento che sostituendo le “vecchie pietre e i vetusti mattoni” con materiali nuovi e meglio assemblati lo faccia risplendere di nuova luce. Non un restauro, ma un rifacimento, appunto. In barba a qualsiasi buona regola di tutela e contro i più elementari criteri scientifici di conservazione e recupero.

Oggi il progetto è diventato realtà con l’inizio dei lavori e subito ci si è resi conto dello scempio che si stava perpetrando alle spalle dei Maranolesi. Sì, alle spalle dei Maranolesi che di questo progetto non sanno nulla e sono, come sempre, allo scuro delle scelte dell’Amministrazione comunale che agisce nell’ombra evitando accuratamente di informare i cittadini delle proprie scelte.

Intravvediamo in questo gesto dell’Amministrazione l’arroganza di chi considera e tratta il territorio che governa come il giardino di casa propria. Ancora una volta, questa Amministrazione non si pone il problema di informare e consultare il cittadino su decisioni e azione che direttamente lo riguardano.

Un atto così grave, anche e soprattutto sotto il profilo storico-artistico, non può passare inosservato e per questo invitiamo tutti i cittadini a reagire chiedendo che l’Amministrazione comunale sospenda i lavori e riformuli il progetto e la Soprintendenza competente vigili sulla tutela e salvaguardia del nostro patrimonio monumentale.

Circoli cittadini di Formia

SEL PD IDV

 

Un treno storico per il tratto ferroviario Formia Gaeta

Downloader

Formia, 13 Aprile 2016: Il Comitato Ferrovia Formia Gaeta ritorna sulla riattivazione del tratto ferroviario Formia Gaeta fino a loc.tà Bevano e propone di portare a Gaeta , meta turistica ancora parzialmente inespressa, un turismo sostenibile di qualità, puntando al raggiungimento di borghi, città d’arte e paesaggi, con il conseguente utilizzo di un treno storico in occasione di eventi straordinari.Downlo cader
Si tratterebbe di un treno del tipo locomotiva a vapore e diesel, oppure carrozze in legno dei primi del novecento, che condurrebbe i turisti alla riscoperta del meraviglioso Golfo di Gaeta, attraversando stazioni intermedie quali Formia, Minturno, Sessa Aurunca e Aversa.
“Esso rappresenterebbe – ha sottolineato Sara Palmieri (vice presidente del Comitato) – un vero e proprio museo dinamico alla portata di tutti per far conoscere ai turisti le eccellenze del nostro territorio e condurli direttamente nella magnifica residenza reale di Caserta”.
“Un’idea – ha aggiunto la Palmieri – per rilanciare e dare impulso ad un turismo intelligente e non più mordi e fuggi”.

Comitato Ferrovia Formia Gaeta
Il Vicepresidente Sara Palmieri

ALESSANDRO IZZI VINCE IL PREMIO PER RACCONTO INEDITO AL GIOVANE HOLDEN

ALESSANDRO IZZI VINCE IL PREMIO 

PER RACCONTO INEDITO AL GIOVANE HOLDEN

 

premiazione

Alessandro Izzi, critico cinematografico e drammaturgo, ha vinto il Primo premio per il Racconto inedito nella IX edizione del Premio Letterario Giovane Holden, con “Eva” una storia di guerra ambientata ai tempi del secondo conflitto mondiale.

La cerimonia di premiazione si è svolta lo scorso 26 settembre a Lucca e alla fine della stessa è stata presentata l’antologia dei racconti e delle poesie finaliste della sezione inedito dal titolo “I giovani di Holden”, pubblicata dai tipi della Giovane Holden edizioni.
Un riconoscimento molto importante, quello ottenuto dall’autore gaetano, perché il Premio Giovane Holden si è imposto con il tempo come uno dei concorsi più partecipati a livello nazionale. Erano, infatti, 1501 i partecipanti al concorso, di cui 319 concorrevano nella sezione racconto nel quale ha alla fine trionfato “Eva”.

Continua la lettura di ALESSANDRO IZZI VINCE IL PREMIO PER RACCONTO INEDITO AL GIOVANE HOLDEN